i-bookmakers.it
Logo di i-bookmakers .it
Notizie di Scommesse

Real Madrid

In questa pagina trovate articoli riguardanti Real Madrid.
football line

Pronostico Real Madrid – Viktoria Plzen Quote Scommesse Champions League

Partita: Real Madrid – Viktoria Plzen, Champions League
Data: 23/10/2018 – ore 21:00
Pronostico di scommesse: Real Madrid
* Quota: 1,07 (del 23/10/2018 alle ore 01:52)
Bookie: Bet365

In questi giorni torna la Champions League con la terza giornata nella fase a gironi. Nel gruppo G, oltre alla sfida casalinga della Roma contro il CSKA Mosca, martedì 3 ottobre alle ore 21.00 andrà in scena anche la sfida fra il Real Madrid e il Viktoria Plzen. Nella cornice dell’Estadio Santiago Bernabeu si troveranno di fronte la settima nella La Liga spagnola e la seconda nel campionato ceco. Nei primi due turni del gruppo G della Champions League, il Real Madrid e il Viktoria Plzen hanno raccolto rispettivamente uno e tre punti.

È, però, sicuramente il Real Madrid che ha più da perdere nella gara contro il Viktoria Plzen. E con le “Merengues” soprattutto il loro allenatore Julen Lopetegui che è sempre più in bilico dopo aver raccolto soltanto un punto nelle più recenti gare ufficiali fra campionato e Champions League. Antonio Conte starebbe cercando di liberarsi dal contratto che lo lega al Chelsea ora guidato da Maurizio Sarri, con Laurent Blanc e Michael Laudrup che sarebbero le alternative. Dopo essersi imposto per 3-0 davanti al proprio pubblico contro la Roma nella prima giornata del gruppo G in Champions League, un risultato che peraltro era stato stretto agli Spagnoli, il Real Madrid aveva festeggiato un successo casalingo per 1-0 contro l’Espanyol. Il 26 settembre uno 0-3 sul campo del Siviglia aveva inaugurato la striscia negativa delle Merengues che da allora sono rimaste imbattute soltanto nel Derby all’Estadio Santiago Bernabeu contro l’Atlético Madrid terminato a reti inviolate. Il 2 ottobre una sorprendente battuta d’arresto per 0-1 sul campo del CSKA Mosca in questo momento capolista nel girone era stata la prima di tre sconfitte consecutive. Il Real Madrid è, infatti, caduto anche in campionato per 0-1 in casa dell’attuale terza Deportivo Alavés e nella finora ultima uscita per 1-2 fra le mura amiche contro il Levante. Le “Granotas” sono così salite all’ottavo posto e hanno soltanto una lunghezza di svantaggio dal Real Madrid.

Oltre all’avvicendamento in porta, dove Keylor Navas è il titolare in Champions League, Lopetegui dovrebbe effettuare altri quattro cambi per la gara casalinga del Real Madrid contro il Viktoria Plzen e rispetto alla sfida persa contro il Levante. Nel pacchetto offensivo, Bale e Benzema dovrebbero affiancare Asensio, mentre Vázquez e Díaz dovrebbero accomodarsi in panchina. Lo stesso dovrebbe accadere a Isco che, dopo una prestazione particolarmente negativa contro il Levante, dovrebbe essere sostituito da Kroos. Nella difesa a quattro davanti a Navas, Nacho dovrebbe giocare dal primo minuto al posto di Odriozola ed essere affiancato dai confermati Varane, Ramos e Marcelo. Il difensore destro titolare, Daniel Carvajal, è alle prese con un infortunio subìto nella gara persa sul campo del CSKA Mosca.

Dall’altra parte del campo, il Viktoria Plzen di Pavel Vrba è giunto a Madrid dopo essersi dovuto accontentare il 19 ottobre di un 2-2 sul campo del Bohemians Praga ottavo in classifica con dodici punti in meno rispetto ai Campioni in carica della Repubblica Ceca. I “Rossoblu” sono imbattuti da tre gare di campionato perché prima e dopo la sconfitta per 0-5 incassata a Roma avevano raccolto successi casalinghi per 1-0 contro lo Sparta Praga terzo in classifica, oltre che contro il Teplice undicesimo in graduatoria. Il Viktoria Plzen, che in patria occupa il secondo posto con 28 punti raccolti in dodici giornate e con due lunghezze di svantaggio dallo Slavia Praga, deve il suo finora unico punto nel gruppo G della Champions League a un 2-2 casalingo contro il CSKA Mosca. I Cechi, che avevano terminato il primo tempo in vantaggio per 2-0 grazie a una doppietta di Michael Krmencik, hanno subìto quantomeno due reti in ognuna delle più recenti sei uscite in Champions League.

Vrba deve rinunciare all’infortunato centrocampista Jan Kopic, ma ha recuperato i difensori Radim Reznik e Lukas Hejda che dovrebbero affiancare Hubnik e Limbersky nella difesa a quattro davanti a Kozacik. Hrosovsky e Prochazka dovrebbero formare la linea di mediana. Zeman, Horava e Kovarik dovrebbero supportare l’unica punta Krmencik.

Real Madrid – Viktoria Plzen Champions League Pronostico

Pronostico Real Madrid – Viktoria Plzen: Il Real Madrid parte nettamente favorito per la sfida casalinga contro il Viktoria Plzen, il cui colpaccio all’Estadio Santiago Bernabeu varrebbe oltre 30 volte la posta. Complici anche le sette reti finora subite dai Cechi nel gruppo G della Champions League, vi proponiamo come alternative delle scommesse sull’over 2,5 con le quote scommesse di 1,22 e di 1,25 offerte dai bookmakers Bet365 e Unibet *.

Real Madrid – Viktoria Plzen Champions League Quote Scommesse *

Bet365: Real Madrid 1,07 / Pareggio 15,00 / Viktoria Plzen 34,00
Unibet: Real Madrid 1,08 / Pareggio 14,00 / Viktoria Plzen 36,00
(Quote scommesse del 23/10/2018 alle ore 01:52)

football line

Pronostico Real Madrid – Atletico Madrid Quote scommesse LaLiga

Partita: Real Madrid – Atletico Madrid LaLiga
Data: 29/09/2018 – ore 20:45
Pronostico di scommesse: Real Madrid
* Quota: 2,10 (del 29/09/2018 alle ore 01:30)
Bookie: Bet365

Dopo il turno infrasettimanale, così come nel campionato italiano, altra coincidenza con la nostra Serie A troviamo nella settima giornata della Liga spagnola. Se da noi uno dei match più importanti è il derby di Roma, in Spagna sabato 29 settembre 2018 tiene banco quello di Madrid, tra Real e Atletico, il vincitore della Champions League 2017-2018 contro quello dell’ Europa League, ma ovviamente non solo questo. È una stracittadina, con tutti gli annessi e connessi. Real Madrid – Atletico Madrid si gioca alle 20.45  allo stadio “Santiago Bernabeu”, quindi in casa delle “Merengues”.

Nel turno infrasettimanale le due squadre di testa, il Barcellona e lo stesso Real hanno entrambe perso il loro impegno, ridando quindi fianco alle inseguitrici, che poi sono l’Atletico che invece ha battuto il fanalino di coda Huesca, l’Alaves e l’Espanyol, anch’essi come i “Rojiblancos” a undici punti. Poi c’è il Siviglia. Insomma: non una passeggiata per le due squadre in genere dominatrici, ma questa situazione sembra modificata da qualche tempo, anche se più per il Real che per i “Blaugrana”.

E allora, se il Barcellona è stato sgambettato dal Leganes penultimo, il Real ha perso pesantemente (0-3) a Siviglia. I turni infrasettimanali servono anche a creare evidentemente maggiore imprevedibilità, e più “pepe” in vista del derby madrileno.

Salutato Cristiano Ronaldo, salutato il tecnico Zidane, l’era Lopetegui finora – passo falso di mercoledì a parte – prosegue bene, come ha dimostrato anche il 3 a 0 sulla Roma in Champions League. La squadra ha finora segnato dodici reti, subendone sei. Che sia rimasto o meno controvoglia Luka Modric, come noto corteggiato dall’Inter, comunque il suo lo sta facendo e molto bene, così come Karim Benzema, e il discorso vale anche per Asensio, che pur non essendo CR7 si sta facendo notare e potrà tornare molto utile in questa occasione, dato che Isco è indisponibile. Rischia il forfait anche Marcelo per un infortunio muscolare: il terzino potrebbe essere quindi sostituito nel ruolo da Nacho.

Le tre vittorie consecutive dell’Atletico tra Champions League (con il Monaco) e campionato, stanno rilanciando le quotazioni della squadra di Simeone. Una vittoria nel derby porterebbe al sorpasso nei confronti dei cugini e, se il Barcellona dovesse avere problemi con l’Athletic Bilbao, potrebbe addirittura spedire i “Rojiblancos” in testa alla classifica, da soli o insieme con il Barcellona il cui tecnico Valverde paradossalmente viene dato a rischio di esonero. Un problema al momento è la poca prolificità degli attaccanti: Griezmann ha al suo attivo in questa stagione solo due gol, ma anche tre assist. Unico indisponibile per questa partita è il difensore centrale Stefan Savic.

Il Real dovrebbe schierarsi con il 4-3-3: Courtois tra i pali, Nacho e Odriozola come terzini, Varane e Ramos invece difensori centrali, Casemiro in cabina di regia, con Vazquez e Modric mezzeali, tridente con Asensio, Benzema e Bale.

4-4-2 invece per l’Atletico: Obak a difesa della rete, centrali Gimenez e Godin, terzini Juanfran e Filipe Luis, sulle fasce Correa e Lemar, Koke e Niguez in mediana, davanti Diego Costa e Griezmann.

Per quanto riguarda la Liga, si tratta del 163° derby di Madrid. Il Real domina, avendone vinti 86 contro i 39 degli avversari, mentre i pareggi sono 37. Tra questi, anche i due confronti avvenuti nel campionato dello scorso anno, mentre la finale della Supercoppa Europea, lo scorso Ferragosto, è stata vinta dall’ Atletico ai supplementari per 4 a 2 dopo essere finita 2 a 2 al termine dei tempi regolamentari.

Real Madrid – Atletico Madrid pronostico

Real Madrid – Atletico Madrid: i “Blancos” sono ovviamente favoriti, ma le quote non particolarmente distanti fanno capire la diffidenza che c’è di fronte a un derby come questo.

Real Madrid – Atletico Madrid quote scommesse*

Bet365: Real Madrid 2,10/ pareggio 3,30/ Atletico Madrid 3,75
SNAI: Real Madrid 2,10/ pareggio 3,30/ Atletico Madrid 3,65
(Quote scommesse del 29/09/2018 alle ore 01:30)

football line

Pronostico Real Madrid – Roma Quote scommesse Champions League

Partita: Real Madrid – Roma Champions League
Data: 19/09/2018 – ore 21:00
Pronostico di scommesse: Real Madrid
Quota: 1,33* (del 18/09/2018 alle ore 22:20)
Bookie: Bet365

È certamente una delle partite più attese di questo primo turno della fase a gironi di Champions League stagione 2018-2019, quella in programma allo stadio “Santiago Bernabeu” alle 21.00 di mercoledì 19 settembre 2018, arbitro l’olandese Kuipers. Il Real Madrid incontra la Roma, ed è un test molto interessante per diversi motivi.

Il primo, ovviamente, riguarda il Real “orfano” di Cristiano Ronaldo e con un nuovo allenatore dopo l’addio di Zidane, ossia quel Lopetegui che per avere annunciato prima del Mondiale che avrebbe guidato i “Blancos” è stato licenziato in tronco e quasi con ignominia dal ruolo di ct dalla federazione spagnola, con tutte le conseguenze del caso che poi ci sono state.

Il Real, per ora, è sembrato riuscire a fare a meno abbastanza bene di CR7: tre vittorie di fila nelle prime giornate della Liga, ma nell’ultima un pareggio per 1 a 1 sul campo dell’ Athletic Bilbao, al contrario del Barcellona rivale di sempre che è a punteggio pieno. La testa, probabilmente, era già sulla Champions e su questa sfida. Peraltro, certi atteggiamenti in campo e fuori dal campo del capitano Sergio Ramos negli ultimi tempi fanno abbastanza discutere.

La Roma, tanto per cambiare, è nella bufera, e già al centro dei soliti processi che un ambiente molto caldo e legato ai risultati non lesina neppure a chi ha già fatto bene. Resta il fatto che la colpa maggiore che viene imputata alla società, e all’allenatore per non averlo impedito, sia stata quella di cedere Nainggolan e Strootman, lo scorso anno elementi importantissimi. La Roma viene in campionato da un pareggio casalingo con il Chievo (2 a 2) che ha sottolineato ancora i difetti dei “Giallorossi”, dopo la precedente sconfitta da parte del Milan a San Siro.

Anche per questo si punta molto sull’adrenalina che può dare la Champions League ed una sfida con i campioni in carica, i detentori della coppa, che naturalmente si candidano alla riconquista del trofeo. Sapendo anche che in trasferta, con quel pubblico, è difficilissimo per tutti. Ma ricordando anche che la Roma nella passata stagione è arrivata fino alla semifinale, eliminando il Barcellona ai quarti.

Lopetegui non ha voluto dire chi sarà titolare in porta fra Courtois e Navas, e anche sul resto della formazione non si è sbilanciato più di tanto. Su Modric, corteggiato a lungo dall’ Inter, ha spiegato che migliora ogni giorno di più e che ha bisogno di tranquillità per recuperare del tutto.

Quanto a Eusebio Di Francesco, che ha difeso il figlio Federico (giocatore del Sassuolo) nella vicenda dello sputo di Douglas Costa che ha portato alla squalifica dello juventino per quattro turni, punta molto alla voglia di riscatto della Roma in una partita come questa, insidiosissima e per la quale le scelte potrebbero essere diverse e sorprendenti. Il tecnico giallorosso ribadisce che possono coesistere De Rossi e Nzonzi, il quale può giocare anche come mezzala, lasciando al capitano il ruolo di regista, e annuncia che Perotti andrà in panchina. Non ci sarà Pastore, alle prese con problemi fisici.

Le possibili formazioni: le due squadre dovrebbero partire con il 4-3-3, e Courtois rimane favorito come portiere del Real. Davanti a lui Sergio Ramos e Varane, terzini Carvajal e Marcelo, Casemiro regista, mezzeali Kroos e Modric favorito su Isco. Davanti Bale, Benzema e Asensio, anche se Lopetegui non ha escluso un impiego di Mariano Diaz dal primo minuto.

Secondo le ipotesi formulate dagli osservatori dopo l’ultimo allenamento, il 4-3-3 iniziale di Di Francesco, che potrebbe diventare poi un 4-2-3-1, un po’ come gli avversari, dovrebbe vedere davanti al portiere Olsen, come difensori centrali Manolas e Fazio, terzini ovviamente Florenzi e Kolarov, De Rossi regista, con Cristante e Nzonzi mezzeali, tridente affidato a Under, Dezko ed El Shaarawy.

In Champions League le squadre si sono affrontate nove volte, con sei vittorie degli iberici, tre dei romanisti e un solo pareggio, un 1-1 che risale al 2001.

 

Real Madrid – Roma pronostico

Real Madrid – Roma: poche speranze secondo i bookmakers al “Bernabeu” per la Roma, che in Champions non batte il Real dal 2008, ma complessivamente dal 2014 tenendo conto di una partita di International Champions Cup. Naturalmente chi scommette tiene anche conto delle quote alte per l’X e il 2, anche se c’è differenza tra gli operatori.

Real Madrid – Roma quote scommesse*

Bet365: Real Madrid 1,33/ pareggio 6,00/ Roma 9,50
William Hill:
Real Madrid 1,33/ pareggio 5,50/ Roma 7,50
(Quote scommesse del 18/09/2018 alle ore 22:20)

football line

Il bookmaker Betfair offre una promozione dedicata a Real Madrid – Atlético Madrid

Betfair

A esattamente un mese di distanza dalla finale dei Mondiali 2018 in Russia vinta dalla Francia ai danni della Croazia, mercoledì 15 agosto alle ore 21.00 ora italiana andrà in scena la finale della Supercoppa UEFA 2018 Real Madrid – Atlético Madrid. Nella cornice della A. Le Coq Arena di Tallinn per la prima volta nella storia saranno due squadre della stessa città a contendersi questo titolo. Questo perché le “Merengues” e i “Colchoneros” nella scorsa annata da un lato non hanno trionfato in patria, e dall’altro hanno conquistato rispettivamente la Champions e l’Europa League. Una finale fra due formazioni spagnole in terra estone avrebbe già di per sé qualcosa di folle, ma ormai non è una novità in un panorama calcistico che vede per esempio disputare la finale della Supercoppa italiana a Doha e quella della Supercoppa spagnola in Marocco.

In quest’occasione, però, si trovano di fronte due big del calcio europeo, oltre che di quello iberico, con problemi di rodaggio proprio perché la rassegna iridata è terminata un mese fa. Per esempio il bomber francese Antoine Griezmann prima della finale della Supercoppa UEFA 2018 ha disputato soltanto una mezz’oretta nell’amichevole dell’Atlético Madrid contro l’Inter dell’11 agosto persa dai “Colchoneros” davanti al proprio pubblico per 0-1. Appare più in forma il Real Madrid che nella finora ultima uscita, e sempre l’11 agosto, si è imposto per 3-1 contro il Milan. È, però, molto probabile che Luka Modric sia stato convocato da Julen Lopetegui per cercare di porre fine allo spietato corteggiamento da parte dell’Inter.

I bookmakers stanno lanciando promozioni dedicate alla finale della Supercoppa UEFA 2018 Real Madrid – Atlético Madrid. Betfair propone, per esempio, un’offerta agli appassionati delle scommesse live e rimborserà fino a 10 Euro per giocate perdenti riguardanti questa sfida con un importo uguale o superiore a 20 Euro, oltre che con una quota minima di 1,50. Saranno valevoli ai fini della promozione anche scommesse multiple, a patto che quantomeno una selezione sia collegata a una quota uguale o superiore a 1,50. Inoltre l’eventuale bonus non potrà subito essere prelevato, ma dovrà essere usato entro due giorni per altre scommesse live con una quota non inferiore a 1,50.

football line

Pronostico Real Madrid – Atletico Madrid Quote scommesse Supercoppa UEFA

Partita: Real Madrid – Atletico Madrid Supercoppa UEFA
Data: 15/08/2018 – ore 21:00
Pronostico di scommesse: Real Madrid
Quota: 2,50* (del 14/08/2018 alle ore 02:50)
Bookie: Bet365

Si sono incontrate tante volte, ma è la prima volta che si contendono una Supercoppa Europea. Quest’anno le due squadre di Madrid hanno fatto manbassa di Champions ed Europa League, e dunque si ritrovano in un campo neutro come quello di Tallinn in Estonia, “Le Coq Arena”, per contendersi un trofeo che si conquista ad inizio stagione, ma in realtà è uno strascico di quella precedente. Nella sera di Ferragosto, quando in Italia sono le 21.00, Real Madrid e Atletico Madrid incrociano i loro destini ancor prima di ritrovarsi in Liga, e quindi prima che tutto cominci per la nuova stagione calcistica.

La capitale estone diventa per una sera la succursale calcistica di quella spagnola, arbitro il polacco Szymon Marciniak. Fa effetto vedere come la finale della Supercoppa Europea sia totalmente diversa da quella iberica, che ha visto il Barcellona vincere sul Siviglia: i “Blaugrana” hanno dominato in patria, vincendo Liga e Coppa del Re ma sono usciti dalla Champions per mano della Roma, gli andalusi si erano comunque conquistati il diritto di giocare la finale avendo perso proprio quella di coppa.

Il Real, nella sua ultima stagione con Cristiano Ronaldo che poi come noto è passato alla Juventus, nella sua ultima stagione con Zinedine Zidane alla guida, insomma probabilmente al momento del cambio di un ciclo, ha preferito concentrarsi sulla Champions, riuscendo nell’obiettivo di rivincerla contro il Liverpool di Jurgen Klopp, anche se il suo percorso alle volte è stato un po’ meno lineare e più accidentato di quanto avvenuto negli anni passati. Proprio con la Juventus, in particolare, si è corso qualche rischio di troppo tra le mura amiche.

Sia Zizou che CR7 devono avere notato qualche crepa nell’impianto perfetto, e probabilmente nell’attaccante c’era lo stimolo di provare nuove avventure. L’allenatore dopo il suo addio veniva accostato alla nazionale francese, ma è evidente che dopo la vittoria della Coppa del Mondo da parte degli uomini di Deschamps, almeno per ora Zidane dovrà cercarsi un’altra panchina.

Un Mondiale comunque dirimente: il Real Madrid ha avuto l’ardire di annunciare ufficialmente il suo  nuovo tecnico Julien Lopetegui pochi giorni prima dell’inizio della competizione, la federazione spagnola non l’ha presa bene ed ha licenziato in tronco quello che era il suo CT. La linea durissima non ha pagato, perché la squadra ha perso sicurezze, è arrivato il flop mondiale per una delle favorite, e alcuni protagonisti delle “Furie rosse” hanno deciso di chiudere la loro avventura in nazionale, come Piqué e David Silva.

Lopetegui non deve più pensare alla Spagna, anzi probabilmente già durante il Mondiale visto in televisione pensava al Real, a una squadra ormai senza CR7 ma con la necessità di tenere i pezzi pregiati. L’Inter sta facendo una corte spietata a Luka Modric, capitano della Croazia vicecampione del mondo, ma per ora Florentino Perez fa muro, e l’allenatore lo ha convocato per questa sfida. Dal Chelsea è arrivato il portiere belga Thibaut Courtois, che per tre stagioni (in prestito dalla squadra inglese) giocò e si consacrò con l’Atletico, i cui tifosi difficilmente gli perdoneranno l’affronto di passare al Real. Questo è uno dei temi della partita, dato che quasi certamente sarà lui a difendere i pali dei “Blancos”.

Gareth Bale sembra il principale indiziato a sostituire CR7 anche nel cuore dei propri tifosi, sempre a segno nelle ultime tre amichevoli disputate, tra l’altro tutte contro italiane: Juventus e Roma in International Champions Cup, e poi il Milan di Rino Gattuso. Così come in forma appaiono Karim Benzema e Marco Asensio. Su quattro partite giocate dal Real in agosto, solo la prima ha visto perdere la compagine iberica, nell’esordio in ICC con il Manchester United di Mourinho. Poi ci sono state le tre vittorie di cui abbiamo parlato.

Più in chiaroscuro la stagione estiva dell’Atletico guidato ovviamente dal confermatissimo Diego Simeone. Ogni anno viene accostato a qualche squadra, magari italiana, ma alla fine rimane. E la vittoria dell’Europa League nella finale con l’Olympique Marsiglia di Rudi Garcia con un rotondo 3 a 0 è stata un suggello importante per una stagione chiusa in patria al secondo posto. Perché la Liga, quest’anno, non ha parlato solo il linguaggio delle due grandi. I “Colchoneros” sono giunti secondi, anche se molto staccati dal Barcellona dominatore, comunque tre punti sopra il Real, e quarto è arrivato il Valencia. Tra le inseguitrici è stata battaglia fin quasi allo sprint, anche se la Champions se la sono guadagnata anticipatamente.

Anche qui, dopo i Mondiali, ormai i big sono tornati e sono a disposizione del “Cholo”: Diego Costa, Lucas Hernandez e Antoine Griezmann si sono visti non ancora a tempo pieno nell’ultima amichevole, persa con l’Inter 0-1 in ICC. Era già a disposizione il neoacquisto Thomas Lemar, proveniente dal Monaco ma considerato riserva nella nazionale francese. Dall’ala-centrocampista originaria delle Guadalupe ci si attende molto, dalle parti dell’Atletico.

I “Rojiblancos” nel principale torneo estivo hanno sconfitto solo ai rigori l’Arsenal e sono stati battuti 3 a 2 dal Paris Saint Germain. Prima della sfida con l’Inter giocata peraltro tra le mura amiche del “Wanda Metropolitano”, vera anomalia per un torneo estivo che difficilmente consente di giocare in casa, l’Atletico ha disputato altre due amichevoli, una pareggiata 1 a 1 con lo Stoccarda, l’altra vinta 1 a 0 con il Cagliari.

Squadre dunque al completo, almeno negli attuali organici, per questo primo importantissimo impegno ufficiale della stagione. Il Real dovrebbe giocare con un 4-2-3-1 che probabilmente non vedrà ancora Modric titolare, non essendo ancora nel pieno della condizione. Si dovrebbe partire dunque con l’ex Courtois tra i pali, terzini Carvajal e Marcelo, difensori centrali Sergio Ramos e Varane, in mediana Casemiro e Kroos, Bale e Marco Asensio sulle ali, Isco più trequartista che seconda punta, alle spalle di Benzema.

Speculare il modulo dei “Rojiblancos”: Oblak è il portiere, terzini Juanfran e Lucas Hernandez, difensori centrali Godin e Gimenez, in mediana Koke e Niguez, sulle ali Correa e Lemar, Griezmann la seconda punta alle spalle di Diego Costa.

Come dicevamo, è la prima volta che le due squadre di Madrid si incontrano per una finale di Supercoppa UEFA, ma ovviamente è lunga la teoria di precedenti in qualsiasi ambito e competizione, in patria e fuori: sono ben 219 i confronti diretti tra le due squadre, e naturalmente domina il Real che ne ha vinti quasi il doppio rispetto agli avversari: 109 rispetto ai 55 appannaggio dell’Atletico. Il resto sono pareggi.

Nella passata stagione ci sono stati solo i due incontri in Liga, terminati entrambi in parità. In quella precedente le squadre si erano affrontate anche in semifinale di Champions League. Il Real passò il turno avendo vinto 3 a 0 l’andata al “Bernabeu”,  ma l’Atletico si prese la soddisfazione di vincere il ritorno, anche se 2 a 1, nel vecchio stadio “Vicente Calderon”, che qualche romantico rimpiange rispetto al modernissimo “Wanda Metropolitano”.

Real Madrid – Atletico Madrid pronostico

Real Madrid – Atletico Madrid: è ovviamente il Real la squadra favorita, ma occorre fare attenzione al tipo di partita, alle novità importanti che si sono verificate durante l’estate, all’inizio della stagione e cos via. Va da sé, allora, che le quote non siano così lontane tra loro. Dando uno sguardo alle quote, è interessante vedere come le più basse siano quelle legate all’under-over, pensando in particolare che possa essere una partita nella quale complessivamente si segnino tra le due e le quattro reti.

Real Madrid – Atletico Madrid quote scommesse*

Bet365: Real Madrid 2,50/ pareggio 3,20/ Atletico Madrid 3,00
William Hill:
Real Madrid 2,50/ pareggio 3,20/ Atletico Madrid 2,90
(Quote scommesse del 14/08/2018 alle ore 02:50)

football line

Pronostico Real Madrid – Roma Quote scommesse International Champions Cup

Partita: Real Madrid – Roma International Champions Cup
Data: 08/08/2018 – ore 02:00
Pronostico di scommesse: Real Madrid
Quota: 1,75* (del 07/08/2018 alle ore 12:45)
Bookie: Bet365

Quasi tutte le squadre impegnate nell’International Champions Cup, il torneo amichevole estivo che ha riguardato 18 top club europei, hanno completato il loro cammino. Tre partite a testa e una classifica che si sta componendo. Ultima partita per Real Madrid e Roma, in campo alle 2.00 italiane di mercoledì 8 agosto 2018 (notte tra martedì e mercoledì) al “MetLife Stadium” di East Rutherford, nel New Jersey e non lontano da New York. Due squadre ambiziose, i campioni d’Europa che hanno appena perso Cristiano Ronaldo trasferitosi alla Juventus, e i “Giallorossi” che hanno proprietà americana e infatti hanno preparato a Trigoria e poi negli Stati Uniti gran parte della loro stagione, anziché in un ritiro montano.

Sicuramente questo farà storcere il naso a molti tifosi della Capitale, ma è il calcio di oggi ad avere abbattutto le frontiere di ogni tipo. Così negli States si è giocata una parte importante di questo torneo, anche se il calcio maschile continua a non avere troppo appeal da quelle parti.

Quanto al percorso in questa edizione della ICC, per ora una sconfitta e una vittoria per i “Blancos”, che non sono ancora passati per i rigori, ma hanno chiuso ai tempi regolamentari e per questo sono a tre punti: hanno perso con il Manchester United, mentre hanno sconfitto la Juventus naturalmente ancora priva di CR7. Del resto, questa tournée è per tutti piena di seconde linee e di giocatori che magari cercano una squadra per giocare titolari, magari in prestito. Piano piano, comunque, si sono aggregati anche i giocatori dei Mondiali, almeno per quanto riguarda le nazionali uscite nella prima fase.

Un successo e una sconfitta anche per la Roma, piegata dal Tottenham (1-4) ma che ancora una volta ha fatto vedere i cosiddetti “sorci verdi” al Barcellona (4-2) nonostante per i “Blaugrana” abbia segnato anche quel Malcom il cui passaggio in Catalogna quando nella Capitale era stato quasi annunciato, ha creato molte frizioni tra i due club. La Roma peraltro sta lavorando praticamente già con la rosa a disposizione nella prossima stagione.

Con il Real non c’è questa rivalità, ma la partita è attesa perché la Roma sotto la guida di Eusebio Di Francesco sembra avere assunto definitivamente una connotazione europea, avendo fatto addirittura meglio della Juventus nell’ultima Champions League: i “Giallorossi” sono usciti soltanto in semifinale, a opera del Liverpool che poi in finale è stato battuto proprio dai madridisti.

Il tecnico dei “Blancos” Julen Lopetegui non avrà a disposizione ancora Varane, Marcelo, Kovacic (ambito proprio dalla Roma) e Modric che intanto il Real vuole blindare, essendo il croato corteggiato dall’Inter, situazione che la società spagnola starebbe vivendo con molto fastidio. Sergio Ramos è a disposizione ma non può ancora giocare tutta la partita. In campo dovrebbe andare un 4-2-3-1: Navas tra i pali, Carvajal e Reguilon i terzini, Javier Sanchez e Nacho Fernandez i difensori centrali, in mediana Kroos e Valverde, Bale e Isco sulle ali, Ceballos seconda punta alle spalle di Benzema.

Nella Roma, Di Francesco sta ruotando gli uomini a sua disposizione per cercare di provare tutte le soluzioni in vista di una stagione che si preannuncia intensa e nella quale l’intenzione è ovviamente quella di fare ancora meglio rispetto alla precedente. Assente Luca Pellegrini, dopo l’affaticamento muscolare accusato in questi giorni, in dubbio Under ancora dolorante alla spalla. Probabile un 4-3-3 con Olsen tra i pali, terzini Florenzi e Kolarov, Fazio e Marcano difensori centrali, De Rossi regista, mezzeali Cristante e Pastore, tridente con Kluivert, Dzeko ed El Shaarawy.

L’ultimo successo (doppio) della Roma risale agli ottavi di finale della Champions League 2007-2008. Tenendo in considerazione i confronti diretti solo a partire dal terzo millennio, ossia dal 2001, sono dodici, con sei successi madridisti, quattro romanisti e due pareggi, uno peraltro nell’ ICC di tre anni fa, con vittoria dei “Giallorossi” ai rigori.

Real Madrid – Roma pronostico

Real Madrid – Roma: Ovviamente favoriti i “Blancos”, ma attenzione alla Roma che spesso sorprende

Real Madrid – Roma quote scommesse*

Bet365: Real Madrid 1,75/ pareggio 4,00/ Roma 4,20
Unibet:
Real Madrid 1,75/ pareggio 4,33/ Roma 3,60
(Quote scommesse del 07/08/2018 alle ore 12:45)

football line
i-bookmakers.it valuta e confronta con costante aggiornamento tutti gli importanti bookmakers autorizzati in Italia.   18+   AAMS
Bookmakers | Bookmaker online | Scommesse sportive | Scommesse calcistiche | Scommesse live | Siti di scommesse | Scommesse Online | Bookmaker
Vi raccomandiamo di scommettere con responsabilità.