Logo di i-bookmakers .it
Notizie di Scommesse

Milan

In questa pagina trovate articoli riguardanti Milan.
football line

Pronostico Spal – Milan Quote scommesse Serie A

Spal – Milan Quote scommesse Serie A*
Spal 6,50/ pareggio 4,75/ Milan 1,44
Data: 26 maggio 2019 – 20:30 ora italiana
Bookie: Bet365

Scommesse sportive Spal – Milan

Anche Spal – Milan è una partita importante per stabilire l’attribuzione definitiva dei posti per Champions ed Europa League. La squadra ferrarese, meritatamente salva, vuole chiudere bene davanti al proprio pubblico, il Milan che si interroga sui vari nodi del suo futuro, dalle decisioni UEFA alle posizioni dell’allenatore Gattuso e del direttore generale Leonardo, quest’ultimo più in bilico di tutti.

Accontentarsi della seconda competizione europea, o riuscire a strappare la prima i cugini interisti oppure alla lanciatissima Atalanta? Non è facile, ma tutto è ancora possibile, guardandosi anche alle spalle da una Roma che cerca di chiudere bene un’annata fatta di alti e bassi, del resto proprio come quella milanista. Molti che giocano oggi in rossonero quasi certamente non li rivedremo nella prossima stagione, soprattutto Ignazio Abate per motivi anagrafici (ma in molti pensano che un elemento come lui nello spogliatoio sarebbe stato ancora utile) mentre è già consumato l’addio a un Riccardo Montolivo quest’anno rimasto completamente fuori dal progetto e al quale non sarà neanche riservato il palcoscenico del saluto finale.

Sulla Spal, che cosa dire? Grande annata, grandi soddisfazioni e una salvezza conquistata con pieno merito dagli uomini di Leonardo Semplici, con l’ambizione evidentemente di poter fare ancora meglio nella prossima stagione, adesso che con la Serie A si è presa una certa confidenza.

Alle 20.30 di domenica 26 maggio 2019, allo stadio “Paolo Mazza”, le due squadre si affrontano in questo ultimo turno del campionato di calcio di Serie A 2018-2019, sotto la direzione di gara di Paolo Valeri della sezione Roma 2, mentre al VAR ci sarà Maurizio Mariani di Aprilia.

I precedenti di Spal – Milan

L’andata, il 29 dicembre 2018, fu vinta 2 a 1 dal Milan a San Siro. Un successo in rimonta, con Castillejo e Higuain (al suo passo d’addio in quella occasione) che assicurarono il successo ai “Rossoneri” dopo il temporaneo vantaggio spallino con la rete di Petagna, che tra l’altro nel Milan è proprio cresciuto.

In A i precedenti sono 35, ma l’unico successo spallino è molto datato nel tempo, peraltro conquistato in trasferta: 1 a 0 il 9 giugno 1957. Il Milan ha vinto 22 volte, mentre in 12 casi la sfida si è chiusa in parità. E notare che l’ultimo Spal – Milan , il 10 febbraio dell’anno scorso, è finito 4 a 0 per il Diavolo. A Ferrara contiamo 9 vittorie esterne ed 8 pareggi.

La situazione della Spal prima della partita con il Milan

Chiudere bene, dunque, tentando lo sgambetto a una formazione che arriverà tremendamente determinata a provare a riprendersi il quarto posto. La squadra, che prevedibilmente ha un po’ mollato gli ormeggi, nelle ultime due gare ha perso con il Napoli (2 a 1 al “Mazza”) e a Udine per 3 a 2. Quanto alla formazione, si può ipotizzare un 3-5-2 con Gomis tra i pali, difesa con Cionek, Vicari e Bonifazi, esterni Lazzari e Fares, in mediana Murgia. Schiattarella e Fares, davanti Floccari e naturalmente Petagna.

La situazione del Milan prima della partita con la Spal

Il Milan, come detto, proverà a conquistarsi la quarta posizione, ovviamente sperando in qualche passo falso di Atalanta e Inter, che hanno solo un punto in più dei “Rossoneri”. Obbligatorio battere la Spal e sperare che a Reggio Emilia (paradossalmente l’Atalanta gioca “in casa” nel campo abitualmente avversario) e a San Siro, il Sassuolo e l’Empoli facciano qualche dispetto alle avversarie.

Ci sarà tempo per parlare del Milan che ha in mente l’amministratore delegato Gazidis, ma anche di come la squadra potrà muoversi sul mercato e se potrà giocare le Coppe Europee. Adesso il traguardo va conquistato, e Gattuso per ottenerlo conferma per dieci undicesimi la formazione che nel turno precedente ha sconfitto 2 a 0 il Frosinone, unica probabile differenza Conti al posto di Abate sulla corsia di destra. Quindi 4-4-2 con Donnarumma tra i pali, difensori centrali Musacchio e Romagnoli, laterali Conti e Rodriguez, in mediana Susom Kessie e Bakayoko, davanti Piatek come terminale offensivo, e ai lati Suso e Borini.

Probabilità* di scommesse interessanti per Spal – Milan con Bet365

Vittoria Spal: 6,50
Pareggio: 4,75
Vittoria Milan: 1,44

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Casa/Fuori  1: 4,33
Under 0,5: 17,00
Over 6,5: 17,00
Over 4,5 Secondo Tempo: 21,00
Asian Handicap -0,5  1: 5,50
Asian Handicap 0, -0,5   1: 5,00
Asian Handicap +2,5, +3  2: 5,50
Primo Tempo/Finale 1/2, 2/X: 17,00
Primo Tempo/Finale 2/1: 41,00

Previsione scommesse Spal – Milan con Bet365Vittoria Milan. In casa la squadra ferrarese è sempre avversaria difficile per tutti, anche in trasferta del resto, ma il Milan è consapevole di essere di fronte all’ultima occasione per salvare questa stagione fatta di alti e bassi, a prescindere dai verdetti extra-campo.

Qui il confronto con un altro bookmaker:

Quote* scommesse per Spal – Milan con SNAI

Vittoria Spal: 6,00
Pareggio: 4,50
Vittoria Milan: 1,50

(Quote del 25.05.2019 alle 8.25)

football line

Pronostico Fiorentina – Milan Quote scommesse Serie A

Fiorentina – Milan Quote scommesse Serie A*
Fiorentina 2,90/ pareggio 3,30/ Milan 2,37
Data: 11 maggio 2019 – 20:30 ora italiana
Bookie: Bet365

Scommesse sportive Fiorentina – Milan

Sono due deluse, ma una ormai senza alcuna speranza di conquistare qualche obiettivo stagionale, e peraltro in parabola discendente nonostante il cambio di allenatore, l’altra invece ancora con l’obiettivo possibile – anche se difficile – del quarto posto, ma con addosso troppe pressioni e vicende che rischiano di distogliere l’attenzione dal traguardo che eviterebbe l’aggettivo deludente per questa stagione: Fiorentina – Milan si gioca allo stadio “Artemio Franchi” alle 20.30 di sabato 11 maggio 2019, incontro valido per la terzultima giornata del campionato di Serie A 2018-2019, arbitro Maurizio Mariani di Aprilia, mentre per il VAR è stato designato Gianluca Manganiello di Pinerolo.

I precedenti di Fiorentina – Milan

L’incontro di andata, il 22 dicembre 2018, era stato vinto a San Siro dalla squadra toscana, allora allenata da Stefano Pioli, grazie a una rete segnata da Federico Chiesa. Le due formazioni si sono incontrate in A 157 volte: il Milan ha vinto il confronto 71 volte, perdendolo 43 e pareggiandolo altrettante volte. Considerando invece i 78 precedenti a Firenze, la situazione si inverte, dato che la squadra di casa si è aggiudicata il match 31 volte, rispetto a 24 vittorie rossonere e 23 pareggi.

La situazione della Fiorentina prima della partita con il Milan

Vincenzo Montella si trova di fronte il Milan dal quale era stato esonerato ai tempi di Fassone e Mirabelli, così lontani per la società rossonera, ma che hanno lasciato qualche pesante strascico, cui la nuova proprietà ha aggiunto del suo. Ma non è che il tecnico campano, tornato da poco a guidare una squadra del nostro campionato, e in particolare a Firenze dove non si era lasciato benissimo con la proprietà, se la stia passando benissimo.  Con lui alla guida al posto di uno Stefano Pioli dimessosi polemicamente dopo un comunicato della società, non è che le cose siano andate meglio: anzi, un solo punto in quattro partite, quello con il Bologna, cui aggiungere alle tre sconfitte di campionato (ultima nel derby di Empoli finito 1 a 0 per gli “Azzurri”) quella in Coppa Italia a Bergamo con l’Atalanta, dove i “Viola” hanno ben figurato, ma non è bastato.

Vincere contro il Milan allenato – ancora per poco – da Gattuso che su quella panchina lo ha sostituito, potrebbe essere per Montella un punto di orgoglio, ma i punti che servono evidentemente sono quelli che consentono a una squadra comunque ambiziosa e con alcuni talenti importanti, primo fra tutti evidentemente Federico Chiesa, di non finire sotto squadre come Sassuolo e Spal. Sì, perché la Fiorentina è in questo momento tredicesima, a pari punti con il Cagliari che ha una peggior differenza reti ma più vittorie.

Si può ipotizzare un 4-3-3 con Lafont tra i pali, Vitor Hugo e Ceccherini al centro della difesa, laterali Milenkovic e Biraghi, in mediana Gerson, Fernandes e Benassi, davanti Chiesa, Muriel e Mirallas.

La situazione del Milan prima della partita con la Fiorentina

Non c’è pace per il Milan che a tre punti dall’Atalanta quarta, cerca di riconquistare l’ultima posizione disponibile per la Champions League, mentre Rino Gattuso lavora con in sottofondo il chiacchiericcio su chi prenderà il suo posto nella prossima stagione. Proprio non se ne può fare a meno? Di sicuro si sarebbe fatto invece volentieri a meno del caso-Bakayoko, evidentemente l’emergere di una tensione con il tecnico che episodi precedenti avevano acuito e poi è esplosa, complice magari il ritiro punitivo, davanti alle telecamere che riprendevano la partita vinta 2 a 1 con il Bologna.

Adesso “Ringhio”, dopo un ex avvelenato come Mihajlovic se ne trova davanti un altro, e sarà interessante capire se il confronto terminerà allo stesso modo. È ancora da capire peraltro se e come il ritiro punitivo abbia avuto una parte determinante nel successo contro i felsinei, ma questo potranno dirlo soltanto le ultime gare della stagione. Magari sperando che il tam-tam sul prossimo allenatore del Milan venga silenziato almeno fino al termine della stagione. Altrimenti, sarà bene che, chiunque sia, Di Francesco o altri, chieda garanzie sul fatto che le “graticole” non avvengano sulla pubblica piazza. Come del resto ha già vissuto quest’anno a Roma, dopo che aveva portato la squadra nella scorsa stagione alla semifinale di Champions.

Ancora molti dubbi per Gattuso, che comunque confermerà il suo 4-3-3 che prevede una sola punta, in genere Piatek. Ma potrebbe essere il momento di Cutrone, al fianco di Calhanoglu, che ritorna, e di Castillejo. Senza Paquetà, squalificato per tre turni dal giudice sportivo, davanti al portiere Donnarumma la difesa dovrebbe essere composta da Abate, Musacchio, Romagnoli e Rodriguez, centrocampo con Kessie, Mauri e Bakayoko. Se invece Calhanoglu sarà mezzala, resterà fuori Mauri, e nel tridente ci sarà Borini.

Probabilità* di scommesse interessanti per Fiorentina – Milan con Bet365

Vittoria Fiorentina: 2,90
Pareggio: 3,30
Vittoria Milan: 2,37

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 0,5: 10,00
Over 6,5: 26,00
Over 3,5 Primo Tempo: 21,00
Asian Handicap – 1,5   1: 6,00
Asian Handicap -1, -1,5   1: 5,75
Asian Handicap +1,5, +2   2: 6,25
Primo Tempo/Finale 1/2, 2/1: 29,00

Previsione scommesse Fiorentina – Milan con Bet365Vittoria Milan. Di pochissimo, ma è favorita la formazione rossonera, anche considerando il fatto che quella di casa non avrà il suo tifo organizzato. Comunque si tratta di due squadre che prima ancora che dalle avversarie, quest’anno devono guardarsi da loro stesse. E questo è il principale problema di una stagione da archiviare quanto prima, anche se il Milan ha ancora un possibile obiettivo da raggiungere.

Qui il confronto con un altro bookie:

Quote* scommesse per Fiorentina – Milan con Bwin

Vittoria Fiorentina: 2,85
Pareggio: 3,30
Vittoria Milan: 2,40

(Quote del 09.05.2019 alle 17.30)

football line

Pronostico Milan – Bologna Quote scommesse Serie A

Milan – Bologna Quote scommesse Serie A*
Milan 1,60/ pareggio 3,80/ Bologna 6,00
Data: 6 maggio 2019 – 20:30 ora italiana
Bookie: Bet365

Scommesse sportive Milan – Bologna

Una partita di quelle che decidono una stagione: il Milan contro il Bologna, Gattuso contro Mihajlovic, ex con tanta voglia di rivalsa. Una squadra che deve ritrovarsi in fretta se vuole riprendersi il quarto posto che ormai rischia di sfuggire definitivamente contro una che si sta conquistando la salvezza. È questo il posticipo che alle 20.30 di lunedì 6 maggio 2019, in un “Monday Night” molto atteso, chiuderà allo stadio “Giuseppe Meazza” la quartultima giornata del campionato di Serie A 2018-2019, trentacinquesima da calendario, sedicesima di ritorno. Arbitro il brindisino Marco Di Bello, per il VAR Paolo Valeri della sezione Roma 2.

 

I precedenti di Milan – Bologna

L’andata era terminata senza reti il 18 dicembre 2018 al “Renato Dall’ Ara”. Il Milan domina i confronti diretti, sia nel totale che per quanto riguarda ovviamente le gare disputate in casa. In A le due squadre si sono affrontate 141 volte, e i “Diavoli” hanno vinto in 65 occasioni contro le 38 del Bologna, tante quanti i pareggi. Fa impressione anche il numero dei gol; 219 per il Milan, 156 per i felsinei. Dati che ovviamente vengono ulteriormente amplificati se ci fermiamo a San Siro. Qui i successi interni sono stati 40 su 70 incontri, solo 13 le vittorie degli ospiti, 17 i pareggi. E quanto alle reti segnate, il Milan è a tre cifre con 126, il Bologna a due con poco meno della metà: 59.

La situazione del Milan prima della partita con il Bologna

Con un Gattuso cui sono stati dati già, nella versione calcistica ampliata, gli “otto giorni”, visto che in settimana altro non si è fatto che parlare del possibile successore nella prossima stagione, difficile che lo spogliatoio non senta aria di smobilitazione, a prescindere dalle multe per ritardo o dai ritiri punitivi, che in questo caso probabilmente rischiano di non fare bene a una squadra che sa che nella prossima stagione non sarà la stessa.

La cosa peggiore che può succedere a un allenatore, e naturalmente a uno spogliatoio, è quella delle voci e degli spifferi dall’esterno sui possibili successori. Rino Gattuso, per quanti difetti possa avere, e ha avuto il pregio di tenere unita la squadra in un momento difficile, non meritava questa sorte, ed è difficile che un suo successore, chiunque sia, da Gasperini a Di Francesco al “sogno” Conte non metta le cose in chiaro dall’inizio per evitare spifferi e correnti su eventuali malcontenti. Il tecnico ha certamente le sue colpe, le riconosce, inoltre alcuni giocatori non hanno reso quanto dovuto, qualcuno è stato particolarmente sfortunato durante la stagione, come Caldara – lui sì, ora definitivamente out per infortunio, potrebbe sperare nell’avvento di Gasperini che lo conosce bene – ma più si mette in discussione un tecnico magari attraverso cose non dette ma che filtrano, più la squadra rischia di sfilacciarsi e di sentirsi un po’ come negli ultimi giorni di scuola prima delle vacanze estive.

Si voleva e si vuole questo, al Milan che ancora spera di risalire dal settimo al quarto posto che in fondo dista solo tre punti? O ci vorrebbe la giusta serenità e qualche attestato di sostegno al tecnico invece del silenzio totale, a parte la conferma fino al termine della stagione? Gattuso vuole chiudere bene, certamente, questa sua esperienza, e magari poi aprirne un’altra per esempio all’estero, con quello spirito di rivalsa e quella grinta da guerriero che magari non sarà un grande tattico (anche se nel periodo positivo, dopo l’arrivo di Piatek, tutti ne tessevano le lodi e salivano sul suo carro) ma lo spirito di gruppo lo sa creare, se qualcuno non disturba questa intenzione. A quel punto, anche per un Milan guidato da un tecnico vincente, ritrovarselo di fronte da avversario magari in una coppa europea potrebbe non essere gradevolissimo. Un po’ come potrebbe succedere in questa gara, contro una squadra decisamente inferiore, ma guidata da un allenatore che il dentino avvelenato con i suoi ex è del tutto legittimato ad averlo. Anche se si trattava di un’altra gestione.

Dopo la sconfitta in casa del Torino (2-0), l’allarme rosso è scattato. Quasi certamente ci saranno cambiamenti nel modulo e nella formazione: basterà? Lo sapremo dopo la gara. Si può ipotizzare un 4-3-1-2 con Donnarumma tra i pali, difesa con Abate, Musacchio, Zapata e Rodriguez, centrocampo con Kessie e Calhanoglu ai lati di Bakayoko (o di Biglia date anche le ultime vicende), Paquetà schierato trequartista alle spalle di Piatek e Cutrone finalmente insieme. Ma potrebbe invece essere 4-3-3 con Paquetà a centrocampo, Piatek unica punta e ai suoi lati Suso e Calhanoglu.

La situazione del Bologna prima della partita con il Milan

Al Bologna manca pochissimo per la salvezza aritmetica, di fatto ormai virtualmente la permanenza in A la squadra di Mihajlovic l’ha conquistata, ma il desiderio di fare punti c’è, sia per mettere qualche ulteriore mattoncino, sia perché l’allenatore qualcosina da far scontare alla sua vecchia società ce l’ha, anche se come detto la proprietà era diversa.

Quattro partite sempre a punti e due vittorie consecutive nelle ultime due gare, 6 gol segnati: 3 con la Sampdoria, altrettanti con l’Empoli, una sola rete subita proprio contro i toscani.

In campo dovrebbe andare un 4-3-3: Skorupski il portiere, Lyanco e Danilo i difensori centrali, sulle fasce Calabresi e Dijks, Pulgar in cabina di regia, in mediana con Poli e Dzemaili, davanti Orsolini, Palacio e Sansone.

Probabilità* di scommesse interessanti per Milan – Bologna con Bet365

Vittoria Milan: 1,60
Pareggio: 3,80
Vittoria Bologna: 6,00

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 0,5: 10,00
Over 6,5: 26,00
Asian Handicap – 2,5  1: 5,50
Asian Handicap -2, – 2,5  1: 5,00
Asian Handicap +0,5  2: 5,25
Primo Tempo/Finale 1/2: 41,00
Primo Tempo/Finale 2/1: 21,00

Previsione scommesse Milan – Bologna con Bet365Vittoria Milan. I bookmaker ritengono che la squadra rossonera, nonostante il periodo negativo, il ritiro punitivo, le voci sui possibili nuovi allenatori, possa avere ragione degli ospiti anche se allenati da un ex. Il margine tra la vittoria interna e quella esterna ci sembra un po’ troppo ampio, ma evidentemente la valutazione è questa.

Qui il confronto con un altro bookie:

Quote* scommesse per Milan – Bologna con SNAI

Vittoria Milan: 1,63
Pareggio: 3,80
Vittoria Bologna: 5,75

(Quote del 04.05.2019 alle 23.15)

football line

Pronostico Milan – Lazio Quote scommesse Coppa Italia

Milan – Lazio Quote scommesse Coppa Italia*
Milan 2,55/ pareggio 3,20/ Lazio 2,80
Data: 24 aprile 2019 – 20:45 ora italiana
Bookie: Bet365

Scommesse sportive Milan – Lazio

Semifinale di ritorno della Coppa Italia 2018-2019, unico turno della competizione che si svolge in due partite. Tutto ancora da scrivere per Milan – Lazio, dopo lo zero a zero della partita dell’ Olimpico. Si deciderà dunque allo stadio “Giuseppe Meazza” chi affronterà la vincente del doppio confronto tra Atalanta e Fiorentina nella finale in programma il 15 maggio a Roma.

La semifinale di ritorno tra Milan e Lazio comincerà alle 20.45 di mercoledì 24 aprile 2019, e la direzione di gara è affidata a Paolo Mazzoleni di Bergamo, mentre per il VAR ci sarà Davide Massa di Imperia.

I precedenti di Milan – Lazio in Coppa Italia

A parte l’andata, come detto terminata senza reti lo scorso 26 febbraio, in questa competizione le due squadre si sono incontrate 18 volte con un sostanziale equilibrio: otto partite vinte dai “Rossoneri”, sette dai “Biancocelesti”, mentre i pareggi sono quattro comprendendo anche la gara di andata.

La situazione del Milan prima della partita con la Lazio

Momento non da incorniciare in campionato per le due squadre, delle quali preoccupa una certa involuzione in questa fase della stagione, dove il quarto posto è il traguardo possibile per le due formazioni, anzi l’obiettivo da perseguire. C’è ancora la Coppa Italia, ed è proprio per questo che la partita assume un significato importante almeno per tre delle quattro semifinaliste, a parte l’Atalanta che è l’unica che sta facendo molto bene in questo periodo.

Il Milan è quarto a 56 lunghezze, ma il pareggio di Parma (1-1) lo espone a possibili sorpassi. Oltretutto proprio l’Atalanta, vincendo a Napoli, ha affiancato i “Rossoneri” con gli stessi punti, e l’obiettivo Champions rischia di essere molto più difficile per gli uomini di Rino Gattuso, che in Coppa Italia hanno eliminato Sampdoria e Napoli, prima di approdare in semifinale con la Lazio.

La notizia più importante per il tecnico rossonero è il recupero di Lucas Paquetà, elemento importantissimo per il gioco milanista che potrebbe addirittura partire titolare dopo essere stato convocato nella partita del “Tardini”. Il ballottaggio è con Borini, ma nelle ultime ore l’ipotesi di schierare il brasiliano dall’inizio sta prendendo corpo. In porta, questa volta, Reina dovrebbe essere preferito a Donnarumma.

Il modulo dovrebbe essere il consueto 4-3-3, e un altro ballottaggio dovrebbe esserci per chi affiancherà Romagnoli al centro della difesa, con Musacchio in vantaggio su Zapata, mentre i laterali dovrebbero essere Calabria e Ricardo Rodriguez. In mediana, Kessie e Bakayoko, oltre a Paquetà o Borini, mentre al fianco di Piatek dovrebbero esserci Suso e Calhanoglu.

La situazione della Lazio prima della partita con il Milan

La Lazio teme di perdere tutti i suoi obiettivi stagionali. La sconfitta interna per 2 a 1 ad opera del già retrocesso Chievo Verona ha palesato una serie di problemi e un eccessivo nervosismo di alcuni uomini importanti per Simone Inzaghi, che ha tenuto a rapporto la squadra come lo stesso presidente Lotito. Il quale “vuole” la Coppa Italia, ma di fronte i “Biancocelesti” troveranno una squadra in una situazione abbastanza simile e con i medesimi obiettivi.

Novara e Inter sono le due squadre eliminate per accedere alla penultima tappa di questa Coppa Italia.

Quanto alla formazione, non è scontata perché Inzaghi potrebbe anche decidere qualche cambiamento per dare uno scossone in questa ultima fase della stagione. Non ci sarà Radu che è squalificato, mentre sono infortunati Lukaku e Berisha. Consueto 3-5-1-1 con Strakosha in porta, difesa con Luiz Felipe, Acerbi e Bastos, mentre per gli esterni Romulo e in vantaggio su Marusic a destra, mentre Lulic dovrebbe essere comunque a sinistra, Leiva in cabina di regia, mezzeali Milinkovic-Savic e Luis Alberto in vantaggio su Parolo. Altro ballottaggio per chi giocherà alle spalle di Immobile in attacco, e Correa è favorito su Caicedo.

Probabilità* di scommesse interessanti per Milan – Lazio con Bet365

Vittoria Milan: 2,55
Pareggio: 3,20
Vittoria Lazio 2,80

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 0,5: 8,00
Over 5,5: 25,00
Over 3,5 Primo tempo: 26,00
Asian Handicap -1,5  1: 5,50
Asian Handicap +1, +1,5  2: 5,50
Asian Handicap +1,5  2: 5,90
Primo Tempo/Finale 1/2, 2/1: 34,00

 

Previsione scommesse Milan – Lazio con Bet365Vittoria Milan. Leggermente preferita la squadra di casa per supremazia territoriale, ma ovviamente questa è una partita che vale una qualificazione e perciò si preannuncia molto combattuta e con uno svolgimento non decifrabile alla vigilia.

Qui il confronto con un altro bookie:

Quote* scommesse per Milan – Lazio con Unibet

Vittoria Milan: 2,55
Pareggio: 3,30
Vittoria Lazio: 2,80

(Quote del 23.04.2019 alle 00.10)

football line

Pronostico Parma – Milan Quote scommesse Serie A

Parma – Milan Quote scommesse Serie A*
Parma 5,00/ pareggio 3,60/ Milan 1,75
Data: 20 aprile 2019 – 12:30 ora italiana
Bookie: Bet365

Scommesse sportive Parma – Milan

Ogni tanto la Lega A torna alla cara, vecchia contemporaneità delle partite, e lo fa in occasione, o come in questo caso nell’imminenza di una festa comandata.  Così avremo un Sabato Santo tutto dedicato al campionato di calcio. Si gioca infatti tutta sabato 20 aprile 2019 (tranne ovviamente Napoli – Atalanta, posticipata a Lunedì dell’ Angelo) la trentatreesima giornata di Serie A 2018-2019, la quattordicesima di ritorno. Le abitudini comunque non si perdono, e dunque si parte con il match dell’ora di pranzo; alle 12.30 fischio d’inizio allo stadio “Ennio Tardini” per Parma – Milan, partita importante sia per l’alta che per la medio-bassa classifica: la squadra di casa cerca punti per allontanarsi dalla zona calda, gli ospiti per mantenere la quarta posizione, ultima che consente l’accesso alla fase a gironi della Champions League.

Direttore di gara sarà Paolo Valeri della sezione di Roma 2, mentre è di quella di Roma 1 l’arbitro designato per il VAR, ossia Federico La Penna.

I precedenti di Parma – Milan

La gara di andata, disputata il 2 dicembre 2018 a San Siro, era stata vinta 2 a 1 dal Milan, una vittoria in rimonta dato che dopo il gol di Roberto Inglese, prima Cutrone su azione e poi Kessie su rigore avevano consegnato il successo alla squadra rossonera.

In tutto sono 49 i precedenti di questo confronto nella massima serie: 26 le vittorie milaniste, solo 11 quelle del Parma, mentre i pareggi sono 12. Considerando solo i 25 confronti diretti giocati in Emilia, resta comunque davanti il Milan anche se di poco: 11 successi contro 8, e 6 pareggi.

La situazione del Parma prima della partita con il Milan

Due pareggi senza reti, in casa con il Torino e al “Mapei Stadium” nel derby con il Sassuolo, sono davvero un minimo passo avanti per la squadra emiliana dopo tre sconfitte consecutive. Tutto sommato, senza altri passi falsi la formazione di Roberto D’Aversa non dovrebbe avere grandi problemi a salvarsi, ma sei punti sull’Empoli terzultimo non possono comunque dare tranquillità ai “Ducali”, in una zona molto affollata della classifica. Al momento la squadra è al quattordicesimo posto, il Parma dovrebbe essere una delle squadre meno indiziate per la discesa in B, ma occorre fare punti, anche se il Milan è a caccia dei propri obiettivi e quindi la partita non si preannuncia delle più facili.

Indisponibili Inglese, Grassi, Sierralta e Biabiany, ci sono diversi ballottaggi per D’Aversa che schiererà un 4-3-3: Sepe tra i pali, difensori centrali Bruno Alves e Gagliolo, come laterali Iacoponi e uno tra Dimarco e Bastoni, Scozzarella in ballottaggio con Rigoni e Stulac per il ruolo di regista, mentre le mezzeali dovrebbero essere Kucka e Barillà. Nel tridente sicuri del posto Ceravolo e Gervinho che cerca di segnare il suo undicesimo gol stagionale, mentre Sprocati è favorito su Gazzola e, ancora, Rigoni.

La situazione del Milan prima della partita con il Parma

La vittoria di misura con la Lazio (1 a 0) in uno scontro diretto in prospettiva Champions ha lasciato qualche scoria, soprattutto per la vicenda della maglietta di Acerbi esposta a mo’ di “trofeo” da Kessie e Bakayoko, sui quali la procura federale ha avviato un’indagine dopo che il giudice sportivo non ha accettato, da regolamento, la prova televisiva su questa vicenda.

Una situazione che certo non serviva per la squadra di Rino Gattuso, che non riesce a trovare una sua serenità anche dopo una vittoria, peraltro la prima dopo quattro gare in cui la formazione rossonera aveva guadagnato soltanto un punto, pareggiando in casa con l’Udinese. Probabilmente certe situazioni di sofferenza rischiano di sfiancare una squadra il cui scopo è quello di mantenere il quarto posto, con il fiato sul collo rispettivamente di Roma, Atalanta e della stessa Lazio che vincendo il recupero con l’Udinese si è portata a meno 3 dai “Diavoli”.

Così occorre tenere il passo e cercare di conquistare i tre punti (il pareggio rischia di servire a poco) nel campo di una squadra che non vince da cinque gare, e non è detto sia un vantaggio per gli uomini di Gattuso.

Senza il solo lungodegente Bonaventura, almeno il tecnico ha la formazione praticamente al gran completo, recuperando anche Gigio Donnarumma che ritorna dunque tra i pali, così come Romagnoli difensore centrale insieme con Musacchio. A completare la difesa nel 4-3-3 milanista ci saranno Calabria e Ricardo Rodriguez come laterali, in mediana Kessie, Bakayoko e Calhanoglu, mentre al fianco di Patrick Cutrone nel tridente, Castillejo dovrebbe essere sicuro mentre Borini è favorito su Paquetà.

Probabilità* di scommesse interessanti per Parma – Milan con Bet365

Vittoria Parma 5,00
Pareggio: 3,60
Vittoria Milan: 1,75

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio

Under 0,5: 8,50
Over 5,5: 17,00
Over 3,5 Primo Tempo: 26,00
Asian Handicap -0,5, -1  1: 6,80
Asian Handicap +2, +2,5  2: 5,90
Asian Handicap +2,5  2: 6,40
Primo Tempo/Finale 1/2: 23,00
Primo Tempo/Finale 2/1: 41,00
Previsione scommesse Parma – Milan con Bet365Vittoria Milan. La vittoria è l’unico risultato che il Milan ha a disposizione per tenersi il quarto posto in classifica, con una concorrenza affollata e con un’Inter che si sta inesorabilmente staccando, cementando la terza piazza. Gli uomini di Gattuso devono guardarsi dalle romane e dall’Atalanta, ma anche dal Torino.

Qui il confronto con un altro bookie:

Quote* scommesse per Parma – Milan con William Hill

Vittoria Parma: 5,25
Pareggio: 3,60
Vittoria Milan: 1,73

(Quote del 18.04.2019 alle 19.10)

football line

Pronostico Milan – Lazio Quote scommesse Serie A

Milan – Lazio Quote scommesse Serie A*
Milan 2,60/ pareggio 3,30/ Lazio 2,75
Data: 13 aprile 2019 – 20:30 ora italiana
Bookie: Bet365

Scommesse sportive Milan – Lazio

Uno scontro diretto tra due contendenti per il quarto posto, ultimo che consente l’accesso alla Champions League, chiude il sabato calcistico della trentaduesima giornata del campionato di calcio di Serie A 2018-2019, la tredicesima di ritorno. Alle 20.30 del 13 aprile 2019 si gioca Milan – Lazio allo stadio “Giuseppe Meazza”, l’incontro di cui vi proponiamo quote e pronostico.

I precedenti di Milan – Lazio

I precedenti stagionali sono due, entrambi all’ “Olimpico” e finiti in parità: la gara di andata di campionato, disputata il 25 settembre 2018 si era conclusa sull’ 1 a 1, autorete di Wallace e pareggio di Correa. Per quanto riguarda il campionato, c’è da dire che da trent’anni il Milan non perde in casa, e ha vinto le ultime quattro. Complessivamente, considerando il periodo dal 1989 a oggi, i successi interni sono 17 e i pareggi 11. A San Siro i precedenti sono comunque 75 e il “Diavolo” ne ha fatti propri 43, perdendone solo 9 e pareggiandone 23.

I precedenti totali in Serie A sono 151 e il Milan è sempre davanti in modo netto con 64 vittorie contro le 29 della Lazio. La sfida si è conclusa in parità 58 volte.

La situazione del Milan prima della partita con la Lazio

L’ultima tegola è arrivata dall’ Uefa con il nuovo deferimento per il mancato raggiungimento del pareggio di bilancio richiesto per gli esercizi dal 2016 al 2018. Tanto che Paolo Maldini ha alzato la voce, sperando che si arrivi a una soluzione condivisa. In ogni caso la società rossonera sta cercando di minimizzare questa novità, certa che si arriverà ad una soluzione. Una speranza ovvia, dal momento che il rischio concreto sarebbe quello dell’esclusione dalle coppe europee, proprio mentre sul campo è questa la battaglia che Gattuso e i suoi stanno combattendo.

A proposito di “Ringhio”: Maldini ha voluto confermargli la fiducia propria e della società. Già: troppe voci, troppi sussurri intorno alla posizione di un tecnico al quale andrebbe quantomeno espressa gratitudine per aver dimostrato di avere lo spogliatoio pienamente in mano e per essere riuscito a barcamenarsi in stagioni non facilissime per vari motivi. È un fatto che Gattuso preferisca non parlare del futuro ma del presente immediato, ossia di quel quarto posto che in questo momento la squadra ha ma deve anche cercare di mantenere, con troppe squadre che incalzano, a cominciare dall’Atalanta che adesso è a pari punti dei “Rossoneri”.

Questa partita, questo confronto con la Lazio può essere determinante, almeno per chi vincerà la gara: tre posizioni e altrettanti punti in classifica separano le due squadre, con un fattore campo che spesso si è dimostrato importante nella conquista del match.

Consideriamo inoltre che non è un periodo particolarmente positivo per il Milan, che ha conquistato solo un punto nelle ultime quattro gare, il pareggio con l’Udinese, e l’ultima vittoria risale al 9 marzo, a Verona 2 a 1 con il Chievo. La squadra di Gattuso arriva dalla sconfitta (con polemiche arbitrali) con la Juventus, risultato di 2 a 1. Va detto comunque che sono i dirigenti, segnatamente Leonardo, a polemizzare sulle decisioni dei direttori di gara, un compito che il tecnico lascia loro volentieri anche perché preferisce concentrarsi sulle pecche nella prestazione dei suoi, senza trovare alibi.

Ancora indisponibili Donnarumma e Paquetà. Tra i pali ci sarà dunque Pepe Reina, alle spalle del consueto 4-3-3 con Musacchio (o più probabilmente Caldara) e Romagnoli difensori centrali, terzini Calabria e Rodriguez, in mediana Kessié, Bakayoko e Calhanoglu, mentre davanti ci sarà Borini con Suso ad affiancare Piatek punta centrale. Un’alternativa anche di modulo potrebbe essere puntare sui due attaccanti Piatek e Cutrone, con Suso a supporto.

 

La situazione della Lazio prima della partita con il Milan

Pur avendo ancora una partita da recuperare con l’Udinese, e in teoria potere agganciare il Milan, anche la Lazio non viene da un periodo particolarmente positivo. Un punto nelle ultime due gare; prima la sconfitta di Ferrara, quindi il 2 a 2 con il Sassuolo. Il quarto posto è comunque ancora nelle corde della formazione allenata da Simone Inzaghi.

Squalificato Badelj, in cabina di regia tornerà Lucas Leiva, così come rientreranno in formazione Milinkovic-Savic e Correa. Consueto 3-5-2, Strakosha il portiere, difesa con Luiz Felipe, Acerbi e Radu, esterni Romulo (in ballottaggio con Marusic) e Lulic, in mediana con Leiva ci safranno Milinkovic-Savic e Luis Alberto, Correa e naturalmente Immobile in attacco.

 

Probabilità* di scommesse interessanti per Milan – Lazio con Bet365

Vittoria Milan: 2,60
Pareggio: 3,30
Vittoria Lazio: 2,75

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio

Under 0,5: 9,50
Over 5,5: 15,00
Over 3,5 Primo Tempo: 23,00
Asian Handicap -1,5, -2  1: 7,00
Asian Handicap +1,5  2: 5,75
Primo Tempo/Finale 1/2, 2/1: 29,00
Previsione scommesse Milan – Lazio con Bet365Vittoria Milan. Margini molto risicati, sarebbe la classica partita da doppia, se non da tripla. In effetti è una verifica per le potenzialità di entrambe le formazioni, che talvolta falliscono al momento in cui bisognerebbe arrivare al dunque. Leggera preferenza per il fattore campo, sulla scorta dei precedenti più recenti di campionato a San Siro.

Qui il confronto con un altro bookie:

Quote* scommesse per Milan – Lazio con Unibet

Vittoria Milan: 2,50
Pareggio: 3,40
Vittoria Lazio: 2,80

(Quote del 11.04.2019 alle 18.15)

football line
i-bookmakers.it valuta e confronta con costante aggiornamento tutti gli importanti bookmakers autorizzati in Italia.   18+   AAMS
Bookmakers | Bookmaker online | Scommesse sportive | Scommesse calcistiche | Scommesse live | Siti di scommesse | Scommesse Online | Bookmaker
Vi raccomandiamo di scommettere con responsabilità.