i-bookmakers.it
Logo di i-bookmakers .it
Notizie di Scommesse

Parma

In questa pagina trovate articoli riguardanti Parma.
football line

Pronostico Parma – Lecce Quote scommesse Serie A

Parma – Lecce Quote scommesse Serie A*
Parma 1,91/ pareggio 3,80/ Lecce 3,80
Data: 13 gennaio 2020 – 20.45 ora italiana
Bookie: Unibet.it

Scommesse sportive Parma – Lecce

La diciannovesima giornata, ultima di andata del campionato di calcio di Serie A 2019-2020, si chiuderà con Parma – Lecce, in programma alle 20.45 di lunedì 13 gennaio 2020 allo stadio “Ennio Tardini” . Emiliani al settimo posto in classifica, a ridosso della zona Europa League con 25 punti, gli stessi del Milan, Lecce invece sull’orlo della zona retrocessione e reduce da tre sconfitte consecutive, mentre i “Ducali” solo da una, anche se non vincono da due turni.

I precedenti di Parma – Lecce

L’ultimo precedente è favorevolissimo al Parma, ma risale al 2013 e addirittura ai trentaduesimi di Coppa Italia, quindi non è attendibile: comunque fu 4 a 0. In campionato le due squadre non si affrontano dal 2011-2012. Pareggio per 3 a 3 nell’andata disputata al “Tardini”, ritorno con il Parma corsaro in Salento, dove si impose per 2 a 1.

Non sono molti i precedenti nella massima serie: 22 incontri complessivi, 11 disputati a Parma: i “Ducali” sono nettamente davanti, con 11 vittorie contro 2, in casa 6 contro 1. I pareggi sono 9, quattro di essi al “Tardini”.

La situazione del Parma prima dell’incontro con il Lecce

L’ultima è andata decisamente male: sconfitta per 5 a 0 sul campo dell’Atalanta, ma la supremazia degli orobici era davvero schiacciante. Per la squadra di Roberto D’Aversa è necessario dimenticare questo episodio e ripartire dalle gare precedenti. Ballottaggio per il centravanti tra Inglese e Cornelius, sicuro Kulusevski, mentre è in dubbio la presenza dall’inizio di Gervinho, che non è al massimo.

La situazione del Lecce prima dell’incontro con il Parma

Il Lecce è più squadra da trasferta, viste le sconfitte interne con Bologna e Udinese, ma se appunto perde anche le partite in cui dovrebbe fare punti o almeno limitare i danni, allora tutto diventa molto difficile per gli uomini di Fabio Liverani. Magra consolazione è che ci siano squadre che stanno facendo peggio, ma così diventa davvero difficile salvarsi. Il passaggio di La Mantia al Lecce, dato l’infortunio di Lapadula, costringe Babacar a giocare anche se non è al meglio. Falco sarà al suo fianco, alle spalle Mancosu trequartista.

Previsione scommesse Parma – Lecce con Unibet.it: Vittoria Parma. Squadra di casa favorita, ma la partita è difficile contro una squadra che in genere fa meglio in trasferta. L’importante per gli emiliani è comunque fare tabula rasa della gara precedente e riprendere convinzione.

Il confronto con altre quote * scommesse per Parma – Lecce

Quote Bwin.it

Vittoria Parma: 1,91
Pareggio: 3,80
Vittoria Lecce: 3,80

Quote 888Sport.it

Vittoria Parma: 1,92
Pareggio: 3,80
Vittoria Lecce: 3,80

*(Quote del 11.01.2020 alle 23.30)

football line

Pronostico Atalanta – Parma Quote scommesse Serie A

Atalanta – Parma Quote scommesse Serie A*
Atalanta 1,32/ pareggio 5,75/ Parma 8,50
Data: 6 gennaio 2020 – 15.00 ora italiana
Bookie: Unibet.it

Scommesse sportive Atalanta – Parma

Una grande realtà del massimo campionato che si sta affermando anche in ambito europeo, contro una squadra che sta tornando dopo anni a rincorrere traguardi ambiziosi. Questa è Atalanta – Parma, in programma alle 15.00 di lunedì 6 gennaio 2020 nella diciottesima giornata, penultima di andata, del campionato di Serie A 2019-2020. Si gioca al “Gewiss Stadium” di Bergamo.

I precedenti di Atalanta – Parma

Nella passata stagione l’Atalanta ha fatto bottino pieno sia all’andata in casa che al ritorno al “Tardini”, segnando complessivamente 6 reti e subendone solo 1 nella partita in trasferta. Il Parma non vince dal 16 febbraio 2014, quando espugnò il campo di Bergamo con un pesantissimo 4 a 0. I precedenti più vicini consigliano un “over”.

I precedenti in A sono complessivamente 38, dei quali 19 disputati in Lombardia. Delle 11 vittorie atalantine, 8 sono state conquistate tra le mura amiche, mentre il Parma ha vinto in trasferta solo 5 volte rispetto ai 14 successi complessivi. Pareggi quasi equamente distribuiti: 6 a Bergamo e 7 a Parma.

La situazione dell’ Atalanta prima dell’incontro con il Parma

Prima della pausa l’Atalanta, attualmente quinta in classifica, ha inflitto una “manita” ad un Milan privo di carattere, che almeno adesso con Ibrahimovic dovrebbe colmare questa lacuna. Un successo arrivato dopo la sconfitta di Bologna, che mostra come una squadra di cui tutti dicono un gran bene come quella di Gasperini, ogni tanto abbia ancora qualche calo di tensione difficile da comprendere. A rischio in porta un influenzato Gollini, Sportiello già pronto per sostituirlo. Davanti, Zapata dovrebbe partire dalla panchina anche se è recuperato. A supporto di Muriel, nel 3-4-2-1 atalantino, dovrebbero esserci Ilicic e Gomez.

La situazione del Parma prima dell’incontro con l’ Atalanta

Dopo l’1 a 1 interno con il Brescia, terzo risultato positivo dopo le vittorie di Genova con la Sampdoria e di Napoli, la squadra di Roberto D’Aversa è settima in classifica, anche se sei punti la separano dagli avversari di giornata. La pausa ha consentito di recuperare diversi giocatori a centrocampo, mentre davanti è emergenza, con il solo Inglese recuperabile per la panchina e indisponibili Cornelius, Karamoh e Gervinho. Ergo, dovrebbe essere adattato come centravanti Kucka, affiancato da Kulusevski e Sprocati.

Previsione scommesse Atalanta – Parma con Unibet.it: Vittoria Atalanta. Nettamente favorita la formazione di casa, a condizione che non abbia quei cali di concentrazione che qualche volta le hanno fatto perdere punti preziosi.

Il confronto con altre quote * scommesse per Atalanta – Parma

Quote 888Sport.it

Vittoria Atalanta: 1,32
Pareggio: 5,75
Vittoria Parma: 8,50

Quote SNAI.it

Vittoria Atalanta: 1,28
Pareggio: 6,00
Vittoria Parma: 9,50

*(Quote del 05.01.2020 alle 00.20)

football line

Pronostico Napoli – Parma Quote scommesse Serie A

Napoli – Parma Quote scommesse Serie A*
Napoli 1,32/ pareggio 5,25/ Parma 9,50
Data: 14 dicembre 2019 – 18.00 ora italiana
Bookie: Eurobet.it

Scommesse sportive Napoli – Parma

La prima di Rino Gattuso alla guida di un Napoli che deve ritrovare fiducia, ma che probabilmente non risolve con il cambio di guida tecnica i suoi problemi, che in questo momento, dopo le multe per il noto “ammutinamento”, continuano a essere tra giocatori e società. Comunque, sulla scia della vittoria netta con il Genk e il passaggio del turno “in carrozza” nella Champions League (ancora con Ancelotti in panchina), ecco Napoli – Parma, seconda partita in programma per la sedicesima giornata del campionato di Serie A 2019-2020. Lo stadio è il “San Paolo” e l’incontro si gioca alle 18 di sabato 14 dicembre 2019.

I precedenti di Napoli – Parma

Il Parma non vince a Napoli dal 23 novembre 2013, e nel passato campionato le ha “prese” sia all’andata che al ritorno, incassando in tutto sette gol senza segnarne, tre a Fuorigrotta e quattro al “Tardini”. In A ci sono 34 precedenti tra le due squadre, di cui 17 a Napoli. I partenopei hanno vinto complessivamente 15 gare di cui 9 in casa, 7 i pareggi, tre dei quali al “San Paolo”, mentre dei 12 successi del Parma solo 4 sono esterni.

La situazione del Napoli prima dell’incontro con il Parma

Un’incognita. Per tutti, compreso Gattuso che dopo avere fatto bene con un Milan che suppliva con la grinta ai limiti tecnici, adesso deve mostrare di saper guidare una rosa di qualità, demotivata per altre situazioni e probabilmente alla fine di un ciclo, iniziato con Benitez ma che ha avuto il suo apice con Sarri. Gattuso tornerà al 4-3-3, dal 4-4-2 ancelottiano, e l’unico dubbio sembra essere nel tridente tra Milik e Llorente, mentre al fianco della punta centrale sono sicuri Callejon e Insigne. Squalificato Maksimovic, indisponibili Malcuit e Tonelli.

La situazione del Parma prima dell’incontro con il Napoli

A pari punti con il Napoli, ma ottavo per peggior differenza reti, il Napoli arriva dalla vittoria per 1 a 0 sul campo della Sampdoria che conferma l’ottima stagione per gli uomini di Roberto D’Aversa. Ma la squadra è sempre falcidiata dagli infortuni, ultimo in ordine di tempo quello di Kucka, che ha segnato proprio la rete della vittoria con la Samp, e che a causa di un problema al polpaccio rivedremo in campo nel 2020. Brugman e Grassi sono candidati per prendere il suo posto. Mancherà anche Scozzarella. Il tridente del 4-3-3 emiliano dovrebbe essere formato da Kulusevski, Cornelius e Gervinho.

Previsione scommesse Napoli – Parma con Eurobet.it: Vittoria Napoli. Fattore campo, nuovo allenatore, precedenti: tutto gioca a favore dei partenopei. Anche se alla lunga i problemi non ancora risolti tra società e giocatori potrebbero continuare a pesare.

Il confronto con altre quote * scommesse per Napoli – Parma

Quote 888Sport.it

Vittoria Napoli: 1,30
Pareggio: 5,60
Vittoria Parma: 10,00

Quote Bwin.it

Vittoria Napoli: 1,33
Pareggio: 5,25
Vittoria Parma: 9,50

*(Quote del 13.12.2019 alle 19.30)

football line

Pronostico Inter – Parma Quote scommesse Serie A

Inter – Parma Quote scommesse Serie A*
Inter 1,28/ pareggio 5,50/ Parma 11,00
Data: 26 ottobre 2019 – 18.00 ora italiana
Bookie: SNAI.it

Scommesse sportive Inter – Parma

Adesso l’ Inter vince anche in Europa, e il successo in Champions League con il Borussia Dortmund per 2 a 0 è importante, sia per il fatto di non aver incassato reti, sia per il morale che danno le vittorie, specialmente se l’allenatore è uno come Antonio Conte. Adesso la “Beneamata” torna a pensare al campionato, dove insegue la Juventus a un solo punto, e affronta un’avversaria che sulla carta appare abbordabile, anche se nell’ultima gara ha strapazzato un Genoa che era tuttavia in una situazione molto particolare e con un tecnico sull’orlo dell’esonero. Inter – Parma, di cui vi presentiamo quote e pronostico, si gioca allo stadio “Giuseppe Meazza” di Milano alle 18.00 di sabato 26 ottobre 2019 per la nona giornata del campionato di calcio di Serie A 2019-2020. Il padovano Daniele Chiffi sarà il direttore di gara, mentre Gianpaolo Calvarese di Teramo sarà il responsabile VAR.

I precedenti di Inter – Parma

Nella passata stagione è avvenuta una cosa singolare ed insolita, nei due confronti diretti, risolti entrambi per 1 a 0 ma dalle rispettive squadre ospiti: il Parma si era imposto a Milano il 15 settembre 2018, mentre il 9 febbraio scorso era stata l’ Inter a espugnare il “Tardini”. Le due partite avevano riannodato un filo che si era spezzato dopo la stagione 2014-2015, dato che il Parma visse poi una serie di vicissitudini pesanti e negative, prima di risorgere e tornare infine alla massima serie. E in A i confronti diretti sono 50, la metà dei quali giocati a Milano, dove l’Inter si è aggiudicata 15 dei 20 incontri che ha vinto, rispetto ai 14 complessivi del Parma che al “Meazza” ha fatto proprio il confronto soltanto due volte. Quasi equamente distribuiti i 14 pareggi tra i due campi, visto che il match si è concluso con la X nel campo dell’ Inter per otto volte.

La situazione dell’ Inter prima dell’incontro con il Parma

L’Inter ovviamente non deve sottovalutare un’avversaria capace di fare i tre punti in tre delle ultime quattro gare, anche se c’è una differenza di rendimento che salta all’occhio tra gli impegni casalinghi e quelli esterni del Parma, visto che le partite vinte con Sassuolo, Torino e Genoa erano tutte casalinghe. In comune le due squadre hanno la totale assenza di pareggi durante la stagione: l’Inter ha sempre vinto, tranne lo scontro diretto perso con la Juventus.

Nella squadra nerazzurra, in campionato tornata alla vittoria sul campo del Sassuolo con un sofferto 4-3, c’è un problema de Vrij: il difensore olandese, che ha stretto i denti nella partita con il Dortmund, questa volta potrebbe essere lasciato a riposo e al suo posto giocherà quasi sicuramente titolare Bastoni, che ha già dimostrato di poter dare pieno affidamento nella difesa interista. Più facile invece in attacco l’utilizzo di Lukaku, che sembra avere recuperato dopo essere uscito zoppicando al termine del match di Champions League. L’alternativa potrebbe eventualmente essere Esposito. Ancora una volta Conte deve rinunciare a Sanchez, Vecino, Sensi e D’Ambrosio.

Il modulo è il consueto 3-5-2 ovviamente davanti al portiere Handanovic: difesa composta da Skriniar, Godin e Bastoni, esterni Candreva e Biraghi, in mediana Gagliardini, Brozovic e Barella, le punte Lautaro Martinez e Lukaku.

La situazione del Parma prima dell’incontro con l’ Inter

Il Parma è attualmente all’ottavo posto, a pari punti con Lazio e Fiorentina: 12 lunghezze, dieci in meno della Juventus capolista, dunque nove rispetto all’ Inter. Finora quattro vittorie ed altrettante sconfitte, ma tre successi sono stati conquistati tra le mura amiche del “Tardini”, e questo è un dato da tenere in considerazione, dal momento che l’unico successo esterno della squadra di Roberto D’Aversa è stato il 3 a 1 di Udine, che però risale al primo settembre scorso. Ci sono assenze importanti: Inglese, Cornelius, Bruno Alves e Laurini.

Il modulo dovrebbe essere il consueto 4-3-3, ma c’è da dire che D’Aversa ha provato anche il trequartista, e in questo caso Kulusevski potrebbe ricoprire quel ruolo, magari solo in fase di non possesso per tenere Brozovic sotto controllo. Comunque Sepe ovviamente sarà il portiere, Iacoponi e Dermaku al centro della difesa, sulle fasce Darmian e Gagliolo, in mediana Kucka, Scozzarella e Hernani (o Barillà), il trio davanti vedrà sicuramente titolari Kulusevski e Gervinho, mentre il ballottaggio è tra Karamoh e Sprocati. Il primo è davanti all’italiano, nel caso giocasse quest’ultimo, Kulusevski farebbe sempre l’esterno con Gervinho punta centrale.

Probabilità * di scommesse interessanti per Inter – Parma con SNAI.it

Vittoria Inter: 1,28
Pareggio: 5,50
Vittoria Parma: 11,00

 

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 1,5: 4,75
Under 2,5: 2,35
Under 3,5: 1,48
Under 4,5: 1,16
Over 1,5: 1,13
Over 2,5: 1,55
Over 3,5: 2,30
Over 4,5: 4,00

Gol/Non Gol: Sì  2,00     No  1,73

Handicap 2: 1  2,80    X   4,00    2  1,95
Handicap 1: 1  1,75    X   4,25    2  3,45
Handicap -1: 1  1,02    X  10,00  2  33,00
Primo Tempo/Finale 1/2: 75,00
Primo Tempo/Finale 2/1: 25,00

 

Previsione scommesse Inter – Parma con SNAI.it: Vittoria Inter. Fattore campo e precedenti indicano ovviamente la squadra nerazzurra come vincente, la grinta di Antonio Conte unita alla qualità della rosa interista dovrebbero fare il resto. Come sempre, attenzione al Parma che finora si è dimostrato dopo il Cagliari una delle realtà più interessanti di questo campionato.

Qui il confronto con altri bookie:

Il confronto con altre quote * scommesse per Inter – Parma

Quote Lottomatica.it

Vittoria Inter: 1,28
Pareggio: 5,50
Vittoria Parma: 11,50

Quote Unibet.it

Vittoria Inter: 1,27
Pareggio: 5,90
Vittoria Parma: 12,00

*(Quote del 26.10.2019 alle 00.55)

football line

Pronostico Parma – Juventus Quote scommesse Serie A

Parma – Juventus Quote scommesse Serie A*
Parma 10,50/ pareggio 5,10/ Juventus 1,33
Data: 24 agosto 2019 – 18.00 ora italiana
Bookie: Unibet.it

Scommesse sportive Parma – Juventus

Una “provinciale” di blasone ma che verosimilmente dovrà ancora lottare per la salvezza, contro la squadra campione d’Italia per l’ottava volta consecutiva, ma alle prese con un cambiamento importante e non ancora compiuto. Comincia così, allo stadio Ennio Tardini, il campionato di calcio di Serie A 2019-2020. Parma – Juventus, in programma alle 18.00 di sabato 24 agosto 2019, è il primo anticipo della giornata di esordio, quindi con la responsabilità di accendere i riflettori su questa stagione nella quale le grandi si stanno muovendo ancora molto sul mercato, ma per veti incrociati e altre situazioni, sono ancora pochi i veri colpi di questo mercato. Quello italiano era comunque l’ultimo grande campionato del continente europeo che non era ancora iniziato, e quindi ora si cominci con tutto quello che gira intorno al pianeta calcio, ma finalmente con la parola che passa al campo.

Fabio Maresca di Napoli sarà il direttore di gara del match, mentre per il VAR ci sarà Paolo Mazzoleni, che pur essendo uscito dai ranghi arbitrali per motivi arbitrali, come Luca Banti, Luigi Nasca e Aleandro di Paolo, saranno ancora designabili esclusivamente per la videoassistenza, con il nuovo ruolo di VAR PRO.

 

I precedenti di Parma – Juventus

In Serie A, le due squadre si sono incontrate 50 volte, e la Juventus è davanti avendo vinto quasi la metà dei confronto, 24 contro 10, mentre i pareggi sono 16, l’ultimo dei quali conquistato a Torino nell’ultimo confronto diretto tra le due compagini. Al “Tardini” le sfide sono state ovviamente 25, e la situazione è molto equilibrata, con dieci pareggi, otto successi juventini e sette dei “Ducali”.

 

La situazione del Parma prima dell’incontro con la Juventus

Il Parma ha confermato Roberto D’Aversa alla guida tecnica, e probabilmente anche il modulo sarà il medesimo, vale a dire un 4-3-3 che in caso di sviluppi favorevoli durante la gara può trasformarsi in un 3-5-2 per avere una maggiore copertura difensiva. Sono importanti i nuovi arrivi, da Laurini proveniente dalla Fiorentina, a Brugman che al Pescara ha fatto benissimo a centrocampo, e che potrebbe partire titolare così come Hernani, data anche l’indisponibilità di Kucka per un sovraccarico al soleo.

Chi si è già messo in grande evidenza, tra gli uomini-chiave della squadra, è senza dubbio l’ivoriano Gervinho, protagonista anche in Coppa Italia, dove i “Ducali” hanno eliminato con autorità il Venezia, con un 3 a 1 finale. Bene dunque il primo impegno ufficiale, dopo una serie di amichevoli a fasi alterne.

Davanti al portiere Sepe, possiamo quindi ipotizzare Iacoponi e Bruno Alves come difensori centrali, laterali Laurini e Gagliolo, in cabina di regia Brugman, mezzeali Hernani e Barillà, al centro dell’attacco Inglese affiancato a sinistra sicuramente da Gervinho, mentre a destra Kulusevski è favorito su Karamoh.

La situazione della Juventus prima dell’incontro con il Parma

Tutti a disposizione in una Juventus che ha problemi di mercato soprattutto in uscita, che ha un Dybala che vuole togliersi definitivamente dal mercato nonostante Paratici, un Higuain che nicchia su possibili altre destinazioni, un Icardi che vorrebbe arrivare ma che l’Inter – e Marotta –  non vorrebbero proprio dare agli avversari storici. Ma il principale problema, in questo momento, non è sul campo: è in panchina. La polmonite che ha colpito Maurizio Sarri, pur non impedendogli completamente di guidare la squadra per cercare di farle assimilare rapidamente i nuovi schemi e nuovi ruoli, non gli consentirà di essere presente alle prime due gare. Non solo a questa, dunque, ma anche all’esordio casalingo proprio contro il Napoli, quel club che oggi vive quasi come un tradimento il passaggio in bianconero del tecnico dopo aver vinto l’Europa League alla guida del Chelsea.

L’assenza di Sarri, in un momento così importante come l’esordio di campionato, rischia dunque di essere la difficoltà maggiore per una squadra che, oltre al vice Martusciello, dovrà per forza di cose affidarsi ai “senatori”, come il capitano Chiellini, Bonucci, come Gigi Buffon ritornato come riserva di Szczesny, ma anche per essere un punto di riferimento importante nel club per giocatori, allenatore, e probabilmente anche per la stessa dirigenza. E, naturalmente, Cristiano Ronaldo, per la sua classe ma anche per il proprio rigore assoluto nella preparazione. Il “top player” per antonomasia è in questo caso anche lui chiamato a un supplemento di responsabilità, in un esordio che sulla carta non dovrebbe presentare molte insidie, ma come abbiamo visto, ha le sue controindicazioni.

Modulo speculare, ossia il 4-3-3 sarriano, davanti al portiere Szczesny, al centro della difesa, si dovrebbe andare sul classico con Bonucci e Chiellini, a sinistra Alex Sandro mentre a destra giocherà Danilo, a centrocampo Pjanic in cabina di regia, affiancato da Khedira e Rabiot. Dovrebbe essere Dybala al centro dell’attacco come “falso nueve”, in quel ruolo che tanto vuole avere con Sarri, a destra dovrebbe esserci Douglas Costa che tanto ha impressionato favorevolmente il mister, mentre ovviamente a sinistra c’è CR7.

 

Probabilità * di scommesse interessanti per Parma – Juventus con Unibet.it

Vittoria Parma: 10,50
Pareggio: 5,10
Vittoria Juventus: 1,33

 

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 1,5: 4,30
Under 2,5: 2,08
Over 3,5: 3,00
Gol/Non Gol: Sì  2,14    No 1,68
Handicap inizia 1-0: 1  3,35    X  3,65   2  1,92
Handicap inizia 0-1: 1  30,00  X  11,50 2  1,05

Primo Tempo/Finale 1/2: 23,00
Primo Tempo/Finale 2/1: 76,00

Previsione scommesse Parma – Juventus con Unibet.it: Vittoria Juventus.  Il pronostico favorisce la squadra ospite, al netto di tutte le controindicazioni che abbiamo indicato, dall’assenza di Sarri alle varie incertezze provocate da un mercato ancora aperto. Ma la Juventus dovrebbe avere “spalle larghissime”, anche se si confronterà con la voglia di ben figurare degli avversari che aprono di fronte al proprio pubblico.

Qui il confronto con altri bookie:

Il confronto con altre quote * scommesse per Parma – Juventus

Quote SNAI.it

Vittoria Parma: 9.75
Pareggio: 5,00
Vittoria Juventus: 1,33

 

Quote 888sport.it

Vittoria Parma: 10,50
Pareggio: 5,10
Vittoria Juventus: 1,33

 

(Quote del 22.08.2019 alle 22.00)

football line

Pronostico Roma – Parma Quote scommesse Serie A

Roma – Parma Quote scommesse Serie A*
Roma 1,18/ pareggio 7,00/ Parma 13,00
Data: 26 maggio 2019 – 20:30 ora italiana
Bookie: Bet365

Scommesse sportive Roma – Parma

Almeno l’ Europa League, ma provarci ancora con la Champions sperando negli (improbabili) passi falsi delle altre contendenti. La caccia al quarto posto continua anche nell’ultima giornata del campionato di calcio di Serie A 2018-2019, che propone Roma – Parma. I “Giallorossi” contro una squadra che sperano appagata dalla salvezza appena conquistata, mentre loro devono ancora dare un senso alla propria stagione. Con molti giocatori al passo d’addio, su tutti il capitano Daniele De Rossi, e una tifoseria ormai in rotta di collisione contro una proprietà distante che sta facendo delle scelte che non vengono condivise.

Perfino Claudio Ranieri, chiamato a guidare la squadra fino al termine della stagione, subentrato a un Di Francesco che merita un riscatto in qualche altro team, ha fatto chiaramente capire, lui che della Roma è tifoso, che se non ci fosse stato Francesco Totti nella dirigenza, forse in questa avventura non si sarebbe imbarcato. Anche se nelle ultime conferenze stampa ha cercato di addolcire la forma, la sostanza è rimasta dura nei confronti di Pallotta e Baldini, che stanno facendo delle scelte poco comprese dai tifosi, compresa quella di costringere all’addio un De Rossi che si sente ancora giocatore e che quindi chiuderà altrove (fuori Italia) la sua carriera.

Ecco: questa contraddizione fra Trigoria e Boston, passando per Londra, la dice lunga sul clima che si respirerà allo stadio Olimpico, dove si gioca questa partita, alle 20.30 di domenica 26 maggio 2019. Arbitro Paolo Mazzoleni di Bergamo, per il VAR Fabio Maresca di Napoli.

I precedenti di Roma – Parma

Il 29 dicembre 2018 la Roma allora allenata da Eusebio Di Francesco vinse 2 a 0 al “Tardini”. L’ultimo successo degli emiliani, peraltro casalingo, risale al 16 settembre 2013, ma l’unico dei “Ducali” all’ Olimpico, firmato da Hernan Crespo, risale al 1997.

In Serie A le due formazioni si sono incrociate 49 volte, 24 delle quali a Roma, e in molti casi il risultato si è rivelato un over 2,5, ma non negli ultimi due incontri. Complessivamente, i capitolini si sono imposti 30 volte, 17 delle quali tra le mura amiche, nove volte il successo è stato degli emiliani ma come detto solo in un caso c’è stata la vittoria esterna, mentre dei dieci pareggi complessivi, sei sono stati conseguiti all’Olimpico.

La situazione della Roma prima della partita con il Parma

I problemi e le contraddizioni di una Roma che deve ancora tracciare un bilancio alla sua stagione, ma che è ancora in corsa per la Champions e (soprattutto) per l’Europa League, li abbiamo già analizzati. Ora cerchiamo invece di capire le combinazioni che potrebbero aprire la porta alla squadra giallorossa verso le competizioni continentali. La Roma, dopo aver pareggiato sul campo del Sassuolo, è sesta a 63 punti, ed è il posto che porta ai preliminari di Europa League. Due punti sopra, in quello che consente di accedere alla fase a gironi, c’è il Milan, mentre a 66 punti Atalanta e Inter stanno occupando il terzo e quarto posto, che portano in Champions League.

Per arrivare alla Champions serve una combinazione complessa di risultati, la Roma deve fare una sua parte molto impegnativa e comunque guardare agli altri risultati. Non basta vincere con il Parma, bisogna provare a infliggergli cinque gol di scarto sperando nella sconfitta delle milanesi, il che è già abbastanza difficile in sé. Oppure vincere senza questa megaimpresa, sperando che perdano oltre a Inter e Milan, anche l’Atalanta. Ovviamente Ranieri sprona i suoi all’ultimo miglio, pur sapendo che l’impresa è molto difficile.

L’annata non è stata delle migliori, e i tifosi vogliono unire alla festa di addio per De Rossi (ma se ne andranno quasi certamente anche Dzeko e altri) la contestazione per una società che vedono poco vicina. Le scelte vanno indubbiamente fatte, il ricambio generazionale in certi casi è necessario, ma la vicenda Totti doveva aver insegnato che ci sono alcune figure che vanno rispettate anche nella forma, per quanto hanno dato alla società. Sì, le bandiere: è questo che probabilmente ha infastidito un ambiente che tiene molto alla propria romanità, e che avrebbe preferito un finale diverso sotto questo profilo. Di certo l’entourage di Pallotta non si aspettava che la protesta travalicasse addirittura i confini nazionali, ma questo probabilmente significa non conoscere ancora benissimo l’ambiente romano e romanista. Non basta, insomma, prendersela con le radio sportive locali, per quanto il loro seguito sia una peculiarità tipicamente romana.

Ma, appunto, le peculiarità andavano comprese, e forse Ranieri, in queste settimane, andava ascoltato di più. Invece ha dovuto pensare solo a salvare il salvabile, sapendo peraltro dall’inizio che il suo mandato era a termine, comprendendo evidentemente i problemi che ha avuto Di Francesco, per quanto il principale era probabilmente il legame con l’ex direttore sportivo Monchi, che non sarà certamente ricordato in modo positivo a Roma, pur avendo portato Zaniolo.

Comunque bisogna chiudere al meglio, e almeno meritarsi l’Europa League, l’ “uovo oggi”, dato che la “gallina domani”, se non un miraggio, è difficilmente conquistabile ma non del tutto impossibile. Sarà quindi una Roma che andrà all’arrembaggio, cercando continuamente la porta avversaria. Sarà 4-3-3 con in porta un ex come Mirante, titolarissimo con l’avvento di Ranieri, davanti a lui come coppia centrale difensiva Fazio e Manolas, sulle fasce Florenzi e Kolarov, in cabina di regia naturalmente De Rossi, mezzeali Pellegrini e Cristante, tridente con Under, Dzeko ed El Shaarawy.

 

La situazione del Parma prima della partita con la Roma

È stato un campionato non brillantissimo, per la squadra di Roberto D’Aversa, ma la salvezza è stata conquistata grazie al successo interno per 1 a 0 contro una Fiorentina troppo nervosa perché probabilmente impreparata a dover lottare per non retrocedere. Così, a 41 punti insieme con Bologna e Cagliari, i “Ducali” sono riusciti a uscire dal vortice di chi lotta per evitare il terzultimo posto.

Certo, bisogna chiudere bene, e la squadra ci proverà, consapevole che si troverà di fronte una Roma disposta a tutto, e occorrerà soprattutto gestire al meglio la difesa, e magari ripartire nei varchi che i capitolini rischiano di creare dovendo “fare” per forza la partita. L’intenzione è quella di non peggiorare la posizione in classifica e magari chiudere migliorandola. Difficilmente si arriverà al decimo posto che teoricamente sarebbe anche possibile, ma salire sopra l’attuale quattordicesima piazza non verrebbe ovviamente disprezzato.

In tutto questo, però, l’emergenza continua: oltre a Inglese, il grande ex Gervinho, Sierralta e forse Rigoni, non sarà della partita Gagliolo che si è dovuto fermare in allenamento. La notizia positiva è il rientro di Bruno Alves dopo la squalifica. Possibile dunque un 3-5-2 capace di trasformarsi in difesa a cinque nell’eventualità sia necessario: tra i pali potrebbe esserci Frattali, facendo tirare il fiato a Sepe, in difesa Iacoponi, Alves e Bastoni, sugli esterni Gazzola e Di Marco, in mediana Kucka, Scozzarella e Barillà, davanti è ballottaggio tra Siligardi e Sprocati per affiancare Ceravolo.

Probabilità* di scommesse interessanti per Roma – Parma con Bet365

Vittoria Roma: 1,18
Pareggio: 7,00
Vittoria Parma: 13,00

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Casa/Fuori  2: 11,00
Under 0,5: 23,00
Over 7,5: 17,00
Over 4,5 Primo Tempo: 23,00
Over 5,5 Secondo Tempo: 26,00
Asian Handicap -4  1: 6,25
Asian Handicap 0, -0,5   2: 6,60
Primo Tempo/Finale 1/2: 67,00
Primo Tempo/Finale X/2: 26,00

Previsione scommesse Roma – Parma con Bet365Vittoria Roma. I capitolini vogliono lasciare il segno, a prescindere da come si chiuderà la stagione, anche perché alcuni di loro sono al passo d’addio e hanno tutta l’intenzione di farsi rimpiangere. Gli emiliani cercheranno di onorare il finale di campionato, ma a salvezza raggiunta sarà difficile fronteggiare una squadra che ha ancora un obiettivo stagionale, per quanto ridimensionato possa essere.

Qui il confronto con un altro bookmaker:

Quote* scommesse per Roma – Parma con Bwin

Vittoria Roma: 1,20
Pareggio: 7,00
Vittoria Parma: 13,50

(Quote del 25.05.2019 alle 07.50)

football line
i-bookmakers.it valuta e confronta con costante aggiornamento tutti gli importanti bookmakers autorizzati in Italia.   18+   AAMS
Bookmakers | Bookmaker online | Scommesse sportive | Scommesse calcistiche | Scommesse live | Siti di scommesse | Scommesse Online | Bookmaker
Vi raccomandiamo di scommettere con responsabilità.