i-bookmakers.it
Logo di i-bookmakers .it
Notizie di Scommesse

Milan

In questa pagina trovate articoli riguardanti Milan.
football line

Pronostico Juventus – Milan Quote scommesse Serie A

Juventus – Milan Quote scommesse Serie A*
Juventus 1,44/ pareggio 4,20/ Milan 8,50
Data: 10 novembre 2019 – 20.45 ora italiana
Bookie: Unibet.it

Scommesse sportive Juventus – Milan

Il posticipo conclusivo della dodicesima giornata del campionato di Serie A 2019-2020 è il big match tra Juventus e Milan, all’ “Allianz Stadium” di Torino alle 20.45 di domenica 10 novembre 2019. La prima in classifica, considerando peraltro un possibile temporaneo sorpasso dell’ Inter in vetta, contro una squadra che stenta a ritrovarsi e rischia di gettare all’aria un’intera stagione, anche se Stefano Pioli sta cercando di rimetterla in carreggiata.

I precedenti di Juventus – Milan

Sono 180 i precedenti in Serie A, l’ultimo proprio allo “Stadium” il 6 aprile scorso, con la Juventus impostasi per 2 a 1. 70 i successi bianconeri di cui 45 casalinghi, 51 quelli rossoneri, che a Torino hanno brindato 22 volte. 22 anche i pareggi a Torino sui complessivi 58.

La situazione della Juventus prima dell’incontro con il Milan

Duello a distanza con l’Inter, solo un punto separa le due formazioni con la Juventus davanti. Spesso le prodezze dei big risolvono le partite: è stato anche nella trasferta di Mosca in Champions League con la Lokomotiv, dove Douglas Costa appena rientrato ha consegnato con il 2 a 1 la qualificazione anticipata alla fase successiva. Il derby in casa del Torino è stato vinto per 1 a 0, grazie a una rete di de Ligt su suggerimento di Higuain, ma c’è stata polemica per un fallo di mano dello stesso difensore juventino non sanzionato dall’arbitro. Sarri dovrebbe nuovamente affidare a Bernardeschi il ruolo di trequartista in un 4-3-1-2 che a fianco di Cristiano Ronaldo dovrebbe schierare Paulo Dybala.

La situazione del Milan prima dell’incontro con la Juventus

Una rondine non fa primavera, e così è stato anche per l’ 1 a 0 sulla Spal, cui poi è seguita la sconfitta casalinga ad opera della Lazio per 2 a 1. Difficile in questa situazione, con un Milan all’undicesimo posto, a pari punti con l’Udinese, cioè 13, riuscire a ridare serenità alla squadra e all’ambiente. Pioli ci prova, cerca di modificare le sue scelte anche perché ci sono diversi indisponibili tra cui Biglia, Suso, Rodriguez, Musacchio e Castillejo. In difesa ancora fiducia a Duarte, mentre Calabria continua a presidiare la fascia destra, Bennacer necessariamente confermato in regia, con Paquetà e Krunic nel ruolo di mezzeali, mentre Rebic dovregge agire da trequartista dietro Piatek e Calhanoglu.

Previsione scommesse Juventus – Milan con Unibet.it: Vittoria Juventus. Salvo sorprese, la squadra di casa è decisamente favorita in questa situazione.

Qui il confronto con altri bookie:

Il confronto con altre quote * scommesse per Juventus – Milan

Quote SNAI.it

Vittoria Juventus: 1,45
Pareggio: 4,50
Vittoria Milan: 7,25

Quote Betfair.it

Vittoria Juventus: 1,40
Pareggio: 4,50
Vittoria Milan: 7,00

*(Quote del 07.11.2019 alle 15.00)

football line

Pronostico Milan – Spal Quote scommesse Serie A

Milan – Spal Quote scommesse Serie A*
Milan 1,50/ pareggio 4,25/ Spal 6,75
Data: 31 ottobre 2019 – 21.00 ora italiana
Bookie: Bwin.it

Scommesse sportive Milan – Spal

È una partita importante, paradossalmente di mediobassa classifica, con soli tre punti di differenza tra le due squadre, una in teoria costruita per un campionato diverso ma con varie limitazioni, l’altra invece parzialmente smantellata rispetto allo scorso anno, per quanto comunque destinata ad un torneo nel quale puntare alla salvezza. Milan – Spal diventa un crocevia importante soprattutto per i padroni di casa, con il nuovo tecnico Stefano Pioli già chiamato a cambiare qualche cosa di una squadra che dopo il cambio di allenatore non ha modificato di molto risultati e prestazioni. Chiaro che il problema non poteva stare solo in panchina, per quanto due metodi di lavoro completamente diversi possano disorientare anche i giocatori più navigati, figuriamoci i giovani oppure chi è stato appena acquistato e magari si trova fuori squadra senza capirci molto. Comunque, la partita è il posticipo di giovedì 31 ottobre 2019 nella decima giornata del campionato di calcio di Serie A 2019-2020, che si gioca in turno infrasettimanale. Il fischio d’inizio sarà dato alle 21.00 da Marco Piccinini di Forlì, mentre al VAR ci sarà Daniele Chiffi di Padova.

I precedenti di Milan – Spal

Quattro partite e quattro vittorie milaniste da quando la Spal è tornata in Serie A dopo mezzo secolo: sia al “Meazza” che al “Mazza” il destino non è cambiato, e nel precedente campionato l’andata a San Siro terminò 2 a 1 per la squadra di casa, con replica al ritorno in terra ferrarese anche se per 3 a 2. Alla guida del Milan c’era “Ringhio” Gattuso, che a quanto pare qualcuno rimpiange dopo averlo aspramente criticato, mentre la Spal di Leonardo Semplici annoverava al suo interno un gruppo ben collaudato e capace di dare del filo da torcere anche alle grandi.

In realtà, in assoluto i precedenti non sono moltissimi: 36, dei quali 18 giocati a Milano. E naturalmente sono i “Diavoli” a fare la parte del leone con 23 vittorie (16 in casa) contro una sola, peraltro proprio a San Siro nel lontano 9 giugno 1957: fu un successo di misura, per 1 a 0. E rimane l’unico, se non vogliamo considerare quello del 3 maggio 1925, cioè prima del girone unico, quando a Ferrara gli spallini vinsero 3 a 1. Il passato ci racconta anche di due partite giocate in Serie B, nel campionato 1980-81, quando entrambe le squadre si imposero in trasferta con il medesimo risultato, ossia 2 a 1. Certamente sono dati che servono soprattutto agli appassionati di statistiche, ma spulciarli fa venire molti rimpianti agli appassionati di un certo tipo di calcio.

La situazione del Milan prima dell’incontro con la Spal

Rimpianti che ha soprattutto un Milan che in questo momento appare in crisi: di risultati, di identità, probabilmente anche d’altro, come sempre avviene quando ci si aspetta un campionato e invece una squadra blasonata finisce nella parte destra della classifica. Le attenuanti, comprese le sanzioni UEFA, ad un certo punto contano poco. Stefano Pioli deve intervenire, deve prendere in mano la squadra in modo deciso, ora deve provare a cambiare, anche se qualcuno si è divertito a contare i minutaggi dei singoli giocatori, e non può essere un caso che ci siano alcuni che devono ancora calcare il terreno di gioco o quasi.

La sconfitta all’Olimpico da parte della Roma per 2 a 1 è di quelle che fanno male, che rischiano di far subentrare nervosismo e frustrazione, così come quei dieci punti finora conquistati in classifica, quindici in meno dell’ Inter, una distanza abissale mentre come dicevamo sono solo tre quelli che separano la squadra rossonera dalla Spal e quindi dalla zona retrocessione, sia pure con cinque posizioni di distacco.

E allora, si cambia: probabilmente ne farà le spese Paquetà, e qui ci sono due scuole di pensiero: una che vorrebbe il ritorno di Jack Bonaventura da titolare, e il giocatore ha una gran voglia di aiutare la propria squadra, l’altra invece punta su Krunic, acquisto finora preso decisamente poco in considerazione. Altri giocatori rischiano il posto, come Biglia cui dovrebbe essere preferito Bennacer, e sulla corsia destra Duarte potrebbe essere preferito a Calabria. Temiamo presente che sono fuori causa sia Ricardo Rodriguez che Caldara. In attacco dovrebbe toccare a Piatek, anche se Pioli potrebbe anche farlo giocare con Leao, cambiando il modulo, e quindi uno tra Suso e Calhanoglu rimarrebbe fuori.

Con il 4-3-3 dunque, davanti al portiere Donnarumma, uno dei pochi intoccabili – sempre che poi non lo “tocchi” il mercato – i difensori centrali dovrebbero essere sempre Musacchio e ovviamente il capitano Romagnoli, sulle corsie laterali Duarte e Hernandez, in mediana Bennacer dovrebbe prendersi la cabina di regia, affiancato da Kessié e forse da Krunic o Bonaventura, sempre che Paquetà non la spunti ancora, davanti come detto Suso, Piatek e Calhanoglu. A meno che non si passi alle due punte. Dubbi che Pioli scioglierà prima della gara.

La situazione della Spal prima dell’incontro con il Milan

La Spal ha fatto benissimo nella gara precedente, costringendo al pareggio il Napoli al “Mazza” (1 a 1), ma finora in trasferta ha sempre perso, e questo ovviamente preoccupa di fronte a una partita nella quale gli avversari potrebbero presentarsi con uomini e modulo un po’ diversi.

Semplici attuerà un po’ di turnover con qualche cambio rispetto alla formazione anti-Napoli, tenendo presente che Igor, non ancora a posto, riposerà e lascerà il posto a Cionek, nella difesa a tre con Vicari e Tomovic davanti al portiere Berisha. Il modulo spallino è sempre il 3-5-2, gli esterni saranno ancora Strefezza e Reca, mentre in mediana Missiroli sarà avvicendato da Valdifiori, che però giocherà regista, con lo spostamento di Murgia a mezzala sinistra, mentre a destra ci sarà sempre Kurtic. Un cambio anche in attacco, dove sarà fatto riposare Petagna, almeno all’inizio, e con Paloschi ci sarà Floccari.

Probabilità * di scommesse interessanti per Milan – Spal con Bwin.it

Vittoria Milan: 1,50
Pareggio: 4,25
Vittoria Spal: 6,75

 

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 1,5: 3,40
Under 2,5: 1,90
Under 3,5: 1,34
Over 1,5: 1,28
Over 2,5: 1,83
Over 3,5: 3,00
Gol/Non Gol: Sì  2,00     No  1,72
Handicap 2: 1  1,01    X   10,50  2  31,00
Handicap 1: 1  1,10   X    7,50    2  14,50
Handicap -1: 1  2,35    X  3,40    2  2,55
Handicap -2: 1  4,33    X  4,40   2   1,53
Primo Tempo/Finale 1/2: 67,00
Primo Tempo/Finale 2/1: 23,00

 

Previsione scommesse Milan – Spal con Bwin.it: Vittoria Milan. La squadra rossonera non può più permettersi di sbagliare. È nella parte destra della classifica, e peggiorare ancora significherebbe davvero rischiare. D’altra parte, la Spal in trasferta non sembra irresistibile, per quanto talvolta siano anche le prestazioni degli avversari ad aiutare le imprese delle squadre di bassa classifica, che ovviamente comunque giocano con tutte la cosiddetta “partita della vita”. Non è ancora uno scontro diretto, insomma, ma sta al Milan che non lo diventi. E i bookmakers danno fiducia alla squadra di Stefano Pioli.

Qui il confronto con altri bookie:

Il confronto con altre quote * scommesse per Milan – Spal

Quote Betfair.it

Vittoria Milan: 1,44
Pareggio: 4,25
Vittoria Spal: 7,00

Quote 888Sport.it

Vittoria Milan: 1,48
Pareggio: 4,30
Vittoria Spal: 7,50

*(Quote del 30.10.2019 alle 18.40)

football line

Pronostico Roma – Milan Quote scommesse Serie A

Roma – Milan Quote scommesse Serie A*
Roma 2,20/ pareggio 3,55/ Milan 3,30
Data: 27 ottobre 2019 – 18.00 ora italiana
Bookie: Unibet.it

Scommesse sportive Roma – Milan

Due squadre che per diversi motivi non rendono quanto ci si poteva attendere, ora si incrociano entrambe alla ricerca di una vittoria che serve a entrambe: Roma – Milan si gioca alle 18.00 di domenica 27 ottobre 2019 allo Stadio Olimpico, penultima gara in programma per la nona giornata del campionato di calcio di Serie A 2019-2020. Arbitro è Daniele Orsato di Schio, mentre per il VAR è stato designato Massimiliano Irrati di Pistoia.

I precedenti di Roma – Milan

L’ultimo incrocio, nel passato campionato, fu proprio all’Olimpico, nel febbraio scorso, e finì 1 a 1 mentre all’andata, il 31 agosto 2018, il Milan allora di Rino Gattuso si era imposto 2 a 1 sulla Roma di Eusebio Di Francesco. Le squadre si sono incontrate in Serie A 168 volte, la metà delle quali ovviamente a Roma. Il Milan domina con 74 successi, 28 dei quali nella Capitale, quindi più delle 25 vittorie casalinghe dei “Giallorossi”, che in tutto hanno fatto proprio il confronto 44 volte. I pareggi sono 50, 31 dei quali ottenuti a Roma. La squadra capitolina non vince in casa dal 12 dicembre 2016, mentre ha conquistato i tre punti nei due confronti successivi, disputati a Milano.

La situazione della Roma prima dell’incontro con il Milan

La Roma arriva dal pareggio in Europa League per 1 a 1 con il Borussia Moenchengladbach, anche se da parte capitolina ci sono polemiche su alcune decisioni arbitrali. La squadra continua in ogni caso la propria emergenza infortuni, che costringe Paulo Fonseca a schierare formazioni quasi obbligate. Sono ancora fuori Under e Mkhitaryan, mentre sulla trequarti Perotti potrebbe tornare titolare. Il modulo è sempre il 4-2-3-1, con in porta Pau Lopez. Difensori centrali Smalling e Fazio, laterali Spinazzola e Kolarov, in mediana Veretout e Mancini, sulla trequarti, alle spalle di Dzeko, agiranno Florenzi, Perotti e Zaniolo.

La situazione del Milan prima dell’incontro con la Roma

Stefano Pioli non cambia, si fida della sua squadra e difende a spada tratta Suso, molto criticato in questo periodo, dopo il pareggio per 2 a 2 con il Lecce, anche se il tecnico milanista richiama i suoi, facendo notare che la squadra deve in fretta riguadagnare posizioni. Il modulo è il 4-3-3, Gigio Donnarumma tra i pali, Andrea Conti potrebbe essere confermato a destra nonostante il rientro di Calabria dopo la squalifica. Hernandez a sinistra, difensori centrali Musacchio e Romagnoli. In mediana Lucas Biglia è confermato in cabina di regia, con Kessié e Paquetà mezzeali, Leao dovrebbe essere preferito a Piatek in attacco, con Suso e Calhanoglu sugli esterni.

Probabilità * di scommesse interessanti per Roma – Milan con Unibet.it

Vittoria Roma: 2,20
Pareggio: 3,55
Vittoria Milan: 3,30

 

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 1,5: 4,25
Under 2,5: 2,12
Under 3,5: 1,43
Over 1,5: 1,22
Over 2,5: 1,72
Over 3,5: 2,80
Gol/Non Gol: Sì  1,56     No  2,35
Handicap 2: 1  1,08    X   9,50   2  17,00
Handicap 1: 1  1,30    X   5,10    2   7,00
Handicap -1: 1  4,10    X   4,00    2  1,64
Handicap -2: 1  9,00    X   6,50   2   1,19
Primo Tempo/Finale 1/2: 29,00
Primo Tempo/Finale 2/1: 23,00

 

Previsione scommesse Roma – Milan con Unibet.it: Vittoria Roma. Il pronostico rispetta il fattore campo, e la situazione di classifica, con una Roma che, tra mille problemi, è comunque al sesto posto dopo due pareggi consecutivi. Sarà difficile per il Milan riuscire a strappare i tre punti dall’Olimpico, ma con una prestazione importante potrebbe anche centrare il successo esterno. Ricordiamo che ci sono solo tre punti di differenza in classifica, in favore dei capitolini.

Qui il confronto con altri bookie:

Il confronto con altre quote * scommesse per Roma – Milan

Quote Bwin.it

Vittoria Roma: 2,15
Pareggio: 3,50
Vittoria Milan: 3,30

Quote Betfair.it

Vittoria Roma: 2,15
Pareggio: 3,50
Vittoria Milan: 3,30

*(Quote del 26.10.2019 alle 23.30)

football line

Pronostico Genoa – Milan Quote scommesse Serie A

Genoa – Milan Quote scommesse Serie A*
Genoa 3,05/ pareggio 3,30/ Milan 2,45
Data: 5 ottobre 2019 – 20.45 ora italiana
Bookie: Unibet.it

Scommesse sportive Genoa – Milan

Due allenatori in bilico, uno messo sulla graticola dal suo presidente – che però a quanto pare non è riuscito a convincere il tanto desiderato Gattuso – l’altro invece dalla piazza milanista. Non sappiamo se sia Andreazzoli che Giampaolo si giochino la panchina con questa gara, ma certo il suo esito sarà importante per entrambi. Terzo anticipo della settima giornata del campionato di Serie A 2019-2020, alle 20.45, che propone Genoa – Milan allo stadio “Luigi Ferraris”. Un confronto arbitrato da Maurizio Mariani di Aprilia, con Paolo Mazzoleni di Bergamo al VAR, e che il Genoa non vince – in casa e in assoluto – dal 2016.

I precedenti di Genoa – Milan

Era il 25 ottobre di quell’anno, quando i “Rossoblu” rifilarono un 3 a 0 agli avversari. Nei cinque match successivi, due dei quali casalinghi, ha sempre vinto il Milan, tranne il 22 ottobre 2017 dove a San Siro finì senza reti. L’ultima volta le due squadre si sono affrontate a Marassi il 21 gennaio scorso, e i “Rossoneri” si imposero per 2 a 0.

I confronti diretti in Serie A sono stati 102, dominati dal Milan con 50 vittorie contro le 19 genoane. 33 i pareggi. Anche in Liguria il Milan ha vinto di più: 18 successi contro 14, nei 51 incontri ospitati dal Genoa. Diciannove volte la partita è terminata in parità.

La situazione del Genoa prima dell’incontro con il Milan

Lo 0-4 subito all’Olimpico con la Lazio ha ulteriormente minato la posizione di Andreazzoli, con un Genoa che ha fatto un solo punto nelle ultime quattro gare, nella partita interna con il Bologna. L’allenatore cerca di andare avanti, anche se in un clima oggettivamente difficile. Il tecnico torna al passato schierando il 3-5-2 visto nelle prime partite. Pajac prenderà il posto di Barreca che è infortunato. Radu tra i pali, difesa con Romero, Zapata e Criscito, sugli esterni Ghiglione e Pajac, in regia Radovanovic, mezzeali Schone e Lerager, Davanti Kouamé e Pinamonti.

La situazione del Milan prima dell’incontro con il Genoa

Si sono dette tantissime cose di questo Milan, che viene da tre sconfitte consecutive, che fanno tutte male, anche perché l’ultima, il 3-1 della Fiorentina di Montella a San Siro, oltre che arrivare da un ex che aveva diversi sassolini, ha cancellato le cose buone che si erano viste nel primo tempo di Torino, nella gara persa con i “Granata”.

La società difende l’allenatore Marco Giampaolo, ma il tempo stringe, sempre ammesso che ci sia tempo nella Milano calcistica. D’altra parte, se si è scelto un tecnico che ha una precisa idea di calcio, è difficile pensare che la possa rinnegare. Fermo restando che al momento la dirigenza non pare convinta su quelle che potrebbero essere le possibili alternative. E allora, avanti con Giampaolo, ma sperando vivamente in un’inversione di tendenza che non sia solo momentanea, ma palese e definitiva.

Il tecnico dal canto suo dice che i giocatori gli testimoniano di gradire le sue idee calcistiche. È chiaro però che qui si aspettano soprattutto i risultati, e i punti in classifica, e che l’avvio “diesel” delle squadre di Giampaolo fa storcere la bocca a molti, che non sono particolarmente contenti di vedere la squadra a 6 punti, ossia gli stessi di Sassuolo, Verona, Brescia e Lecce.

Con Musacchio squalificato e sostituito da Duarte ad affiancare Romagnoli al centro della difesa, il Milan dovrebbe schierare un 4-3-1-2 davanti al portiere Donnarumma, con Calabria e Hernandez (più di Rodriguez) sulle fasce laterali, in cabina di regia torna Biglia, affiancato sicuramente da Kessié e probabilmente da Paquetà preferito a Calhanoglu. Suso ancora trequartista alle spalle del confermatissimo Leao e di un Piatek al quale il tecnico non vuole proprio rinunciare, anche se da troppo tempo non segna su azione.

Probabilità * di scommesse interessanti per Genoa – Milan con Unibet.it

Vittoria Genoa: 3,05
Pareggio: 3,30
Vittoria Milan: 2,45

 

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 1,5: 3,50
Under 2,5: 2,02
Under 3,5: 1,29
Over 1,5: 1,30
Over 2,5: 1,81
Over 3,5: 3,65
Gol/Non Gol: Sì  1,74    No  2,04
Handicap 1: 1   1,52   X  4,10    2  5,00
Handicap -1: 1  6,50   X  4,75   2  1,35
Handicap -2: 1  17,00   X  9,00   2  1,09
Primo Tempo/Finale 1/2: 26,00
Primo Tempo/Finale 2/1: 30,00

 

Previsione scommesse Genoa – Milan con Unibet.it: Vittoria Milan. Leggera preferenza per la squadra ospite, ma è una di quelle gare in cui può succedere di tutto. Partite nelle quali occorre arrivare se possibile a fare anche oltre quello che normalmente si è in grado di fare. Non sono evidentemente in gioco solo le posizioni dei tecnici, ma anche l’importanza di sollevarsi da una zona molto difficile, quella bassa della classifica. Il Milan non ci è abituato e probabilmente soffre ancora di più, ma certo anche il Genoa non pensava di trovarsi a due punti dalle ultime dopo sei gare disputate.

Qui il confronto con altri bookie:

Il confronto con altre quote * scommesse per Genoa – Milan

Quote SNAI.it

Vittoria Genoa: 2,95
Pareggio: 3,20
Vittoria Milan: 2,50

Quote Bwin.it

Vittoria Genoa: 2,90
Pareggio: 3,30
Vittoria Milan: 2,50

*(Quote del 5.10.2019 alle 07.30)

football line

Pronostico Milan – Fiorentina Quote scommesse Serie A

Milan – Fiorentina Quote scommesse Serie A*
Milan 2,15/ pareggio 3,35/ Fiorentina 3,20
Data: 29 settembre 2019 – 20.45 ora italiana
Bookie: SNAI.it

Scommesse sportive Milan – Fiorentina

La domenica calcistica della sesta giornata del campionato di Serie A 2019-2020, non però tutto il turno, si chiude con Milan -Fiorentina, match molto atteso in programma alle 20.45 di domenica 29 settembre 2019 allo stadio “Giuseppe Meazza” di Milano. Da una parte, una squadra in piena crisi, ancora con le scorie di un derby casalingo letteralmente dominato dall’Inter su tutti i piani e tutti i fronti, nonostante contro il Torino si sia visto qualche barlume di ripresa, dall’altra un gruppo guidato da un ex – Montella – ancora a caccia di punti dopo la vittoria interna con la Sampdoria. La partita sarà diretta da Piero Giacomelli di Trieste, al VAR Fabio Maresca di Napoli.

I precedenti di Milan – Fiorentina

L’ultima volta a San Siro, il 22 dicembre 2018, la “Viola” espugnò il campo avversario, vincendo 1 a 0, ma al ritorno la squadra allora di Gattuso rese la pariglia ad una Fiorentina societariamente diversa da quella di oggi, guidata dai contestati Della Valle e da Pantaleo Corvino. In panchina c’era già Montella, subentrato al dimissionario Pioli, e sconfitto da chi lo aveva succeduto sulla panchina milanista.

Questo per le partite più recenti, ovviamente. Uno sguardo d’insieme ai 158 confronti diretti complessivi in A tra le due squadre ci dà una indubbia supremazia milanista, con 72 vittorie contro le 43 dei “Viola”, così come 43 sono i pareggi. In casa il Milan si è imposto 47 volte, in trasferta la Fiorentina solo 12, mentre per 20 volte la partita si è conclusa con un pareggio.

La situazione del Milan prima dell’incontro con la Fiorentina

Prima l’Inter, poi il Torino: questo Milan non trova pace, continua a prendere pugni come un pugile suonato, anche quando i segnali di ripresa, sia pure a intermittenza, si vedono come contro i “Granata”. Eppure i presupposti non dovevano essere questi, e Marco Giampaolo, per ora difeso dalla società che prova a dargli tempo, viene messo sulla graticola da un ambiente impaziente, che gli imputa anche il fatto di considerare poco i nuovi acquisti. Per quanto, c’è da dire che un Milan che deve fare i conti con le limitazioni UEFA, non può certo comprare Messi o CR7. Però, magari, una valorizzazione dei giocatori nuovi l’avrebbe preferita. Ma Giampaolo ha le sue idee, ed era stato preso proprio per quello. Poi, ovviamente, un conto è avere Quagliarella che te la mette sempre dentro (almeno questo avveniva con la sua Samp), un conto è un Piatek con le polveri bagnate, che quando pare si sblocchi torna al punto di partenza. Il polacco è comunque intoccabile nell’idea di squadra che ha il tecnico, così come Romagnoli, Kessié e Suso, in questo momento probabilmente la scelta più discussa. Ma Giampaolo non è tipo da rinunciare al proprio modulo o alle proprie scelte di fronte a qualche avversità. E così, contro la Fiorentina, si va verso la conferma della formazione anti-Torino, ripartendo dalla prestazione, che almeno nel primo tempo, c’era stata. Solo che i segnali di ripresa devono essere costanti. E anche ai baluardi, come Donnarumma, può capitare la giornata storta. Gigio è quindi confermato tra i pali alle spalle del 4-3-1-2 con una difesa composta da Calabria, Musacchio, Romagnoli e uno tra Hernandez e Rodriguez, in cabina di regia consueto ballottaggio tra Bennacer e Biglia, mezzeali Kessié e Calhanoglu, mentre davanti a Suso trequartista, al fianco di Piatek, Leao pare favorito su Rebic.

La situazione della Fiorentina prima dell’incontro con il Milan

Tornare a vincere, e tornare a farlo soprattutto al “Franchi”, è stato importante per la Fiorentina che contro la Sampdoria in crisi ha colto i suoi primi tre punti, dopo avere ben figurato con Atalanta e Juventus. Rocco Commisso, il patron, comincia ad essere più soddisfatto, anche se è evidente che le ambizioni sono ancora più alte. Però bisogna fare i conti con le avversarie, specialmente se queste hanno grande voglia di riscatto.

Vincenzo Montella, che visse al Milan un ultimo anno travagliato, perennemente in discussione prima di essere sostituito da Gattuso, qualche voglia di riscatto ce l’ha per forza, ma soprattutto deve dimostrare che questa Fiorentina, sotto la sua guida, può fare bene e soprattutto fare punti. Torniamo al discorso di partenza: puoi giocare benissimo, ma alla fine devi vincere e in classifica contano i punti. L’albo d’oro ricorda solo i vincitori, e magari ne apprezza il bel gioco, ma appunto solo se la squadra era vincente. E questo è l’obiettivo di una Fiorentina che sembra aver ritrovato Chiesa, e questo è sicuramente un punto da cui ripartire. Così, quasi certamente, confermerà l’undici visto nel turno infrasettimanale con la Samp, e Chiesa si ritroverà Ribery come compagno di attacco.

3-5-2 con Dragowski tra i pali, difesa con Caceres, Pezzella e Milenkovic, esterni Dalbert e Lirola, solo in cabina di regia ci potrebbe essere un avvicendamento tra Badelj (sostituito da Benassi utilizzato come mezzala) e Pulgar spostato dunque al centro, con Castrovilli a completare il reparto dei centrocampisti. Davanti, come detto, spazio a Ribery e Chiesa.

Probabilità * di scommesse interessanti per Milan – Fiorentina con SNAI.it

Vittoria Milan: 2,35
Pareggio: 3,15
Vittoria Fiorentina: 3,20

 

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 1,5: 3,10
Under 2,5: 1,70
Under 3,5: 1,21
Over 1,5: 1,30
Over 2,5: 2,05
Over 3,5: 3,50
Gol/Non Gol: Sì  1,77     No  1,95
Handicap 1: 1   4,75  X  4,00    2  1,55
Handicap -1: 1  1,32   X  4,75   2  7,50
Handicap -2: 1  1,04   X  9,75   2  18,00
Primo Tempo/Finale 1/2: 40,00
Primo Tempo/Finale 2/1: 33,00

 

Previsione scommesse Milan – Fiorentina con SNAI.it: Vittoria Milan. Sarà combattuta, ma i “Rossoneri” in crisi non possono fallire, al di là delle rassicurazioni al tecnico Marco Giampaolo, che a onor del vero aveva detto da subito che gli sarebbe servito tempo. Ma il derby ha fatto precipitare gli eventi, e adesso i punti servono. Perché i campionati si vincono facendo punti e vincendo le partite. Di fronte, la voglia di Montella di farsi almeno un po’ rimpiangere dal pubblico milanista, che certo ricorda quando riuscì a far giocare dignitosamente una squadra quasi rabberciata. Ma poi abbracciò idealmente Gattuso, che aveva sangue milanista nel DNA. E ce l’ha ancora.

Qui il confronto con altri bookie:

Il confronto con altre quote * scommesse per Milan – Fiorentina

Quote Unibet.it

Vittoria Milan: 2,30
Pareggio: 3,10
Vittoria Fiorentina: 3,35

Quote Bwin.it

Vittoria Milan: 2,35
Pareggio: 3,20
Vittoria Fiorentina: 3,25

*(Quote del 29.09.2019 alle 08.30)

football line

Pronostico Torino – Milan Quote scommesse Serie A

Torino – Milan Quote scommesse Serie A*
Torino 2,50/ pareggio 3,15/ Milan 2,95
Data: 26 settembre 2019 – 21.00 ora italiana
Bookie: SNAI.it

Scommesse sportive Torino – Milan

Il primo turno infrasettimanale del campionato di calcio di Serie A 2019-2020, vale a dire la quinta giornata, si conclude con il confronto fra Torino e Milan, allo Stadio Olimpico “Grande Torino”, in programma alle 21.00 di giovedì 26 settembre 2019. Una partita molto attesa, perché le due squadre sono in un momento un po’ complicato, reduci da sconfitte che hanno messo in discussione i due allenatori, soprattutto quello rossonero che è già sulla graticola anche per una serie di scelte che non sono piaciute alla società. È evidente che soprattutto la piazza milanista sia molto esigente, soprattutto se consideriamo che l’Inter, che ha dominato il derby, sta puntando decisamente a disputare un campionato di vertice. Da notare che le due avversarie di giornata hanno gli stessi punti in classifica, frutto in entrambi i casi di due vittorie e altrettante sconfitte.

Arbitro di Torino – Milan è Marco Guida della sezione di Torre Annunziata, mentre al VAR ci sarà Daniele Orsato di Schio.

I precedenti di Torino – Milan

Cominciamo con il dire che il Milan non vince il confronto diretto in Serie A, da cinque gare in assoluto, e da sei a Torino. Numeri abbastanza importanti, soprattutto se consideriamo che l’ultima sfida, giocata il 28 aprile scorso, è stata appannaggio dei “Granata” con un 2 a 0 frutto di una gara piuttosto nervosa.

Sono finora 146 i confronti diretti tra le due squadre nella massima serie: il Milan è nettamente davanti con 59 vittorie contro le 32 toriniste, mentre i pareggi sono 55. Se consideriamo soltanto le 73 partite giocate nel capoluogo piemontese, come spesso avviene la situazione si inverte, e il Torino è davanti con 21 successi contro i 17 rossoneri, mentre per 35 volte la partita è terminata in parità.

Al di là della sfida tra le due squadre, c’è anche quella tra i due allenatori. Walter Mazzarri non ha mai perso contro Marco Giampaolo, nelle nove volte in cui i tecnici si sono incrociati. Le ultime due sono state nella passata stagione: Mazzarri guidava già la formazione granata mentre il suo avversario era ovviamente il trainer della Sampdoria. Ebbene, il Torino ha vinto entrambe le sfide con i “Blucerchiati”: a Marassi 4 a 1, a Torino 2 a 1.

La situazione del Torino prima dell’incontro con il Milan

Il caso vuole che il Torino abbia appena incontrato proprio la Sampdoria, allenata ora da Eusebio Di Francesco, e sia stato battuto per 1 a 0 al “Ferraris”. Due vittorie e poi due sconfitte tengono alto il campanello d’allarme di Mazzarri, che ha provato ad attaccarsi a qualche situazione arbitrale, ma il problema non è questo. Piuttosto, una delle ragioni potrebbe essere un calo di forma facilmente spiegabile con la preparazione anticipata rispetto alle altre squadre, allo scopo di disputare i preliminari di Europa League. Un po’ quello che avvenne lo scorso anno all’Atalanta, che poi si riprese in modo formidabile nella fase decisiva del campionato.

Il vero campanello d’allarme, comunque, non è stato tanto la sconfitta della Samp, che pure ha conquistato così i suoi primi tre punti della stagione, ma quella interna con il Lecce nel turno precedente. Adesso Mazzarri potrebbe rivedere le proprie gerarchie, e magari far partire nuovamente titolare Nkoulou in difesa, dopo le note vicende. Anche perché il tecnico aveva parlato di nuove gerarchie e di posto da riconquistare, ma è altrettanto vero che l’unico titolare fisso, nel reparto difensivo, è Izzo, non a caso confermato anche in questa occasione.

In attacco dovrebbero invece essere confermati Zaza e Belotti, con buona pace di Verdi che vorrebbe partire dall’inizio. Dovrebbe essere recuperato Ansaldi, mentre Lukic è possibile possa almeno andare in panchina. Nel 3-5-2 di Mazzarri, davanti a Sirigu, in difesa oltre a Izzo si possono ipotizzare Nkoulou e Bremer, esterni De Silvestri e Ansaldi, in mediana Baselli, Rincon e Meité, come detto Zaza (oppure Berenguer o Verdi) e Belotti davanti.

La situazione del Milan prima dell’incontro con il Torino

La sconfitta pesante, che ha messo in discussione tutto e soprattutto l’allenatore Marco Giampaolo e le sue scelte a scapito dei nuovi acquisti, è stata ovviamente quella per 2 a 0 nel derby con l’Inter. Una partita che il Milan ospitava, e che gli avversari hanno praticamente dominato. La società per ora difende il tecnico, ma sembra farlo in modo condizionato alle sue prossime scelte: vero che ci vuole tempo per assimilare moduli e gioco quando si cambia l’allenatore, altrettanto vero che piazze come quelle milanesi non possono dare troppo tempo, ma soprattutto pare non sia stato gradito dai vertici il fatto che l’allenatore abbia quasi ostinatamente lasciato da parte praticamente tutti i nuovi acquisti o quasi.

La Sampdoria era evidentemente un ambiente differente, dove l’allenatore aveva più margine di manovra e dove magari arrivava nel momento decisivo un Quagliarella a togliere le castagne dal fuoco. Quello che in teoria dovrebbe fare Piatek, che per ora si ritrova invece con le polveri bagnate. I tifosi, poi, fanno sempre presto a mettere tutto e tutti in discussione, tranne ovviamente Gigio Donnarumma che ha limitato i danni, e aspettano Jack Bonaventura che ha recuperato in pieno dopo il suo grave infortunio e ora spera di poter dare una mano alla squadra.

Un “problema”, se vogliamo, si risolve da solo: non ci sarà Paquetà, accusato dal suo allenatore di essere “troppo brasiliano”, critica che i tifosi rossoneri sembra ora ritorcano contro Giampaolo. Il giocatore ha un problema alla coscia sinistra che lo costringerà a saltare anche la gara successiva contro la Fiorentina dell’ex Montella. In cabina di regia si dovrebbe rivedere Bennacer, dopo le non troppo velate critiche societarie per avergli troppe volte preferito Biglia. Torna titolare Calabria, dopo la squalifica nel derby dopo l’espulsione di Verona, e restando in difesa dovrebbe partire dall’inizio Theo Hernandez. Suso dovrebbe essere confermato trequartista alle spalle di Leao e Piatek.

Il modulo dovrebbe quindi essere un 4-3-1-2 con Donnarumma ovviamente intoccabile tra i pali, Musacchio e Romagnoli al centro della difesa, sulle fasce Calabria e Hernandez, Bennacer in mediana con Kessié e Calhanoglu, Suso alle spalle di Leao e Piatek.

Probabilità * di scommesse interessanti per Torino – Milan con SNAI.it

Vittoria Torino: 2,50
Pareggio: 3,15
Vittoria Milan: 2,95

 

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 1,5: 3,15
Under 2,5: 1,70
Under 3,5: 1,21
Over 1,5: 1,30
Over 2,5: 2,05
Over 3,5: 3,50
Gol/Non Gol: Sì  1,77     No  1,95
Handicap 2: 1  12,00  X   7,50    2  1,11
Handicap 1: 1   5,25   X   4,00   2  1,50
Handicap -1: 1  1,35   X   4,50    2  6,50
Primo Tempo/Finale 1/2: 40,00
Primo Tempo/Finale 2/1: 35,00

 

Previsione scommesse Torino – Milan con SNAI.it: Vittoria Torino. Quote molto vicine per una partita che può offrire qualsiasi scenario, data anche la situazione delle due squadre, e in particolare del Milan. Chiaramente, il carattere torinista, il fattore campo, e se vogliamo le statistiche su Mazzarri e Giampaolo di cui parlavamo in precedenza, spostano anche se di poco la preferenza per un successo interno.

Qui il confronto con altri bookie:

Il confronto con altre quote * scommesse per Torino – Milan

Quote Unibet.it

Vittoria Torino: 2,50
Pareggio: 3,25
Vittoria Milan: 3,00

Quote Bwin.it

Vittoria Torino: 2,50
Pareggio: 3,25
Vittoria Milan: 2,95

*(Quote del 24.09.2019 alle 23.40)

football line
i-bookmakers.it valuta e confronta con costante aggiornamento tutti gli importanti bookmakers autorizzati in Italia.   18+   AAMS
Bookmakers | Bookmaker online | Scommesse sportive | Scommesse calcistiche | Scommesse live | Siti di scommesse | Scommesse Online | Bookmaker
Vi raccomandiamo di scommettere con responsabilità.