Logo di i-bookmakers .it
Notizie di Scommesse

Juventus

In questa pagina trovate articoli riguardanti Juventus.
football line

Pronostico Atletico Madrid – Juventus Quote scommesse Champions League

Atletico Madrid – Juventus Quote scommesse Champions League*
Atletico Madrid 2,42/ pareggio 3,10/ Juventus 3,45
Data: 18 settembre 2019 – 21.00 ora italiana
Bookie: Unibet.it

Scommesse sportive Atletico Madrid – Juventus

Inizia anche l’avventura della Juventus nella fase a gironi della Champions League 2019-2020, e sicuramente la squadra bianconera è una delle maggiori incognite per quanto riguarda la competizione di quest’anno. I vertici bianconeri, che nella passata stagione presero Cristiano Ronaldo, puntano decisamente alla conquista della Coppa dei Campioni, e anche per questo hanno deciso di cambiare allenatore e modulo. Il fatto è che per amalgamare la squadra ci vuole tempo, anche per attutire qualche “mal di pancia” legato alle esclusioni eccellenti dalla lista Uefa, su tutti Emre Can e Mandzukic ormai diretto in Qatar. Alcune scelte hanno fatto storcere non poco la bocca ad alcuni tifosi, anche alla luce del pareggio esterno con la Fiorentina nell’ultima di campionato. “Ci serve tempo” dice Leonardo Bonucci che comunque non si nasconde a proposito del fatto che la squadra sia necessariamente tra le favorite, ma alla Juve il tempo c’è? E gli alibi, che possono essere anche veri, valgono in una società che vuole solo vincere? Questi sono ovviamente gli interrogativi quando si sta per giocare la sfida al “Wanda Metropolitano”: Atletico Madrid – Juventus, in programma alle 21.00 di mercoledì 18 settembre, è valida per il Gruppo C dove militano anche il Bayer Leverkusen e il Lokomotiv Mosca. Arbitro il tedesco Felix Brych.

 

I precedenti di Atletico Madrid – Juventus

Remuntada. Proprio nella Champions precedente, 3 a 0 allo “Stadium” dopo aver perso 2 a 0 al “Wanda”. Fu un ritorno degli ottavi di finale da incorniciare per la squadra allora allenata da Massimiliano Allegri contro quella di Simeone. Salì in cattedra proprio Cristiano Ronaldo, che firmò su azione i primi due gol, e su rigore il terzo. Ai quarti finì male, la Juve fu eliminata dall’Ajax, ma la vittoria contro i “ Colchoneros” era stata fortemente voluta, e solo la squadra ci credeva davvero, di fronte a un ambiente molto scettico.

Dopo questa sfida epica, l’unica vinta dalla Juventus, dobbiamo registrare per la cronaca un altro confronto diretto meno importante, per l’International Champions Cup di quest’anno, con vittoria dell’ Atletico per 2 a 1. Prima, invece, le due squadre si erano affrontate nella fase a gironi dell’edizione 2014-2015 della Champions League: gli spagnoli vinsero in casa, all’epoca al “Vicente Calderon”, mentre a Torino finì zero a zero. In quella Juventus c’erano Buffon, Bonucci e Chiellini: quest’ultimo, come noto, starà fuori a lungo e quindi non è stato inserito nella lista Uefa, mentre il portierone è tornato quest’anno alla casa madre come riserva di Szczesny.

 

La situazione dell’ Atletico Madrid prima dell’incontro con la Juventus

Appena sconfitti in trasferta per 2 a 0 dalla Real Sociedad nella quarta giornata della Liga, i “Rojiblancos” sono comunque secondi in classifica alle spalle del Siviglia e sorprendentemente davanti a Real (con l’Athletic Bilbao a pari punti delle “Merengues”) e Barcellona. Le due grandi non dominano più, almeno non in questa fase, nella quale il campionato iberico sembra vivere nuovi equilibri. E il lungo, paziente lavoro di Simeone, al netto della prima sconfitta stagionale, sembra dare i suoi frutti.

Il grande ex Alvaro Morata sembra destinato alla panchina, ma non è escluso che trovi spazio durante la gara, data la sua voglia di esserci in un confronto del genere. Indisponibile il solo Vrsaljko, il modulo sarà il consueto 4-4-2. Davanti al portiere Oblak, i due difensori centrali saranno Savic e José Gimenez, i laterali Trippier e Lodi, gli esterni potrebbero essere Vitolo e Koke, a meno che Lemar non venga utilizzato a destra, gki interni Saul Niguez e Thomas, davanti dovrebbero esserci Joao Felix e Diego Costa.

La situazione della Juventus prima dell’incontro con l’ Atletico Madrid

Sia pure con l’attenuante del caldo evocata da Maurizio Sarri (ma lo stesso caldo c’era anche per la Fiorentina), la battuta d’arresto all’ “Artemio Franchi” con un pareggio senza reti ha fatto scalpore, per una squadra che in genere negli ultimi anni è sempre stata davanti in campionato, e in questo momento si vede superata da un’ Inter cinica ma certo non ancora totalmente irresistibile come la vorrebbe Antonio Conte, comunque unica squadra a punteggio pieno in Serie A.

C’è ovviamente fiducia sul girone di Champions, dove è vero, ci sono Atletico e Bayer Leverkusen, ma la Juventus è comunque forte di una tradizione e di un’esperienza internazionale molto importante. Non avrà con sé il tifo organizzato, dopo le ultime vicende di cronaca con gli arresti di alcuni capi ultrà, ma questo non dovrebbe essere un problema per la formazione bianconera. Piuttosto, i problemi sono legati agli infortuni importanti: dopo Chiellini e De Sciglio, si è fermato anche Douglas Costa, che ormai era diventato un titolarissimo dell’attacco sarriano. E adesso bisogna correre ai ripari con gli uomini a disposizione.

In difesa, evidentemente, si può toccare poco. Nel 4-3-3 davanti al portiere Szczesny, ovviamente i difensori centrali sono Bonucci e De Ligt, sulle corsie esterne Danilo e Alex Sandro. A centrocampo dovrebbe giocare Bentancur, affiancato da Khedira e Matuidi (anche se Rabiot potrebbe ambire a un posto da titolare), mentre Bernardeschi dovrebbe affiancare Higuain e Cristiano Ronaldo nel tridente. Questa è ovviamente la formazione che appare più scontata e affidabile. In panchina si può sempre contare su Ramsey, Pianic, Cuadrado e anche su Dybala.

Probabilità * di scommesse interessanti per Atletico Madrid – Juventus con Unibet.it

Vittoria Atletico Madrid: 2,42
Pareggio: 3,10
Vittoria Juventus: 3,45

 

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 1,5: 2,70
Under 2,5: 1,53
Under 3,5: 1,18
Over 1,5: 1,46
Over 2,5: 2,50
Over 3,5: 5,10
Gol/Non Gol: Sì  2,04     No  1,74
Handicap 2: 1 1,06     X 10,50    2  23,00
Handicap 1: 1  1,29    X   4,80    2  8,00
Handicap -1: 1  5,10   X   3,85    2  1,55
Handicap -2: 1  13,00  X  7,00   2  1,13
Primo Tempo/Finale 1/2: 36,00
Primo Tempo/Finale 2/1: 30,00

Previsione scommesse Atletico Madrid – Juventus con Unibet.it: Vittoria Atletico Madrid. Gli operatori ritengono che la squadra di casa, essendo abituata da anni a giocare insieme, per di più con lo stesso allenatore, sia favorita rispetto a una Juventus che anche in campionato ha mostrato qualche limite, legato anche al cambio di guida tecnica e di modulo.

Qui il confronto con altri bookie:

Il confronto con altre quote * scommesse per Atletico Madrid – Juventus

Quote Bwin.it

Vittoria Atletico Madrid: 2,45
Pareggio: 3,00
Vittoria Juventus: 3,25

Quote SportYes.it

Vittoria Atletico Madrid: 2,35
Pareggio: 3,05
Vittoria Juventus: 3,25

*(Quote del 17.09.2019 alle 23.10)

football line

Pronostico Fiorentina – Juventus Quote scommesse Serie A

Fiorentina – Juventus Quote scommesse Serie A*
Fiorentina 5,20/ pareggio 3,85/ Juventus 1,67
Data: 14 settembre 2019 – 15.00 ora italiana
Bookie: Unibet.it

Scommesse sportive Fiorentina – Juventus

Torna il campionato di calcio, e dopo l’inizio a passo un po’ rallentato, adesso la stagione marcia sul serio, puntellata anche dalla partecipazione alle Coppe Europee che naturalmente condiziona anche un po’ anticipi e posticipi di questa terza giornata del campionato di Serie A 2019-2020, la prima che viene disputata secondo gli orari indicati per lo svolgimento delle gare, tra anticipi, posticipi e i – pochi – incontri della domenica pomeriggio, con la B che si adegua e in qualche modo va a compensare con i suoi incontri gli spazi lasciati vuoti dal torneo maggiore, e viceversa. Ormai ci si deve abituare a questa situazione, legata ai diritti televisivi dove peraltro sono in corso altre battaglie che qui non ci riguardano.

L’importante è dunque che si riparte, e il primo anticipo, sabato 14 settembre 2019 alle 15.00, è subito una classica, peraltro arricchita di nuova linfa, come spesso avviene: allo stadio “Artemio Franchi”, sotto la direzione di Massimiliano Irrati di Pistoia (VAR Paolo Mazzoleni di Bergamo), va in scena Fiorentina – Juventus. Due storiche rivali, ultimo episodio il mancato passaggio di Federico Chiesa in bianconero per espressa volontà del nuovo patron viola Rocco Commisso, che pure tifava Juventus da bambino. Ma gli affari sono affari, e il calcio è il calcio. Di mezzo c’è una gran voglia di vincere, ma anche una situazione non certo idilliaca per una Fiorentina ancora a zero punti, con l’allenatore Montella ufficialmente confermato ma sempre in bilico (qualcuno fa il nome di Gattuso e ricordando i precedenti milanisti, per il tecnico della Fiorentina l’ombra di “Ringhio” rischia di essere un incubo). Di contro, Maurizio Sarri, guarito dalla polmonite delle scorse settimane, finalmente può sedere sulla panchina juventina finora lasciata al fido Martusciello, e quindi può guidare in prima persona la sua squadra. Una classica sempre da vedere, e che in genere non tradisce mai.

 

I precedenti di Fiorentina – Juventus

I precedenti in A sono 160, la metà esatta quelli giocati a Firenze. E domina la “Vecchia Signora” con 77 vittorie contro le 33 della squadra toscana, con 50 pareggi, 30 dei quali a Firenze. Il dato delle vittorie però si inverte nelle gare giocate in casa della Fiorentina, con la compagine di casa che ha fatto propri 27 confronti, contro i 23 juventini. Ma c’è un ma: i “Viola” hanno perso i due ultimi scontri diretti tra le mura amiche. Qui potrebbe aiutare la statistica, secondo la quale solo nel 1952 la Fiorentina ha raggiunto le tre sconfitte casalinghe consecutive con i “Bianconeri”. E certo l’ambizioso Commisso non vorrebbe eguagliare questo dato…

La situazione della Fiorentina prima dell’incontro con la Juventus

Però… però la squadra è a zero punti in campionato. Non solo, ma da sedici gare non vince in Serie A. E’ anche per questo che si chiede una prova d’orgoglio alla squadra, anche se l’avversaria è blasonata e temutissima, sia pure con infortunati illustri. Ne va dell’orgoglio viola, ne va anche della panchina di Montella evidentemente, ne va della pazienza di Commisso e del suo alter-ego Barone, anche se il patron ha detto di aver apprezzato il gioco nella gara con il Napoli, anche se dopo c’è stata la trasferta sul campo del Genoa dove solo un rigore trasformato da Pulgar ha spezzato il dominio rossoblu con le reti di Zapata e Kouamé.

Chiesa… anche in Nazionale ha mostrato di risentire del momento particolare che sta vivendo. Lui, che forse alla Juventus ci sarebbe andato per giocare la Champions, è stato bloccato nelle sue ambizioni dal cambio di proprietà. Del resto, avendo il contratto in corso, l’ultima parola spettava a Commisso che non voleva privarsi di uno dei suoi giocatori migliori proprio appena arrivato… Però sono situazioni che qualche contraccolpo psicologico rischiano di averlo, e adesso Chiesa è chiamato a impegnarsi proprio per cercare di far vincere la Fiorentina contro la rivale. Chi vuole mostrare di che pasta è fatto, è sicuramente Boateng, tornato in Italia per cancellare la parentesi negativa a Barcellona, e pronto a caricare se stesso e i compagni per la difficilissima impresa. È favorito su Vlahovic, così come Sottil dovrebbe avere la meglio su un Ribery che non ha ancora nelle gambe i novanta minuti e quindi probabilmente entrerà a gara in corso, anche se potrebbe partire titolare e poi dare corso a una staffetta con l’italiano.

Il modulo, di entrambe le squadre, sarà il 4-3-3: Dragowski il portiere, al centro della difesa Milenkovic e il capitano Pezzella, sulle fasce laterali Lirola e Dalbert, in regia Badelj, mezzeali Pulgar e Castrovilli, davanti l’idea è di Boateng e Sottil (o Ribery) ovviamente con Chiesa.

La situazione della Juventus prima dell’incontro con la Fiorentina

A punteggio pieno, sei punti presi in due gare, quella di Parma e poi lo scontro diretto con l’ambizioso Napoli, che ha buttato via il pareggio per la clamorosa autorete di Koulibaly. Nel frattempo, però, la Juventus ha perso per alcuni mesi Giorgio Chiellini, faro della difesa e capitano della formazione bianconera, e per quanto nessuno sia insostituibile nella “Vecchia Signora”, nemmeno CR7, in realtà si tratta di un’assenza che rischia di pesare, anche perché le caratteristiche del suo compagno di reparto Leonardo Bonucci, che eredita ruolo in difesa e fascia di capitano, sono diverse.  In difesa manca anche De Sciglio, ma qui certo non ci sono problemi, anche se occorre chiedere ad Alex Sandro di fare gli straordinari sulla fascia sinistra nonostante gli impegni con la nazionale brasiliana e relativo volo transoceanico. A destra, dunque, al posto di De Sciglio ci sarà Danilo.

Per il resto, solo problemi di abbondanza per Sarri che come dicevamo torna a dirigere direttamente la squadra, anzi è al suo vero e proprio esordio in A sulla panchina della Juventus. In campo un 4-3-3 che ovviamente dovrà tenere conto dell’imminente partita in Champions League, mercoledì al “Wanda Metropolitano” con l’Atletico Madrid e quindi anche con un lasso di tempo che consente un relativo recupero. Un 4-3-3 con Szczesny tra i pali, Bonucci e De Ligt difensori centrali, laterali Danilo e Alex Sandro, Pjanic in cabina di regia affiancato in mediana da Khedira e da uno tra Rabiot e Matuidi. Davanti, come punta centrale, sarà ancora una volta il momento di Higuain, l’uomo che conosce di più il gioco di Sarri, al su fianco sempre Douglas Costa oltre naturalmente a Cristiano Ronaldo. Ramsey è stato convocato e vedremo se giocherà uno scorcio di partita.

Probabilità * di scommesse interessanti per Fiorentina – Juventus con Unibet.it

Vittoria Fiorentina: 5,20
Pareggio: 3,85
Vittoria Juventus: 1,67

 

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 1,5: 4,20
Under 2,5: 2,06
Over 1,5: 1,23
Over 2,5: 1,78
Over 3,5: 3,05
Gol/Non Gol: Sì  1,72     No  2,07
Handicap 1: 1  2,16    X   3,60  2  2,85
Handicap 2: 1  1,36    X   5,00  2  5,80
Handicap -1: 1  12,50   X   6,75   2  1,14

Primo Tempo/Finale 1/2: 21,00
Primo Tempo/Finale 2/1: 41,00

Previsione scommesse Fiorentina – Juventus con Unibet.it: Vittoria Juventus. La Fiorentina naturalmente ce la metterà tutta per sovvertire il pronostico, dare una grande soddisfazione ai propri tifosi e interrompere il suo lungo momento negativo. Ciò detto, è chiaro anche che la Juventus rimane nettamente favorita, nonostante il fattore campo.

Qui il confronto con altri bookie:

Il confronto con altre quote * scommesse per Fiorentina – Juventus

Quote SNAI.it

Vittoria Fiorentina: 5,00
Pareggio: 3,85
Vittoria Juventus: 1,70

Quote SportYes.it

Vittoria Fiorentina: 4.85
Pareggio: 3,95
Vittoria Juventus: 1,70

*(Quote del 13.09.2019 alle 01.30)

football line

Pronostico Juventus – Napoli Quote scommesse Serie A

Juventus – Napoli Quote scommesse Serie A*
Juventus 2,00/ pareggio 3,40/ Napoli 4,05
Data: 31 agosto 2019 – 20.45 ora italiana
Bookie: Unibet.it

Scommesse sportive Juventus – Napoli

Alcune partite fanno storia a sé, a prescindere dalla situazione di classifica, dalla giornata di campionato. Sono quelle gare che “si preparano da sole”, come dicono tutti, e che ogni anno propongono qualche argomento ulteriore, o contingente, per rendere quella sfida ancora più di cartello o interessante. Così è innegabile che la partita più attesa e più importante di questa seconda giornata del campionato di Serie A 2019-2020 non possa che essere quella in programma all’ “Allianz Stadium” di Torino alle 20.45 di sabato 31 agosto 2019, la terza in ordine di svolgimento ma sicuramente la prima come attenzione. Juventus – Napoli: i campioni d’Italia in carica contro la squadra che più di ogni altre li ha sfidati in questi anni, e fino a due campionati fa sotto la guida tecnica di quello che ora è diventato il trainer juventino. Molti tifosi napoletani anche illustri hanno gridato al “tradimento” per questa scelta professionale, dopo la parentesi al Chelsea. E la sfida rimane tutta in piedi nonostante la polmonite che impedirà a Sarri anche in questa gara, come in quella di esordio, di sedere sulla panchina bianconera, sperando che l’ “ansia da prestazione” sia tutta degli avversari e non dei suoi. L’assenza di Sarri non è l’unica tegola caduta sulla Juventus in questo periodo, ce n’è una altrettanto e forse ancor più pesante della quale parleremo tra poco. Ricordiamo che è un ex anche l’allenatore avversario: Carlo Ancelotti non ha fatto breccia nel cuore juventino e la cosa appare reciproca, anche se al contrario del suo presidente, il tecnico di Reggiolo si mantiene sempre molto equilibrato e signorile nelle sue risposte. In fondo, è il campo che deve parlare… Ma è una sfida che crea polemiche per forza, fin sulla designazione arbitrale: il direttore di gara sarà Daniele Orsato di Schio, e a Napoli sono in subbuglio per episodi precedenti. Tutti, tranne ovviamente Ancelotti che mantiene il consueto aplomb. Molto esperto l’arbitro VAR, Massimiliano Irrati di Pistoia.

I precedenti di Juventus – Napoli

Una classica: non è un derby, ma agonisticamente è come se lo fosse, fin dai tempi in cui Platini e Maradona si contendevano le vittorie a suon di gol. Una sfida che negli ultimi anni è diventata quasi un’ossessione per il Napoli, sia per l’egemonia juventina, sia perché alcuni uomini importanti sono passati “con il nemico”, come Sarri adesso e come Gonzalo Higuain anni fa. Rivalità acerrima che rivedremo dunque anche nell’edizione 147 di questo confronto in Serie A. Nei precedenti complessivi, la Juventus “doppia” ampiamente gli avversari con 68 vittorie contro 31, mentre 31 sono i pareggi. Differenza notevole anche nelle reti segnate; 215 contro le 157 del Napoli. Nelle sfide giocate a Torino, che sono 73, il margine diventa addirittura un macigno: 45 vittorie della Juventus, mentre quelle partenopee sono soltanto otto e i pareggi 20. I gol sono 129 contro 68: non il doppio, ma poco ci manca. Nei precedenti più recenti però ci sono anche due vittorie napoletane: in una semifinale di ritorno di Coppa Italia del 5 aprile 2017, il Napoli vinse in casa 3 a 2, ma subendo un gol in più degli avversari rispetto alla gara di andata, fu eliminato. L’altra vittoria invece fu quella del 22 aprile 2018 grazie a un gol di Koulibaly. L’allenatore del Napoli in questi due confronti? Maurizio Sarri…

L’ultima volta invece, Napoli e Juventus si sono affrontate al “San Paolo” il 3 marzo scorso, e la squadra bianconera allora allenata da Massimiliano Allegri vinse 2 a 1 contro quella di Ancelotti.

La situazione della Juventus prima dell’incontro con il Napoli

I medici hanno “stoppato” Sarri che sta meglio, ma tornerà sulla panchina juventina dopo la pausa per la nazionale. Quindi, sarà ancora Giovanni Martusciello a guidare le operazioni, seguendo ovviamente le indicazioni del proprio capo. Ma dicevamo che c’è una tegola grave che ha appena colpito la Juventus, che va a perdere per qualche tempo il proprio capitano e il perno della difesa: Giorgio Chiellini si è infortunato molto seriamente in allenamento, procurandosi una lesione del legamento crociato anteriore, causata da una distorsione del ginocchio destro. Occorrerà operare il difensore bianconero, che starà fermo cinque mesi. Ovviamente, a questo punto, nessun giocatore del reparto arretrato verrà ceduto ad altre squadre, e De Ligt, rimasto in panchina nella partita di esordio a Parma con qualche “mal di pancia”, partirà necessariamente titolare.

Per il resto, Sarri sembra aver delineato la sua formazione anti-Napoli: un 4-3-3 con Szczesny tra i pali, De Ligt al fianco di Bonucci al centro della difesa, mentre De Sciglio e Alex Sandro dovrebbero agire sulle corsie laterali, Pjanic in cabina di regia con Rabiot e Khedira mezzeali, consueto attacco composto da Douglas Costa, Higuain e Cristiano Ronaldo. C’è sempre l’ipotesi di Dybala “falso nueve”, ma l’idea è che alla fine la spunti sempre e comunque il grande ex, che oltre a giocare nel suo ruolo, conosce molto bene il calcio di Sarri. Anche Bernardeschi partirà dalla panchina.

La situazione del Napoli prima dell’incontro con la Juventus

La prima con la Fiorentina, al netto delle polemiche arbitrali, è cominciata bene anche se è stata una vera e propria battaglia, consacrata dal 4 a 3 finale. Per il Napoli non è ancora tempo di esordio casalingo, ma le prime due partite del calendario senza dubbio sono impegni che da subito mettono la squadra di Ancelotti nella necessità di essere in clima -campionato. Se con la “Viola” perché comunque l’avversaria era importante e giocava in casa, qui si va oltre, con tutto quello che abbiamo spiegato e raccontato.

Il gruppo di Ancelotti ha il vantaggio di essere ampiamente collaudato e di lavorare con il proprio tecnico da un anno. In un campionato nel quale anche altre squadre (vedi Inter) hanno ambizioni di vertice, su questo il Napoli senza dubbio ha qualcosa in più. Ma allo “Stadium” potrebbe non bastare, anche perché troppo spesso l’ansia da prestazione ha tradito chi aveva troppo spirito di rivalsa. Occorre dunque giocare una gara equilibrata, e in questo Ancelotti è una garanzia. Poi sarà il campo a dire chi avrà meritato.

Milik non è ancora al meglio e quindi spazio in attacco a Mertens, con Fabian Ruiz trequartista alle sue spalle e ai lati Callejon e Insigne. Nel 4-2-3-1 messo in campo da Ancelotti, davanti al portiere Meret, al centro della difesa ci saranno l’imprescindibile Koulibaly e Manolas, laterali Mario Rui e Maksimovic, in mediana Zielinski e Allan.

Probabilità * di scommesse interessanti per Juventus – Napoli con Unibet.it

Vittoria Juventus: 2,00
Pareggio: 3,40
Vittoria Napoli: 4,05

 

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 1,5: 3,40
Under 2,5: 1,78
Over 2,5: 2,05
Over 3,5: 3,75
Gol/Non Gol: Sì  1,82     No  1,95
Handicap 1: 1  1,21    X  5,60  2  9,50
Handicap 2: 1  8,50    X   5,80  2  1,22
Handicap -1: 1  3,80   X   3,70   2  1,78

Primo Tempo/Finale 1/2: 36,00
Primo Tempo/Finale 2/1: 25,00

Previsione scommesse Juventus – Napoli con Unibet.it: Vittoria Juventus. Ovvio che la formazione bianconera rimanga favorita, ma la strada si è fatta decisamente in salita per la “Vecchia Signora” sulla scorta delle ultime notizie. Oltretutto il Napoli arriva allo “Stadium” con la speranza di battere l’allenatore che è andato a guidare il “nemico”. Tuttavia le quote restano sempre con un margine, sia pure piccolo, in favore dei padroni di casa.

Qui il confronto con altri bookie:

Il confronto con altre quote * scommesse per Juventus – Napoli

Quote Bwin.it

Vittoria Juventus: 1,95
Pareggio: 3,30
Vittoria Napoli: 4,25

Quote SportYes.it

Vittoria Juventus: 2,00
Pareggio: 3,45
Vittoria Napoli: 4,10

Quote del 31.08.2019 alle 00.05

football line

Pronostico Parma – Juventus Quote scommesse Serie A

Parma – Juventus Quote scommesse Serie A*
Parma 10,50/ pareggio 5,10/ Juventus 1,33
Data: 24 agosto 2019 – 18.00 ora italiana
Bookie: Unibet.it

Scommesse sportive Parma – Juventus

Una “provinciale” di blasone ma che verosimilmente dovrà ancora lottare per la salvezza, contro la squadra campione d’Italia per l’ottava volta consecutiva, ma alle prese con un cambiamento importante e non ancora compiuto. Comincia così, allo stadio Ennio Tardini, il campionato di calcio di Serie A 2019-2020. Parma – Juventus, in programma alle 18.00 di sabato 24 agosto 2019, è il primo anticipo della giornata di esordio, quindi con la responsabilità di accendere i riflettori su questa stagione nella quale le grandi si stanno muovendo ancora molto sul mercato, ma per veti incrociati e altre situazioni, sono ancora pochi i veri colpi di questo mercato. Quello italiano era comunque l’ultimo grande campionato del continente europeo che non era ancora iniziato, e quindi ora si cominci con tutto quello che gira intorno al pianeta calcio, ma finalmente con la parola che passa al campo.

Fabio Maresca di Napoli sarà il direttore di gara del match, mentre per il VAR ci sarà Paolo Mazzoleni, che pur essendo uscito dai ranghi arbitrali per motivi arbitrali, come Luca Banti, Luigi Nasca e Aleandro di Paolo, saranno ancora designabili esclusivamente per la videoassistenza, con il nuovo ruolo di VAR PRO.

 

I precedenti di Parma – Juventus

In Serie A, le due squadre si sono incontrate 50 volte, e la Juventus è davanti avendo vinto quasi la metà dei confronto, 24 contro 10, mentre i pareggi sono 16, l’ultimo dei quali conquistato a Torino nell’ultimo confronto diretto tra le due compagini. Al “Tardini” le sfide sono state ovviamente 25, e la situazione è molto equilibrata, con dieci pareggi, otto successi juventini e sette dei “Ducali”.

 

La situazione del Parma prima dell’incontro con la Juventus

Il Parma ha confermato Roberto D’Aversa alla guida tecnica, e probabilmente anche il modulo sarà il medesimo, vale a dire un 4-3-3 che in caso di sviluppi favorevoli durante la gara può trasformarsi in un 3-5-2 per avere una maggiore copertura difensiva. Sono importanti i nuovi arrivi, da Laurini proveniente dalla Fiorentina, a Brugman che al Pescara ha fatto benissimo a centrocampo, e che potrebbe partire titolare così come Hernani, data anche l’indisponibilità di Kucka per un sovraccarico al soleo.

Chi si è già messo in grande evidenza, tra gli uomini-chiave della squadra, è senza dubbio l’ivoriano Gervinho, protagonista anche in Coppa Italia, dove i “Ducali” hanno eliminato con autorità il Venezia, con un 3 a 1 finale. Bene dunque il primo impegno ufficiale, dopo una serie di amichevoli a fasi alterne.

Davanti al portiere Sepe, possiamo quindi ipotizzare Iacoponi e Bruno Alves come difensori centrali, laterali Laurini e Gagliolo, in cabina di regia Brugman, mezzeali Hernani e Barillà, al centro dell’attacco Inglese affiancato a sinistra sicuramente da Gervinho, mentre a destra Kulusevski è favorito su Karamoh.

La situazione della Juventus prima dell’incontro con il Parma

Tutti a disposizione in una Juventus che ha problemi di mercato soprattutto in uscita, che ha un Dybala che vuole togliersi definitivamente dal mercato nonostante Paratici, un Higuain che nicchia su possibili altre destinazioni, un Icardi che vorrebbe arrivare ma che l’Inter – e Marotta –  non vorrebbero proprio dare agli avversari storici. Ma il principale problema, in questo momento, non è sul campo: è in panchina. La polmonite che ha colpito Maurizio Sarri, pur non impedendogli completamente di guidare la squadra per cercare di farle assimilare rapidamente i nuovi schemi e nuovi ruoli, non gli consentirà di essere presente alle prime due gare. Non solo a questa, dunque, ma anche all’esordio casalingo proprio contro il Napoli, quel club che oggi vive quasi come un tradimento il passaggio in bianconero del tecnico dopo aver vinto l’Europa League alla guida del Chelsea.

L’assenza di Sarri, in un momento così importante come l’esordio di campionato, rischia dunque di essere la difficoltà maggiore per una squadra che, oltre al vice Martusciello, dovrà per forza di cose affidarsi ai “senatori”, come il capitano Chiellini, Bonucci, come Gigi Buffon ritornato come riserva di Szczesny, ma anche per essere un punto di riferimento importante nel club per giocatori, allenatore, e probabilmente anche per la stessa dirigenza. E, naturalmente, Cristiano Ronaldo, per la sua classe ma anche per il proprio rigore assoluto nella preparazione. Il “top player” per antonomasia è in questo caso anche lui chiamato a un supplemento di responsabilità, in un esordio che sulla carta non dovrebbe presentare molte insidie, ma come abbiamo visto, ha le sue controindicazioni.

Modulo speculare, ossia il 4-3-3 sarriano, davanti al portiere Szczesny, al centro della difesa, si dovrebbe andare sul classico con Bonucci e Chiellini, a sinistra Alex Sandro mentre a destra giocherà Danilo, a centrocampo Pjanic in cabina di regia, affiancato da Khedira e Rabiot. Dovrebbe essere Dybala al centro dell’attacco come “falso nueve”, in quel ruolo che tanto vuole avere con Sarri, a destra dovrebbe esserci Douglas Costa che tanto ha impressionato favorevolmente il mister, mentre ovviamente a sinistra c’è CR7.

 

Probabilità * di scommesse interessanti per Parma – Juventus con Unibet.it

Vittoria Parma: 10,50
Pareggio: 5,10
Vittoria Juventus: 1,33

 

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 1,5: 4,30
Under 2,5: 2,08
Over 3,5: 3,00
Gol/Non Gol: Sì  2,14    No 1,68
Handicap inizia 1-0: 1  3,35    X  3,65   2  1,92
Handicap inizia 0-1: 1  30,00  X  11,50 2  1,05

Primo Tempo/Finale 1/2: 23,00
Primo Tempo/Finale 2/1: 76,00

Previsione scommesse Parma – Juventus con Unibet.it: Vittoria Juventus.  Il pronostico favorisce la squadra ospite, al netto di tutte le controindicazioni che abbiamo indicato, dall’assenza di Sarri alle varie incertezze provocate da un mercato ancora aperto. Ma la Juventus dovrebbe avere “spalle larghissime”, anche se si confronterà con la voglia di ben figurare degli avversari che aprono di fronte al proprio pubblico.

Qui il confronto con altri bookie:

Il confronto con altre quote * scommesse per Parma – Juventus

Quote SNAI.it

Vittoria Parma: 9.75
Pareggio: 5,00
Vittoria Juventus: 1,33

 

Quote 888sport.it

Vittoria Parma: 10,50
Pareggio: 5,10
Vittoria Juventus: 1,33

 

(Quote del 22.08.2019 alle 22.00)

football line

Pronostico Juventus – Atalanta Quote scommesse Serie A

Juventus – Atalanta Quote scommesse Serie A*
Juventus 2,45/ pareggio 3,00/ Atalanta 3,25
Data: 19 maggio 2019 – 20:30 ora italiana
Bookie: Bet365

Scommesse sportive Juventus – Atalanta

Sfide decisive nella penultima giornata del campionato di Serie A 2018-2019, la trentasettesima complessiva, diciottesima di ritorno. È l’ultima partita della stagione all’ “Allianz Stadium”, ed è anche la partita degli addii per la Juventus che affronta un’ Atalanta in piena corsa per la Champions League, e che cerca un immediato riscatto dopo la sconfitta nella finale di Coppa Italia da parte della Lazio. La sfida si gioca alle 20.30 di domenica 19 maggio e sarà arbitrata da Gianluca Rocchi di Firenze con Massimiliano Irrati di Pistoia al VAR. Si tratta della coppia designata anche per la finale di Europa League.

I precedenti di Juventus – Atalanta

Le due squadre si sono incontrate già due volte in questa stagione, e se nell’andata di campionato, il 26 dicembre 2018, il confronto a Bergamo era terminato sul 2 a 2, in Coppa Italia, sempre all’ “Atleti Azzurri”, l’Atalanta aveva clamorosamente eliminato la Juventus in un quarto di finale vinto addirittura per 3 a 0.

Rimanendo al campionato, i precedenti sono 113 e la “Vecchia Signora” è nettamente davanti con 64 vittorie contro 11 atalantine, e 38 pareggi. 38 sono anche le vittorie interne della Juventus nelle 56 gare disputate a Torino, di cui solo 4 vinte dai bergamaschi, mentre 14 terminarono in parità. C’è anche da aggiungere che se l’Atalanta ha fatto l’exploit in Coppa Italia, l’ultima vittoria in campionato – peraltro interna – risale al febbraio 2001. L’ultima in casa juventina ha visto la squadra di Allegri vincere 2 a 0 il 14 marzo 2018.

 

La situazione della Juventus prima della partita con l’ Atalanta

La squadra di Massimiliano Allegri, sì, ma ancora per poco. Due giorni prima della gara, dopo dei vertici interlocutori, troppo interlocutori rispetto all’asserita volontà di continuare insieme, è arrivato uno scarno comunicato della società che ha annunciato il divorzio dal suo tecnico, e una conferenza stampa, quella tradizionale il giorno prima della gara, tenuta oltre che dall’allenatore, dallo stesso presidente Andrea Agnelli. Evidentemente non ci si lascia in cagnesco, ma comunque ci si lascia. Adesso ci si chiede chi arriverà al posto del tecnico toscano, ma di tutto questo si parlerà maggiormente dopo il campionato, quando si capirà meglio anche la situazione delle altre squadre, con un atteso valzer di panchine.

Sarà invece il valzer degli addii, quello che andrà in scena nel posticipo della penultima giornata, allo “Stadium”: saluta dunque Massimiliano Allegri, che chiuderà nella gara di Genova contro la Sampdoria, saluta Andrea Barzagli, uno degli ultimi campioni del mondo di Berlino 2006 ancora in attività che chiude da calciatore, e che già sarebbe in predicato di andare all’Inter come assistente di Antonio Conte, cominciando dunque una carriera da tecnico.

E poi c’è la festa scudetto, perché comunque sia c’è da celebrare l’ottavo titolo italiano consecutivo dei “Bianconeri”, al di là dell’eliminazione dalla Champions da parte dell’Ajax, e quindi con molti interrogativi sul futuro, sia sulla guida tecnica che su chi rimarrà, chi partirà e chi arriverà dopo il clamoroso colpo di Cristiano Ronaldo lo scorso anno, che però da solo evidentemente non basta per garantire la conquista della coppa dalle grandi orecchie.

Tutte queste premesse per dire che in tale situazione, la Juventus cerca la vittoria, dato che è l’ultima stagionale davanti ai propri tifosi, e poco importa che l’avversaria sia una delle più temibili del campionato, che il suo tecnico Gian Piero Gasperini sia corteggiato da molte grandi, che l’Atalanta sia in piena corsa per un posto in Champions. L’intenzione è quella di non rovinarsi o non farsi rovinare la festa scudetto.

Una festa alla quale parteciperà solo dalla tribuna, come spettatore, Giorgio Chiellini: il capitano è infortunato e non potrà scendere in campo, e così sarà titolare Barzagli, che altrimenti comunque uno scampolo di partita lo avrebbe probabilmente giocato, per ricevere i meritati applausi al termine di una grande carriera. Gli altri indisponibili sono Khedira e Douglas Costa, oltre al secondo portiere Perin. Dunque dovrebbe essere 4-3-3: tra i pali Szczesny, Barzagli e Bonucci coppia centrale difensiva, laterali Cancelo e Spinazzola, in mediana Can, Pjanic e Matuidi, davanti Dybala, Mandzukic e ovviamente Cristiano Ronaldo.

La situazione dell’ Atalanta prima della partita con la Juventus

Quarto posto a 65 punti, uno in meno dell’Inter, tre in più di Milan e Roma. Tutte vicine, ma in Champions ne andranno soltanto due. Per questo l’Atalanta deve provare a fare punti, e cercare, anche magari con un pareggio, di tenersi dietro le immediate inseguitrici. C’è da dire che la squadra di Spalletti deve vedersela con il Napoli (gara che ovviamente si gioca in contemporanea a questa) e che quindi è assolutamente vietato fare calcoli, e bisogna pensare alla volata.

Anche per questo occorre dimenticarsi subito la sconfitta nella finale di Coppa Italia con la Lazio, e annesse polemiche, e piuttosto pensare al 2-1 nel precedente turno di campionato con il Genoa. In fondo, la Coppa consente di partecipare all’ Europa League, e l’Atalanta in questa stagione potrebbe fare di più. A quel punto, sarebbe anche probabile una permanenza di Gasperini sulla panchina orobica, a scapito delle tante possibili destinazioni. Perché finora al tecnico non è andata troppo bene con le grandi, ma partecipare alla massima competizione europea con la squadra bergamasca sarebbe evidentemente un enorme stimolo per rimanere.

Di fronte ci sarà una Juventus tirata a lucido e decisa a non farsi rovinare la festa. Per una volta, la squadra già da tempo scudettata potrebbe dimenticarsi l’ aria da “ultimo giorno di scuola”. Quindi sarà partita vera, difficile, contro una squadra che è stata sconfitta sonoramente in Coppa Italia, ma probabilmente la concentrazione bianconera era diversa.

Senza lo squalificato Palomino, oltre ovviamente agli indisponibili Varnier e Toloi, Gasperini può schierare quasi la formazione titolare, con in attacco Zapata che quest’anno ha dato diversi dispiaceri alla Juventus. 3-4-2-1 con Gollini in porta, difesa affidata a Mancini, Djimsiti e Masiello, esterni Hateboer e Castagne, in mediana Freuler e De Roon, mentre Ilicic e Gomez agiranno alle spalle di Zapata.

Probabilità* di scommesse interessanti per Juventus – Atalanta con Bet365

Vittoria Juventus: 2,45
Pareggio: 3,00
Vittoria Atalanta: 3,25

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 0,5: 12,00
Over 6,5: 21,00
Over 4,5 Secondo Tempo: 23,00
Asian Handicap -1,5, -2  1: 5,75
Asian Handicap +1   2: 5,75
Asian Handicap +1, +1,5   2: 6,00
Asian Handicap +1,5  2: 6,40
Primo Tempo/Finale 1/2: 29,00
Primo Tempo/Finale 2/1: 26,00

Previsione scommesse Juventus – Atalanta con Bet365Vittoria Juventus. I bergamaschi sono sempre stati avversari ostici per la Vecchia Signora”, tanto più che dopo la sconfitta nella finale di Coppa Italia puntano dritti a un posto in Champions League. Ma la Juventus che saluta il proprio pubblico, l’allenatore e uno storico giocatore come Barzagli, vuole uscire vittoriosa da una sfida contro una squadra che quest’anno ha dato del filo da torcere ai “Bianconeri”.

Qui il confronto con un altro bookie:

Quote* scommesse per Juventus – Atalanta con SNAI

Vittoria Juventus: 2,40
Pareggio: 3,05
Vittoria Atalanta: 3,20

(Quote del 17.05.2019 alle 22.30)

football line

Pronostico Roma – Juventus Quote scommesse Serie A

Roma – Juventus Quote scommesse Serie A*
Roma 2,45/ pareggio 3,45/ Juventus 2,80
Data: 12 maggio 2019 – 20:30 ora italiana
Bookie: Unibet

Scommesse sportive Roma – Juventus

Tentare in casa di cogliere tre punti importanti contro i campioni d’Italia e sperare in un passo falso dell’ Atalanta, magari sperando in una sua “distrazione” legata all’imminente finale di Coppa Italia. Obbligatorio crederci ancora per la Roma impegnata contro la Juventus allo Stadio Olimpico alle 20.30 di domenica 12 maggio 2019, nella trentaseiesima e terzultima giornata del campionato di Serie A 2018-2019. Posta in palio importantissima per gli uomini di Claudio Ranieri, chiamato a tenere concentrati i suoi mentre la dirigenza, tra Boston e Trigoria, appare più impegnata a pensare alla squadra del futuro che a quella del presente che ha ancora un obiettivo da poter conquistare. Ma si sa come sia difficile lavorare a Roma in ambito calcistico. Tornando alla partita, una delle principali di questo turno di campionato, l’arbitro sarà Davide Massa di Imperia, mentre per il VAR è stato designato il bergamasco Paolo Mazzoleni.

I precedenti di Roma – Juventus

Una delle tante classiche proposte da questo turno di campionato: all’andata, il 22 dicembre 2018 quando l’allenatore giallorosso era ancora Eusebio Di Francesco, fu la Juve a vincere per 1 a 0 allo “Stadium”. Fu sufficiente una rete di Mario Mandzukic al 35° per far pendere la bilancia dalla parte bianconera. Non è una partita nella quale generalmente si segni molto, questa sfida, anche se delle eccezioni ci sono (nel 2012 inteso come annata calcistica, tra campionato e Coppa Italia si segnarono dodici gol in tre incontri). In A i precedenti complessivi sono 169: 81 di questi vinti dalla Juventus, rispetto ai 39 della Roma e 49 pareggi. Dato che si inverte del tutto considerando soltanto le 84 sfide disputate nella Capitale, dove i “Giallorossi” hanno vinto 31 volte contro le 25 degli ospiti, mentre 28 volte la sfida è terminata in parità. L’ultimo successo esterno juventino fu l’11 maggio 2014, anche qui una vittoria di misura per 1 a 0. Segnò Osvaldo, classico gol di un ex che adesso ai campi di calcio preferisce il rock e il ballo, anche se c’è da dire che nessuno è sembrato piangere calde lacrime per le sue reiterate dichiarazioni nelle quali ogni tanto ribadisce la bontà della sua scelta.

La situazione della Roma prima della partita con la Juventus

Tutto è ancora possibile, anche per la Champions a condizione che l’Atalanta sbagli qualcosa, e che il Milan continui con le sue difficoltà. Possibile, ma non facilissimo: Claudio Ranieri sa benissimo che deve contare sulle sue forze, anche se ogni tanto “ragionare da romanista”, ossia da allenatore che è anche storico tifoso della propria squadra, lo porta a qualche dichiarazione che in questa fase rischia di essere controproducente per il cammino di una formazione che può ancora farcela, anche se al momento l’Europa League appare come obiettivo più facile, tenendo a bada il Torino e la stessa Lazio che però potrebbe conquistarsi il posto vincendo la Coppa Italia (e lì c’è sempre di mezzo l’Atalanta, però).

Guardiamola, questa classifica, così vicina ma in parte anche così delineata: Juventus prima e Napoli secondo con il conforto dell’aritmetica, Inter e Atalanta sembrano ora giocarsi terza e quarta piazza, distando tra loro un solo punto in favore dei milanesi, poi ci sono il Milan e la Roma entrambi a 59. Al momento, i “Rossoneri” entrerebbero in Europa League dalla porta principale (fase a gironi) e i “Giallorossi” da quella secondaria (preliminari). Ma tutto può ancora accadere, come ci insegnano anche partite recentissime di Champions…

Tranne gli indisponibili, che sono importanti come Perotti e Santon, in campo andranno i titolarissimi: in porta sempre Mirante, una scelta tecnica di Ranieri che ha mostrato di preferire l’italiano a Olsen, anche perché obiettivamente il portiere di Castellammare di Stabia si sta dimostrando in un grande momento, suggellato dal rigore parato al Genoa nel confronto terminato 1 a 1. Davanti a lui, sarà 4-2-3-1: c’è Manolas al centro della difesa con Fazio, così come Florenzi a destra con Kolarov sulla fascia sinistra. Ottima notizia per il tecnico è il ritorno di Daniele De Rossi: il capitano sarà quindi in mediana con Cristante. Zaniolo (o Under), Pellegrini ed El Shaarawy dovrebbero agire alle spalle di Dzeko, terminale offensivo sicuro del posto.

La situazione della Juventus prima della partita con la Roma

Alla Continassa si potrebbe esporre il cartello “lavori in corso”. Al di là delle voci, sussurri e grida che prima di un confronto importante ci sono sempre (ci riferiamo, attenzione, non alla partita, ma al faccia a faccia tra Massimiliano Allegri e Andrea Agnelli), c’è da completare al meglio una stagione nella quale ormai si è detto tutto. Solo lo scudetto conquistato fra i tre obiettivi stagionali, ma preso con larghissimo anticipo, e se non altro la Champions League ha dimostrato come non sia caduta solo la Juventus, ma anche altre pretendenti storicamente pronosticate.

È l’anno del calcio inglese, e questa è una piccola consolazione dato che è andato fuori (rocambolescamente) anche l’Ajax che aveva eliminato i “Bianconeri” e che davvero pensava che fosse la volta buona per conquistare la coppa dalle grandi orecchie. Per di più, fuori Ronaldo e fuori anche Messi, dato che è uscito anche il Barcellona. Quindi, i detrattori di Allegri o del suo gioco talvolta considerato troppo utilitaristico, si saranno forse divertiti di più, ma anche loro alla fine non hanno azzeccato i pronostici…

Comunque, in queste ultime giornate Allegri fa esperimenti, magari non come il Chievo Verona retrocesso che mette al palo alcuni titolari schierando la linea verde che poi – vedi alla voce Spal –, una volta che l’avversaria lo sa la mette proprio sul piano dell’esperienza… Allegri, scottato anche dalla sconfitta con la squadra ferrarese che lo accomuna in questo alla squadra ultima in classifica,  cerca di proporre formazioni più attrezzate. L’assenza concreta di un obiettivo, tuttavia, si fa sentire, dato che la “Vecchia Signora” ha colto due pareggi consecutivi, con l’ Inter e nel derby con il Torino (1-1), nel quale in particolare deve ringraziare Cristiano Ronaldo che ha raddrizzato una situazione che proprio in quella stracittadina poteva rivelarsi un po’ spiacevole in caso di sconfitta.

Con la Roma non è un derby, ma è comunque una partita contro una squadra che lotta ancora per qualcosa di concreto, e che vuole presentarsi in grande spolvero, al netto di ogni polemica interna. Con Bernardeschi squalificato ed Emre Can ancora fuori, Allegri dovrebbe schierare un 4-4-2. Tra i pali il ballottaggio è tra Szczesny e Pinsoglio, che qualche minuto in campo vorrebbe giustamente farlo. Per quanto riguarda la coppia centrale difensiva, Rugani potrebbe rilevare uno tra Bonucci e Chiellini, mentre sulle fasce dovrebbero esserci Cancelo e Spinazzola, in mediana Bentancur e Pjanic, sugli esterni Cuadrado e Matuidi, le punte Ronaldo e Kean, con la possibilità di utilizzare Dybala a gara in corso.

Probabilità* di scommesse interessanti per Roma – Juventus con Unibet

Vittoria Roma: 2,45
Pareggio: 3,45
Vittoria Juventus: 2,80

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 0,5: 13,00
Over 6,5: 30,00
Handicap -3   1: 29,00
Handicap 2  2: 14,00
Handicap 3  2: 36,00   X: 18,00
Primo Tempo/Finale 1/2: 26,00
Primo Tempo/Finale 2/1: 25,00

Previsione scommesse Roma – Juventus con UnibetVittoria Roma. Ebbene sì: anche se di poco, i bookmaker, compreso quello che prendiamo qui in esame, questa volta favoriscono la squadra di casa, che ha un obiettivo concreto da raggiungere, per quanto non facile ma ancora possibilissimo, e schiererà la sua formazione titolare, mentre è normale che Allegri voglia fare qualche esperimento di qui al termine della stagione. A prescindere dal fatto che lui ci sia o meno alla guida della squadra nel prossimo campionato, cosa che sicuramente non sarà per Ranieri.

Qui il confronto con un altro bookie:

Quote* scommesse per Fiorentina – Milan con Eurobet

Vittoria Roma: 2,50
Pareggio: 3,50
Vittoria Juventus: 2,75

(Quote del 10.05.2019 alle 06.05)

football line
i-bookmakers.it valuta e confronta con costante aggiornamento tutti gli importanti bookmakers autorizzati in Italia.   18+   AAMS
Bookmakers | Bookmaker online | Scommesse sportive | Scommesse calcistiche | Scommesse live | Siti di scommesse | Scommesse Online | Bookmaker
Vi raccomandiamo di scommettere con responsabilità.