Logo di i-bookmakers .it
Notizie di Scommesse

Qualificazione Europa League

In questa pagina trovate articoli riguardanti Qualificazione Europa League.
football line

Pronostico Shakhtyor Soligorsk – Torino Quote scommesse Qualificazione Europa League

Shakhtyor Soligorsk – Torino Quote scommesse Qualificazione Europa League*
Shakhtyor Soligorsk 5,75/ pareggio 4,45/ Torino 1,56
Data: 15 agosto 2019 – 19:00 ora italiana
Bookie: Betclic.it

Scommesse sportive Shakhtyor Soligorsk – Torino

Ferragosto decisivo per il Torino, che pur partendo da un 5 a 0 conquistato la scorsa settimana nella gara di andata, deve ora suggellare il risultato anche nel ritorno e confermare la propria superiorita sullo Shakhtyor Soligorsk, alle prese con il tentativo di una difficilissima “remuntada” contro una squadra di carattere come quella granata. Questa volta, però, si gioca in Bielorussia, a Minsk nello “Stadion Dinamo” con inizio alle 19.00 italiane. Il giorno, come già abbiamo detto, è giovedì 15 agosto 2018, l’arbitro di Shakhtyor – Torino, semifinale di ritorno del torneo di qualificazione per l’Europa League è il romeno Radu Petrescu.

È da ricordare che la squadra vincente dovrà poi affrontare, nella finale di questo torneo preliminare, la vincente del doppio confronto tra Pyunik e Wolverhampton. Naturalmente è quasi certo che a passare il turno dovrebbe essere la squadra inglese nella quale gioca l’ex milanista Patrick Cutrone, dato che all’andata si è imposta per 4 a 0 e anche qui il divario tecnico rende difficile una rimonta della compagine armena. Ma né il “Toro”, né il Wolves devono pensare ora a questa sfida. Prima bisogna chiudere il discorso con le rispettive avversarie in semifinale.

La situazione dello Shakhtyor Soligorsk prima dell’incontro con il Torino

Strada in salita, ma tanto carattere, anche se il 5 a 0 della gara di andata rischia di uccidere ogni ambizione della compagine bielorussa per un proseguimento della sua avventura europea. Ripreso il campionato nazionale domenica scorsa, la squadra di Tashuyev ha sfogato la sua rabbia contro il Neman, sconfitto per 6 a 0. Lo Shaktyor è terzo, dietro il Brest e il Bate Borisov, mentre gli avversari di giornata, ottavi, hanno un distacco di tredici punti.

Tornando alla sfida europea, l’arma a disposizione per cercare di sperare ancora è il rientro del centrocampista Julius Szoke, che aveva saltato per squalifica l’incontro di andata. Il modulo dovrebbe essere sempre il 3-5-2: Klimovich il portiere, difesa con Matverichik, Rybak e Sachivko, esterni Burko Ebong e Antic, regista appunto Szoke, mezzeali Khadarkevich e Balanovich, le punte Kovalev e Bakaj.

La situazione del Torino prima dell’incontro con lo Shakhtyor Soligorsk

La squadra di Mazzarri si è fatta trovare pronta, nella prima gara, e non a caso il tecnico torinista, che pur dovendo rinunciare a Izzo lo ha ugualmente convocato per “fare gruppo”, non vuole assolutamente che si parli ora del Wolverhampton. Non prima di avere completamente superato l’ostacolo Shaktyor.

È con il gruppo anche Djidji, pur non essendo ancora in condizione, mentre Ola Aina dovrebbe giocare uno spezzone della partita. Quasi certamente Zaza sarà titolare pur essendo diffidato, ma non si esclude proprio per questo, che il tecnico decida invece di partire con Berenguer. Mazzarri comunque cambierà qualcosa rispetto alla gara di andata, inserendo calciatori in condizione migliore. Si potrebbero anche vedere tanto Millico quanto Nicola Rauti, definito dall’allenatore molto interessante sul piano tecnico, ma queste sono scelte che si faranno a gara in corso, se gli sviluppi della partita lo consentiranno.

Lo schieramento dovrebbe essere un 3-5-2: Sirigu il portiere, in difesa dovrebbe essere Bonifazi ad affiancare Nkoulou e Bremer al posto di Izzo. In cabina di regia si dovrebbe rivedere Rincon, al quale lascerà spazio a centrocampo uno tra Meité e Baselli, mentre Lukic completerà la mediana e gli esterni saranno De Silvestri e Ansaldi. In attacco scontata la presenza di Belotti, è appunto ballottaggio tra Zaza e Berenguer per il compagno di reparto del “Gallo”.

Probabilità * di scommesse interessanti per Shakhtyor Soligorsk – Torino con Betclic.it

Vittoria Shakhtyor Soligorsk: 5,75
Pareggio: 4,45
Vittoria Torino: 1,56

 

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 1,5: 4,23
Under 2,5: 2,19
Over 3,5: 2,48
Gol/Non Gol: Sì 2,45   No 1,50
Handicap -2:  1  28,00   X  10,25
Handicap -1   1  12,75   X  6,65   2  2,33

Primo Tempo/Finale 1/2: 19,25
Primo Tempo/Finale 2/1: 38,00

Previsione scommesse Shakhtyor Soligorsk – Torino con Betclic.it: Vittoria Torino. Solo la squadra granata può buttare all’aria una nettissima superiorità, ma è davvero difficile che questo accada. Gli uomini di Mazzarri dovrebbero anzi presentarsi molto concentrati a questo appuntamento, senza compiere il fatale errore di pensare già alla gara successiva.

Qui il consueto confronto con altri bookie:

Il confronto con altre quote * scommesse per Shakhtyor Soligorsk – Torino

Quote SNAI.it

Vittoria Shakhtyor Soligorsk: 5,50
Pareggio: 4,25
Vittoria Torino: 1,50

 

Quote William Hill.it

Vittoria Shakhtyor Soligorsk: 5,80
Pareggio: 4,20
Vittoria Torino: 1,53

 

(Quote del 14.08.2019 alle 23.30)

football line

Pronostico Torino – Shakhtyor Soligorsk Quote scommesse Qualificazione Europa League

Torino – Shakhtyor Soligorsk Quote scommesse Qualificazione Europa League*
Torino 1,12/ pareggio 7,00/ Shakhtyor Soligorsk 21,00
Data: 8 agosto 2019 – 21:00 ora italiana
Bookie: 888sport.it

Scommesse sportive Torino – Shakhtyor Soligorsk

Piano piano il calcio d’estate comincia a fare posto alle competizioni che realmente hanno in palio qualcosa. Aspettando il 24 agosto, giorno in cui ritornerà la Serie A, per ora quasi tutti sono alle prese con le amichevoli. Non è così per il Torino che, grazie all’esclusione del Milan dalle competizioni europee, sta disputando il torneo preliminare per accedere all’ Europa League 2019-2020, e nelle sue prime prestazioni ha già mostrato forza e carattere.

In teoria, la sfida che riporta i “Granata” nel proprio stadio dopo un breve esilio ad Alessandria, ossia l’ “Olimpico Grande Torino” non dovrebbe presentare grandissime insidie per la squadra italiana, se non quella della condizione atletica, decisamente migliore per gli avversari, dato che in Bielorussia il campionato nazionale è nella sua breve pausa di metà torneo. Ma è l’unica situazione in cui il piatto della bilancia pende dalla loro parte: il Torino affronta lo Shakhtyor Soligorsk, andata di un doppio confronto dopo il quale, se la squadra di Walter Mazzarri uscirà vincitrice, potrebbe trovarsi di fronte nel match decisivo per l’accesso all’ Europa League gli inglesi del Wolverhampton dove si è appena accasato l’ex milanista Patrick Cutrone, che sono favoritissimi contro gli armeni del Pyunyk. La gara di andata della semifinale di questo torneo si gioca alle 21.00 di giovedì 8 agosto 2019, e verrà arbitrata dal polacco Daniel Stefansky.

La situazione del Torino prima dell’incontro con lo Shakhtyor Soligorsk

Nei quarti di finale il “Toro” si è sbarazzato in modo decisamente agevole degli ungheresi del Debrecen, sconfitti 3 a 0 nella partita di andata giocata ad Alessandria, e poi 4 a 1 nel ritorno disputato in terra magiara. Manifesta superiorità, si sarebbe detto in altri sport, un Torino voglioso e desideroso di vincere e di riportare il proprio orgoglioso e blasonato club a disputare una coppa europea. Mazzarri è alla sua terza stagione sulla panchina torinista, e a questo punto si tratta davvero della grande occasione per far fare un salto di qualità a una squadra che negli ultimi anni è stata costretta a “vivacchiare” un po’ troppo, ma che nel campionato precedente, a parte le disavventure economico-finanziarie del Milan, aveva comunque dimostrato di poter arrivare ai preliminari di Europa League.

Che poi sono comunque arrivati, e che possono essere una grande occasione di riscatto personale per alcuni giocatori come Andrea Belotti o Simone Zaza, che non stanno deludendo le aspettative in questa primissima fase di stagione, e che Mazzarri potrebbe schierare nuovamente insieme.

Dal punto di vista tecnico e tattico, come qualità dei singoli e del collettivo, è evidente come la squadra italiana sia superiore sotto tutti i punti di vista, anche se ovviamente l’allenatore invita a non sottovalutare nessun avversario. Del resto abbiamo detto come in Bielorussia il campionato sia al suo giro di boa, che comunque ha effettuato una pausa di circa un mese, mentre qui in Italia la stagione sia appena cominciata, e di fatto solo per il Torino costretto a giocare questo torneo.

Non sarà ancora disponibile Djidji, operato lo scorso aprile al ginocchio destro e in fase di recupero completo, e questo si sapeva. Si dovrebbe rivedere Bremer, dato che Lyanco è fuori per un problema muscolare. Mancherà Edera mentre sono in dubbio Baselli e Parigini.

Aspettiamoci quindi un 3-4-3: Sirigu tra i pali, difesa composta da Izzo, Nkoulou e Bremer, esterni De Silvestri e Ansaldi, interni Meite e Rincon, mentre in attacco Berenguer dovrebbe affiancare Belotti e Zaza.

La situazione dello Shakhtyor Soligorsk prima dell’incontro con il Torino

Dicevamo attenzione allo Shakhtyor, che arriva ad affrontare il Torino dopo avere battuto l’ Hibernians con un doppio 1 a 0 negli ottavi di finale, e ai quarti, con una certa sorpresa l’Esbjerg sconfitto 2 a 0 all’andata, e costretto allo zero a zero nella gara di ritorno.

La squadra allenata da Sergei Tashuev è al terzo posto in patria, a otto punti dal capolista Brest e a sei dal Bate Borisov, ultima squadra ad averla battuta finora in questa stagione. L’ultimo impegno in ordine di tempo è stato l’ottavo di finale della Coppa di Bielorussia, in casa del Lokomotiv Gomel battuto a domicilio per 2 a 1 domenica 4 agosto.

Ma è ovvio come il Torino sia altro genere di impegno, anche per il suo atteggiamento agonistico che è nel DNA. Lo schieramento dovrebbe essere un classico 4-4-2: Klimovich il portiere, al centro della difesa Rybak e Sachivko, laterali Matveychik e Antic, esterni Tatarkov e Balanovich, interni  Ebong e Szoke, le punte Bakaj e Kovalev.

Probabilità * di scommesse interessanti per Torino – Shakhtyor Soligorsk con 888sport.it

Vittoria Torino: 1,12
Pareggio: 7,00
Vittoria Shakhtyor Soligorsk: 21,00

 

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 3,5: 1,57
Over 3,5: 2,37
Gol/Non Gol: Sì 2,45   No 1,50
Handicap -2:  1  2,20   X  3,80   2  2,48
Handicap -1   1  1,41   X  4,20   2  5,50

Primo Tempo/Finale 1/2: 151,00
Primo Tempo/Finale 2/1: 26,00

Previsione scommesse Torino – Shakhtyor Soligorsk con 888sport.it: Vittoria Torino. Sembra davvero difficile che una squadra come il Torino possa “suicidarsi”, per di più di fronte al proprio pubblico, di fronte a un’avversaria rispettabile ma non certo titolata. La gara di andata dovrebbe quindi andare nella direzione granata.

Qui il confronto con un altro bookie:

Quote * scommesse per Torino – Shakhtyor Soligorsk con SNAI.it

Vittoria Torino: 1,13
Pareggio: 7,00
Vittoria Shakhtyor Soligorsk: 18,00

(Quote del 06.08.2019 alle 17.20)

football line

Pronostico Olympique Marsiglia – Oostende Quote scommesse Qualificazione Europa League

Partita: Olympique Marsiglia – Oostende Qualificazione Europa League
Data: 27/07/2017 – ore 20.45
Pronostico di scommesse: Olympique Marsiglia
Quota: 1,22
Bookie: Bet365

Tra gli incontri principali del primo turno della semifinale del torneo di qualificazione all’Europa League, c’è quello che oppone l’Olympique Marsiglia, ora allenato dall’ex tecnico della Roma Rudi Garcia, ai belgi dell’ Oostende. Inizio della partita alle 20.45 di giovedì 27 luglio 2017 allo “Stade Vélodrome” della città francese.

Le due squadre entrano in scena adesso in questo torneo, e fa un certo effetto che anche una squadra come l’Olympique, come del resto lo stesso Milan, sia costretta a giocare i preliminari per poter partecipare alla Champions League. Ma il quinto posto in Ligue 1 prevede questo, e la squadra marsigliese ha fatto peggio di Lione, Nizza, Paris Saint Germain e Monaco.

Quinta nel suo campionato anche la squadra di Ostenda, che poi ha vinto i playoff per accedere al secondo torneo continentale, battendo in finale il Genk. Proprio per questo motivo, le due avversarie di giornata arrivano a questo punto con nelle gambe una serie di amichevoli disputate, come sempre con una difficoltà progressiva.

La squadra marsigliese ha cominciato affrontando e battendo il Sion di Paolo Tramezzani, e ha proseguito con una striscia di vittorie contro l’Etoile Sahel, il Vitorul, il Fenerbahce e lo Sporting di Lisbona. Infine un pareggio per uno a uno con i Rangers di Glasgow sabato 22 luglio.

Anche i belgi hanno alzato l’asticella piano piano, cominciando con il poco temibile Zwevezele, poi il Melsele sconfitto addirittura otto a zero, il FCSB anch’esso battuto, il Vitesse e il Roeselare (due pareggi senza reti), il Leuven con la prima sconfitta stagionale, infine il pareggio 0-0 con il Lille.

Si tratta come sempre di gare da non sottovalutare per la squadra che sulla carta è più forte, e naturalmente non ci sono dubbi che si tratti dell’Olympique. I preliminari sono sempre insidiosi, specialmente se si giocano quando il proprio campionato non è ancora iniziato, con il rischio che anche nella testa, e non solo nelle gambe, ci siano le scorie delle vacanze e dei ritiri estivi, quasi a non distinguere ancora che non si tratti più di amichevoli ma di gare con un obiettivo preciso, che poi alla lunga potrebbe anche diventare quello stagionale. Bisognerà tornare con la mente alla stagione 2012-2013, quando l’OM dovette ugualmente disputare i preliminari e si qualificò eliminando i turchi dell’Eskisehispor e i moldavi dello Sheriff Tiraspol.

Non a caso Garcia, che ha tutta la rosa a disposizione, ha invitato i suoi a non “addormentarsi” contro i fiamminghi, ricordando che si tratta di un confronto di complessivo di 180 minuti o più, nel quale è fondamentale intanto non subire gol.

L’OM dovrebbe giocare con un 4-3-3 dai connotati molto offensivi. In porta dovrebbe andare Mandanda, tornato dal prestito al Crystal Palace, in difesa i due centrali dovrebbero essere Rami e Rolando, gli esterni Sakai ed Evra. Fanni è in ballottaggio con l’ex milanista. Linea del centrocampo composta da Gustavo, Sanson e Lopez, incognita totale l’attacco: sicuro Thauvin, c’è chi ipotizza con lui Payet e Germain e chi invece Cabella e Gomis.

Per l’Oostende allenato da Yves Vanderhaeghe lo schieramento dovrebbe essere un 4-4-2 con Proto tra i pali, difesa con Capon, Rozehnal, Tomasevic e l’ex della Fiorentina Milic, centrocampo con Musona, Jali, Siani e Rezaeian, tandem di attacco composto da Berrier (che potrebbe essere eventualmente schierato un po’arretrato da trequartista) e Akpala.

Olympique Marsiglia – Oostende pronostico

Olympique Marsiglia – Oostende: favorita in assoluto la squadra francese

Olympique Marsiglia – Oostende quote scommesse
Quote di scommesse da Bet365:
Olympique Marsiglia 1,22 pareggio 5,50 Oostende 15,00

football line
i-bookmakers.it valuta e confronta con costante aggiornamento tutti gli importanti bookmakers autorizzati in Italia.   18+   AAMS
Bookmakers | Bookmaker online | Scommesse sportive | Scommesse calcistiche | Scommesse live | Siti di scommesse | Scommesse Online | Bookmaker
Vi raccomandiamo di scommettere con responsabilità.