i-bookmakers.it
Logo di i-bookmakers .it
Notizie di Scommesse

Hellas Verona

In questa pagina trovate articoli riguardanti Hellas Verona.
football line

Pronostico Inter – Hellas Verona Quote scommesse Serie A

Inter – Hellas Verona Quote scommesse Serie A*
Inter 1,30/ pareggio 5,00/ Hellas Verona 9,75
Data: 9 novembre 2019 – 18.00 ora italiana
Bookie: Bwin.it

Scommesse sportive Inter – Hellas Verona

Terza partita in ordine di tempo per la dodicesima giornata del campionato di Serie A 2019-2020 è lo scontro fra Inter e Hellas Verona in programma allo stadio “Giuseppe Meazza” di Milano alle 18.00 di sabato 9 novembre 2019. La squadra di casa è seconda alle spalle della Juventus con cui ha ingaggiato un duello per la leadership, il Verona viene dalla vittoria con il Brescia con tanto di polemiche sul caso-Balotelli.

I precedenti di Inter – Hellas Verona

Il Verona non batte l’Inter ormai da 27 anni, quando era un Hellas molto forte, e comunque non ha mai vinto a San Siro, dove le squadre si sono incrociate 32 volte: 21 vittorie nerazzurre e 11 pareggi. Ultimo successo interista in ordine di tempo, quello del precedente confronto, un tre a zero il 31 marzo scorso, reti di due giocatori che hanno lasciato la squadra nel frattempo, Icardi autore di una doppietta e Perisic.

La situazione dell’ Inter prima dell’incontro con l’ Hellas Verona

Sconfitta in rimonta a Dortmund da un Borussia che ha fatto 3 a 2 da uno 0-2 iniziale, l’ Inter si lecca le ferite e l’allenatore Conte si lamenta con la dirigenza per la rosa limitata a disposizione, ma le sue esternazioni non piacciono ai vertici e dividono tifoseria e addetti ai lavori. In campionato la squadra viene dalla vittoria per 2 a 1 sul campo del Bologna. Preoccupazione per Politano, infortunatosi nella partita di Champions League e sicuramente indisponibile almeno per questa gara. Conte dovrebbe schierare in attacco Lautaro Martinez e Lukaku, con Esposito pronto a subentrare se necessario.

La situazione dell’ Hellas Verona prima dell’incontro con l’ Inter

La vittoria sul Brescia per 2 a 1, seconda consecutiva dopo il successo di Parma, vede la squadra scaligera nella parte sinistra della classifica, non male per una neopromossa destinata inizialmente a lottare per la salvezza. Nel Verona è da capire se Di Carmine rimarrà escluso per scelta tecnica (o di comportamento come ha detto il tecnico Ivan Juric). Stepinski dovrebbe essere il terminale offensivo del 3-4-2-1, mentre in mediana è ballottaggio tra Veloso e Henderson.

Previsione scommesse Inter – Hellas Verona con Bwin.it: Vittoria Inter. Favoritissima la squadra di Conte, nonostante le fatiche di Champions League.

Qui il confronto con altri bookie:

Il confronto con altre quote * scommesse per Inter – Hellas Verona

Quote SNAI.it

Vittoria Inter: 1,33
Pareggio: 5,00
Vittoria Hellas Verona: 9,50

Quote Unibet.it

Vittoria Inter: 1,30
Pareggio: 5,10
Vittoria Hellas Verona: 11,00

*(Quote del 07.11.2019 alle 01.45)

football line

Pronostico Napoli – Hellas Verona Quote scommesse Serie A

Napoli – Hellas Verona Quote scommesse Serie A*
Napoli 1,22/ pareggio 6,25/ Hellas Verona 13,00
Data: 19 ottobre 2019 – 18.00 ora italiana
Bookie: SNAI.it

Scommesse sportive Napoli – Hellas Verona

Attenzione alle partite che sulla carta sarebbero “senza storia” e che invece spesso si rivelano le più insidiose. È il caso di Napoli – Hellas Verona che si gioca allo stadio “San Paolo” alle 18.00 di sabato 19 ottobre 2019, secondo anticipo dell’ottava giornata del campionato di Serie A 2019-2020. Un anticipo che consentirà alla formazione partenopea di preparare con la dovuta calma la trasferta per Salisburgo, contro una formazione abbastanza ostica in Champions League. Tornando invece alla gara di campionato, sarà arbitrata da Marco Piccinini di Forlì, con Maurizio Mariani al VAR.

I precedenti di Napoli – Hellas Verona

Le due squadre si sono affrontate per l’ultima volta nella stagione 2017-2018, ma il Napoli vince la sfida da quattro volte consecutive, cinque contando anche il match di Coppa Italia del 16 dicembre 2015, e al “San Paolo” tra A, B e Coppa Italia ne ha vinte sei di seguito. Nella massima serie contiamo 52 confronti diretti, 26 dei quali a Napoli. Ovviamente c’è un dominio partenopeo da qualsiasi parte si guardi il confronto. Complessivamente gli “Azzurri” hanno vinto 28 partite contro le 12 dell’ Hellas e altrettanti pareggi. A Napoli contiamo 19 successi casalinghi e solo 2 esterni, con 5 pareggi. Interessante anche il conto dei gol che per la squadra campana sono più del doppio rispetto ai veneti: 87 contro 41.

 

La situazione del Napoli prima dell’incontro con l’ Hellas Verona

Tutto in discesa, allora? Non è esattamente così. Qualche controindicazione c’è, anche se il Napoli può rimanere abbastanza sereno. Non dimentichiamoci i problemi tra Carlo Ancelotti e Lorenzo Insigne, il cui rapporto non è esattamente idilliaco, tanto da far intervenire lo stesso procuratore del giocatore Mino Raiola per cercare di superare il problema esploso dopo l’esclusione dalla partita di Champions League pareggiata con il Genk. Non è certo per l’assenza di Insigne che è maturato il risultato non positivo che può creare qualche problema in prospettiva europea (il Napoli guida comunque ancora il girone), ma i malumori interni certo non aiutano.  Da notare che il presidente Aurelio De Laurentiis, dovendo scegliere tra allenatore e capitano, ha preso le parti di Ancelotti, anche se qualche mugugno a Napoli c’è, non tanto per il quarto posto in classifica che comunque significa zona Champions, ma per avere davanti anche l’Atalanta, oltre a Juventus e Inter. Si sono persi dei punti, per esempio con il Cagliari, e questo può essere un campanello di allarme.

Con il Verona ci si attende evidentemente un Napoli dominatore, altrimenti qualche problema ulteriore potrebbe esserci a pochi giorni da una trasferta di Champions che è importante vincere per allontanare la seconda del girone, immaginando che il Liverpool non abbia sul campo del Genk le stesse difficoltà mostrate dai partenopei.

Qualche problema in più potrebbe esserci per il rientro di molti giocatori dalle rispettive nazionali, considerando che qualcuno, come Lozano, non è tornato nelle condizioni migliori. Rientra Koulibaly dopo la squalifica, e questa è una buona notizia per Ancelotti. In campo il tradizionale 4-4-2, che era stato accantonato non solo in Belgio, ma anche a Torino nella trasferta finita 0 a 0 con i “Granata”. Meret tra i pali, al centro della difesa Manolas e Koulibaly, laterali Di Lorenzo e Ghoulam, favorito su Mario Rui che comunque ha superato il problema muscolare che risale ancora alla partita di Champions League. Sulle ali Callejon e Younes (quindi Insigne dovrebbe partire dalla panchina…), interni Allan e Fabian Ruiz, e la coppia d’attacco dovrebbe vedere Milik al fianco dell’inamovibile Mertens.

 

La situazione dell’ Hellas Verona prima dell’incontro con il Napoli

La vittoria interna per 2 a 0 sulla Sampdoria, costata il posto a Eusebio Di Francesco avvicendato da Claudio Ranieri anche a Genova come già a Roma, ci mostra un Hellas a metà classifica, a nove punti con Bologna, Parma e Milan. Per i “Rossoneri” classifica deludente, non certo per i veneti che da neopromossi sono ovviamente partiti con la salvezza come obiettivo, e anche con qualche mugugno per l’avvento di Juric come allenatore. Però i risultati al momento gli stanno dando ragione, portando la squadra nella parte sinistra della classifica. È presto per capire se si tratti dell’outsider della stagione, ma intanto i numeri sono favorevoli ai “Gialloblu”.

Sono molti i ballottaggi e i dubbi di formazione per Juric, che giocherà con il consueto 3-4-2-1. Le certezze sono il portiere Silvestri, Rrahmani e Kumbulla in difesa, la mediana con gli esterni Faraoni e Lazovic e gli interni Amrabat e Veloso. Per il terzo difensore è ballottagio tra Gunter e Bocchetti, mentre sulla trequarti in quattro sono in corsa per due posti: Salcedo, Zaccagni, Verre e Pessina. Ballottaggio anche per la punta, con Stepinski favorito su un Di Carmine non al meglio delle condizioni e che magari può entrare in corsa.

Probabilità * di scommesse interessanti per Napoli – Hellas Verona con SNAI.it

Vittoria Napoli 1,22
Pareggio: 6,25
Vittoria Hellas Verona: 13,00

 

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 1,5: 5,25
Under 2,5: 2,50
Under 3,5: 1,53
Over 1,5: 1,11
Over 2,5: 1,50
Over 3,5: 2,20
Gol/Non Gol: Sì  2,10    No  1,67
Handicap 1: 1   1,60   X  4,50    2  4,00
Handicap 2: 1   2,40   X  3,85    2  2,10
Handicap 3: 1  4,50    X  5,00   2   1,43
Handicap 4: 1  9,25    X  7,75   2   1,13
Primo Tempo/Finale 1/2: 80,00
Primo Tempo/Finale 2/1, X/1, 2/X, 1/X: 28,00

 

Previsione scommesse Napoli – Hellas Verona con SNAI.it: Vittoria Napoli. Largo il favore del pronostico per la squadra di casa, anche se il pareggio di Torino fa riflettere molti sull’opportunità di puntare una minima cifra anche su un risultato a sorpresa. In ogni caso, anche sulla scorta dei precedenti diretti, si va sull’ 1 fisso.

Qui il confronto con altri bookie:

Il confronto con altre quote * scommesse per Napoli – Hellas Verona

Quote Eurobet.it

Vittoria Napoli 1,22
Pareggio: 6,35
Vittoria Hellas Verona: 13,50

Quote SportYes.it

Vittoria Napoli 1,20
Pareggio: 7,00
Vittoria Hellas Verona: 14,00

*(Quote del 19.10.2019 alle 01.10)

football line

Pronostico Hellas Verona – Sampdoria Quote scommesse Serie A

Hellas Verona – Sampdoria Quote scommesse Serie A*
Hellas Verona 2,40/ pareggio 3,35/ Sampdoria 2,95
Data: 5 ottobre 2019 – 18.00 ora italiana
Bookie: SNAI.it

Scommesse sportive Hellas Verona – Sampdoria

È una partita di bassa classifica, probabilmente secondo i piani della squadra di casa, certamente meno da parte degli ospiti, negli ultimi anni abituati a stare nelle zone medioalte. Hellas Verona – Sampdoria, in programma allo stadio “Marc’ Antonio Bentegodi” alle 18.00 di sabato 5 ottobre 2019 è il secondo anticipo della settima giornata del campionato di Serie A 2019-2020, ultima prima della nuova pausa per la Nazionale, che giunge probabilmente gradita dopo un tour de force che ha compreso anche un turno infrasettimanale. La partita di Verona è importante anche per capire i destini del tecnico doriano, Eusebio Di Francesco, evidentemente a rischio dato che la squadra ha raccolto solo 3 punti in sei partite, con cinque sconfitte ed una sola vittoria. Ci sono le attenuanti, compresa la famigerata trattativa per il cambio di proprietà, ma così male, francamente, nessuno si attendeva che la Samp potesse andare in questa prima fase del campionato

Arbitro di questa partita è Michael Fabbri di Ravenna, mentre al VAR ci sarà Luca Pairetto di Nichelino.

I precedenti di Hellas Verona – Sampdoria

L’ultima partita ufficiale vinta dalla formazione scaligera risale al 30 ottobre 2013, fu 2 a 0 con reti di Gomez Taleb e di Luca Toni, che aveva anche ispirato la prima rete. Da allora, un paio di pareggi, uno casalingo nel settembre 2017, e cinque vittorie della Samp, due delle quali al “Bentegodi”. Complessivamente, in Serie A, le squadre si sono affrontate 46 volte, e la Sampdoria è davanti con 18 vittorie contro 11, mentre i pareggi sono 17. Tuttavia, considerando le 23 gare disputate in Veneto, la bilancia pende decisamente dalla parte della formazione scaligera, che ha vinto dieci volte, contro le 3 della Sampdoria. Dieci anche i pareggi.

La situazione dell’ Hellas Verona prima dell’incontro con la Sampdoria

Due pareggi, uno nel derby triveneto con l’Udinese, l’altro a Cagliari, un 1 a 1 importante perché sono quei risultati che “muovono” una classifica che deve continuare a muoversi. Con la Samp è uno scontro diretto, e l’allenatore Juric lo sa benissimo. Il tecnico dovrò fare a meno di Di Carmine, che ha un risentimento al gluteo, che risale ancora alla partita di Torino con la Juventus dove rimediò anche una contusione alla testa. L’attaccante non ha ancora recuperato. Non dovrebbero esserci neppure Bessa e Badu. Il modulo dovrebbe essere un 3-4-2-1: tra i pali Silvestri, in difesa Rrahmani, Kumbulla (Uo Dawidowicz) e Gunter, esterni Faraoni e Lazovic, interni Amrabat e Veloso, in attacco Verre e Zaccagni alle spalle di Stepinski.

La situazione della Sampdoria prima dell’incontro con l’ Hellas Verona

Eusebio Di Francesco cerca di allentare la tensione, pur sapendo che questa partita è importante sia per la classifica che per la sua panchina, ma dice che non è la gara della vita ed è importantissimo l’approccio giusto. La sconfitta interna per 3 a 1 con l’Inter è di quelle che senza dubbio pesano, anche se c’è l’attenuante di un avversario che quest’anno è realmente uno schiacciasassi, anche se lo attende ora la prova del derby d’Italia.

Quanto alla Samp che affronterà il Verona, Gabbiadini è stato recuperato mentre Maroni che sta facendo un percorso di recupero non è stato convocato, così come gli infortunati Thorsby e Linetty. In settimana è arrivato Bertolacci, che ovviamente avrà bisogno di recuperare la forma prima di mettersi a disposizione di Di Francesco. Svincolato, l’ex milanista cerca di ricominciare da Genova (sponda opposta rispetto a quella genoana dove fu lanciato) dopo una serie di stagioni sfortunate. Ma per il momento, ovviamente, il mister non può ancora contare su di lui.

Schieramento speculare rispetto agli avversari: in porta ovviamente Audero, in difesa Bereszynski, Ferrari e Colley, Depaoli e Murru sulle fasce, Ekdal e Jankto in mediana, il trequartista sarà Rigoni alle spalle di Bonazzoli (inizialmente preferito a Gabbiadini) e di Quagliarella.

Probabilità * di scommesse interessanti per Hellas Verona – Sampdoria con SNAI.it

Vittoria Hellas Verona 2,40
Pareggio: 3,35
Vittoria Sampdoria: 2,95

 

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 1,5: 3,60
Under 2,5: 1,87
Under 3,5: 1,30
Over 1,5: 1,23
Over 2,5: 1,85
Over 3,5: 3,00
Gol/Non Gol: Sì  1,65     No  2,15
Handicap 1: 1   4,75  X  4,00    2  1,53
Handicap -1: 1  1,35   X  4,50   2  6,50
Handicap -2: 1  1,06   X  8,70   2  16,00
Primo Tempo/Finale 1/2: 35,00
Primo Tempo/Finale 2/1: 30,00

 

Previsione scommesse Hellas Verona – Sampdoria con SNAI.it: Vittoria Hellas Verona. Quote molto ravvicinate, ma i bookmakers danno fiducia alla squadra di casa, che anche nelle ultime prestazioni ha mostrato cose interessanti, pur sapendo che la Sampdoria ha una necessità assoluta di fare punti. Ci si attende proprio per questo una gara molto combattuta, tra due squadre che hanno moduli speculari, anche se talvolta il Verona cambia in corsa. Anche le scelte degli allenatori durante la partita potrebbero dunque rivelarsi determinanti per questa partita.

Qui il confronto con altri bookie:

Il confronto con altre quote * scommesse per Hellas Verona – Sampdoria

Quote Unibet.it

Vittoria Hellas Verona 2,40
Pareggio: 3,40
Vittoria Sampdoria: 3,05

Quote Eurobet.it

Vittoria Hellas Verona 2,45
Pareggio: 3,35
Vittoria Sampdoria: 2,90

*(Quote del 5.10.2019 alle 07.15)

football line

Pronostico Juventus – Hellas Verona Quote scommesse Serie A

Juventus – Hellas Verona Quote scommesse Serie A*
Juventus 1,15/ pareggio 7,50/ Hellas Verona 20,00
Data: 21 settembre 2019 – 18.00 ora italiana
Bookie: Lottomatica.it

Scommesse sportive Juventus – Hellas Verona

Si torna in campo con la quarta giornata del campionato di Serie A 2019-2020, in un periodo molto intenso, tra coppe europee e turni infrasettimanali. Uno degli anticipi di sabato 21 settembre 2019 è quello in programma alle 18.00 all’ “Allianz Stadium” tra la Juventus e l’Hellas Verona. Per la squadra bianconera la necessità di prendersi i tre punti dopo il mezzo passo falso di Firenze, per quella veneta ovviamente limitare i danni e magari fare qualche scherzo alla “Vecchia Signora”.

Arbitro è Federico La Penna della sezione di Roma 1, per il VAR invece è stato designato Marco Di Bello, di quella di Brindisi.

I precedenti di Juventus – Hellas Verona

Sono 56 i precedenti complessivi tra le due squadre in A: c’è un dominio juventino praticamente quasi totale, e assoluto se pensiamo solo ai match casalinghi. I numeri: la Juventus ha vinto 32 partite, mentre i pareggi sono 14 e i successi scaligeri dieci, nessuno dei quali a Torino. L’ultima volta l’Hellas ha fatto sua la gara l’8 maggio 2016 al “Bentegodi”, con un 2 a 1 finale. La squadra bianconera ha vinto con regolarità tra le mura amiche: su 28 gare disputate, 24 successi e quattro pareggi. Sarà difficile per i veneti, che proveranno a puntare sui cambi di modulo non ancora del tutto assimilati nei “Bianconeri”.

La situazione della Juventus prima dell’incontro con l’ Hellas Verona

Nelle sue parole anche in conferenza stampa, Maurizio Sarri ha mostrato tutta la propria allergia al turnover. Ma è anche vero che alla Juventus gli alibi non sono graditi, e se si vuole essere competitivi su tutti i fronti, qualche cambio bisogna farlo, altrrimenti il rischio – come avvenne nel Napoli – è che la seconda linea non si senta motivata quando è il momento di andare in campo, sapendo che tale resterà. Alla Juventus, semplicemente, questo non può essere. Così, se hai un Dybala nella rosa, per quanto falso nueve, forse è meglio far rifiatare Higuain dopo le fatiche di Champions League. Senza dimenticare l’infortunio pesante di Douglas Costa. E se puoi permetterti di tenere in panchina Gigi Buffon come vice Szczesny, qualche volta il portierone può anche avvicendare il più giovane collega. E così dovrebbe avvenire in questo caso. La squadra dovrebbe essere un po’ diversa da quella che ha strappato il pareggio con l’Atletico Madrid, riuscendo a impedire che la rimonta dei “Colchoneros” si trasformasse in vittoria.

Pjanic è recuperato ma potrebbe rimanere a riposo, per cui il 4-3-3, davanti a Buffon dovrebbe proporre sempre Bonucci e De Ligt difensori centrali, anche sulle fasce non dovrebbero essere arretramenti di Cuadrado e quindi dovrebbero essere confermati Danilo e Alex Sandro. A centrocampo possibile l’utilizzo di Khedira, Bentancur e Matuidi, mentre davanti con Cristiano Ronaldo dovrebbero esserci Cuadrado e Dybala.

 

La situazione dell’ Hellas Verona prima dell’incontro con la Juventus

Stavolta per il Milan non è stata fatal Verona, dato il successo in trasferta per la squadra rossonera. Ma è la prima scinfitta di campionato per la squadra di Juric, dopo il pareggio con il Bologna e la vittoria di Lecce. Quindi i “Gialloblu” cercheranno di fare la loro partita. Di Carmine prenderà il posto di Stepinski squalificato, indisponibili anche Bocchetti e Bessa, mentre non è ancora arrivato il transfer per Wesley.

Schieramento ad albero di Natale: Silvestri tra i pali, Kumbulla e Gunter al centro della difesa, laterali Rrahmani e Faraoni, Veloso in cabina di regia, mezzeali Amrabat e Lazovic, mentre Zaccagni e Verre agiranno alle spalle di Di Carmine terminale offensivo.

Probabilità * di scommesse interessanti per Juventus – Hellas Verona con Lottomatica.it

Vittoria Juventus: 1,15
Pareggio: 7,50
Vittoria Hellas Verona: 20,00

 

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 1,5: 4,80
Under 2,5: 2,35
Over 1,5: 1,13
Over 2,5: 1,53
Over 3,5: 2,35
Gol/Non Gol: Sì  2,60     No  1,45
Autorete: Sì 8,00
Arbitro guarda VAR: Sì 2,50  No 1,45
Esito finale handicap: 1 (1): 1,45   X: 4,20  2: 11,00

Primo Tempo/Finale 1/2: 57,00
Primo Tempo/Finale 1/X, X/2, 2/X: 27,00

Previsione scommesse Juventus – Hellas Verona con Lottomatica.it: Vittoria Juventus. Piaccia o meno a Maurizio Sarri il concetto di turnover, il pronostico è ovviamente tutto per la squadra bianconera anche se la formazione dovesse essere un po’ rimaneggiata. Gli scaligeri sono comunque una squadra molto combattiva, come hanno avuto modo di dimostrare nei turni precedenti di campionato.

Qui il confronto con altri bookie:

Il confronto con altre quote * scommesse per Juventus – Hellas Verona

Quote SNAI.it

Vittoria Juventus: 1,15
Pareggio: 7,50
Vittoria Hellas Verona: 20,00

Quote William Hill.it

Vittoria Juventus: 1,15
Pareggio: 7,50
Vittoria Hellas Verona: 23,00

*(Quote del 21.09.2019 alle 08.30)

football line

Pronostico Hellas Verona – Cittadella Quote scommesse Playoff Serie B

Hellas Verona – Cittadella Quote scommesse Playoff Serie B*
Hellas Verona 1,85/ pareggio 3,30/ Cittadella 4,55
Data: 2 giugno 2019 – 21:15 ora italiana
Bookie: Unibet

Scommesse sportive Hellas Verona – Cittadella

Non c’è pace per questa Serie B, dove Venezia e Salernitana ora devono giocare i playout, ma la società veneta è sul piede di guerra e lancia dure accuse nei confronti dei vertici di Lega. Intanto un’altra veneta andrà sicuramente in A, a fare compagnia a Brescia e Lecce promosse direttamente alla fine della stagione regolare. La Lega B, nonostante proprio domenica 2 giugno 2019 si concluda proprio a Verona il Giro d’Italia, ha imposto di giocare ugualmente allo stadio “Marc’ Antonio Bentegodi”, facendo slittare l’inizio alle 21.15, la partita di ritorno tra Hellas Verona e Cittadella, valida per la finale dei playoff promozione del campionato di calcio di Serie B 2018-2019. Si parte da un risultato di 2 a 0 del Cittadella nella gara di andata disputata il 30 maggio al “Tombolato” e pertanto il Verona per andare in A dovrebbe almeno vincere con il medesimo risultato, o comunque con due gol di scarto.

L’arbitro sarà Marco Piccinini di Forlì, al VAR Luigi Nasca di Bari affiancato dal genovese Davide Ghersini, mentre il quarto uomo sarà Livio Marinelli di Tivoli.

I precedenti di Hellas Verona – Cittadella

Dobbiamo dunque aggiungere ai precedenti, che tra poco ricorderemo brevemente, anche il 2 a 0 della partita di andata, ottenuto dal Cittadella grazie a una doppietta di Diaw. Ricordiamo che nella stagione regolare la gara di andata era stata vinta 4 a 0 dal Verona al “Bentegodi” il 27 dicembre 2018, mentre lo scorso 5 maggio al “Tombolato” si erano imposti i “Granata” per 3 a 0.

Nove dunque i precedenti in B, con cinque vittorie del Verona, quattro del Cittadella tutte in casa e un pareggio che risale al 2013. In casa gialloblu contiamo quattro confronti in cadetteria, tre vinti dall’Hellas e appunto uno pareggiato.

La situazione dell’ Hellas Verona prima della partita con il Cittadella

La determinazione e la consapevolezza di poter ribaltare il risultato dell’andata e compiere la “remuntada” c’è tutta negli uomini allenati da Alfredo Aglietti, che si è difeso dalle accuse piovute da alcune parti sull’utilizzo part time di Pazzini (peraltro diffidato), cui è stato preferito Di Carmine. Probabile che la scelta in attacco sia la medesima anche nella gara di ritorno. Del resto il Verona ha avuto le sue occasioni, ha sofferto qualche ripartenza ed è stato arginato da un Paleari in grande spolvero.

Possibile quindi rivedere la stessa formazione di partenza della partita di andata, un 4-3-3 con Silvestri tra i pali, difensori centrali Dawidowicz ed Empereur, in regia Gustafsson, in mediana con Henderson e Colombatto, tridente con Matos, Di Carmine e Laribi (o Lee).

La situazione del Cittadella prima della partita con l’ Hellas Verona

Nonostante la vittoria, il tecnico del Cittadella Roberto Venturato a fine gara non era contento della prestazione, e in effetti il fatto che Paleari si sia dimostrato uno dei migliori in campo dimostra come qualche sofferenza la difesa granata l’abbia avuta. Partire da un 2 a 0 è comunque un buon inizio, anche se questi playoff dimostrano che nessuno può essere mai certo prima della fine del doppio confronto.

Branca e Panico rientrano dalla squalifica, mentre occorrerà capire se Benedetti e Finotto abbiano recuperato. Il modulo è il consueto 4-3-1-2 e naturalmente Paleari sarà sempre l’estremo difensore: davanti a lui la coppia composta da Frare ed Adorni, i laterali dovrebbero essere Ghiringhelli (o Parodi) e Rizzo. In mediana Iori in cabina di regia, con Siega e Branca mezzeali, mentre Panico dovrebbe agire alle spalle di Diaw e Moncini confermati come coppia d’attacco.

Probabilità*  di scommesse interessanti per Hellas Verona – Cittadella con Unibet

Vittoria Hellas Verona: 1,85
Pareggio: 3,30
Vittoria Cittadella: 4,55

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 0,5: 9,50
Over 4,5: 7,50
Handicap -3:  1: 20.00  X:  11,00
Handicap -2   1:   8,00
Handicap 1:    2:  11,50
Handicap 2:  X:  14,00   2:  35,00
Primo tempo/Finale 1/2: 41,00
Primo tempo/Finale 2/1: 23,00

Previsione scommesse Hellas Verona – Cittadella con UnibetVittoria Hellas Verona. L’ipoteca del Cittadella può essere importante oppure no. Dipende dallo sviluppo della partita e dall’atteggiamento di un Verona che gioca in casa e che sulla carta è favorito anche da un’esperienza che può rivelarsi determinante nei momenti chiave. Da non sottovalutare però un Cittadella ad un passo dalla storia.

Qui le quote di un altro bookie:

Quote* scommesse per Hellas Verona – Cittadella con Bwin

Vittoria Hellas Verona: 1,91
Pareggio: 3,30
Vittoria Cittadella: 4,25

(Quote del 31.05.2019 alle 22.50)

football line

Pronostico Cittadella – Hellas Verona Quote scommesse Playoff Serie B

Cittadella – Hellas Verona Quote scommesse Playoff Serie B*
Cittadella 2,20/ pareggio 3,10/ Hellas Verona 3,50
Data: 30 maggio 2019 – 21:00 ora italiana
Bookie: Bet365

Scommesse sportive Cittadella – Hellas Verona

Siamo obbligati sempre a un lungo preambolo, quando dobbiamo parlare del campionato cadetto, perché ogni giorno la decisione di un tribunale, che sia federale o amministrativo, modifica la situazione non solo decretata dal campo, ma anche già cambiata con altre determinazioni. Questo non ha nulla a che vedere fortunatamente con i playoff e quindi con la finale promozione che andiamo a presentare qui, di cui giovedì 30 maggio 2019 alle 21.00 si disputa la gara di andata, Cittadella – Hellas Verona allo stadio “Pier Cesare Tombolato”. Ma ha a che vedere con tutto il resto. Il Palermo non è più retrocesso, ma penalizzato di 20 punti, quindi comunque fuori dai playoff, ma salvo. Il Foggia è retrocesso, e i playout (che peraltro erano stati ripristinati dal TAR del Lazio proprio su istanza dei foggiani) si svolgeranno tra Venezia e Salernitana. Così si è espressa mercoledì la Corte d’Appello della Federcalcio e quindi cambia ancora tutto, salvo ulteriori ricorsi….

Per fortuna la finale del campionato di calcio di Serie B 2018-2019, come si diceva, è il derby veneto che le due formazioni si sono ampiamente meritate sul campo e che ora vivrà il suo primo atto nel campo della squadra piazzatasi peggio in classifica nella stagione regolare, vale a dire il Cittadella settimo, mentre il Verona si è piazzato quinto. Entrambe sono passate per i quarti di finale e hanno poi sconfitto in semifinale le avversarie più titolate. Questo dimostra l’imprevedibilità e la spettacolarità di un campionato che se avesse un regolamento meno interpretabile renderebbe meno possibili i ricorsi alle carte bollate che quest’anno, sinceramente, hanno disturbato fin dall’inizio un torneo che avrebbe solo bisogno di visibilità e valorizzazione, non di beghe legate spesso a difficili situazioni economiche. Regole più chiare, come ha avuto modo di sottolineare lo stesso presidente federale Gabriele Gravina.

Ma eccoci all’incontro, che sarà arbitrato da Antonio Giua della sezione di Olbia, mentre al VAR ci sarà Gianluca Aureliano di Bologna. Il “Tombolato” è sold out per questo momento che è sicuramente storico per il Cittadella che per la prima volta arriva alla finale promozione, dopo essere stato in passato semifinalista.

I precedenti di Cittadella – Hellas Verona

Un over potrebbe essere seriamente consigliato, se consideriamo i risultati delle due gare di campionato: l’Hellas aveva vinto 4 a 0 l’andata disputata il 27 dicembre 2018, il Cittadella aveva “ricambiato la cortesia” con un pesantissimo 3 a 0 lo scorso 5 maggio. Sette gol in due partite… anche se c’è da dire che il tecnico scaligero Alfredo Aglietti era appena subentrato a Fabio Grosso e aveva tentato un 4-3-1-2 improbabile (speculare al Cittadella che però gioca sempre con questo modulo), con Lee alle spalle di Di Carmine e Pazzini, in una coesistenza dei due attaccanti che poi lo stesso tecnico non ha più provato, seguendo dunque in questo ciò che aveva fatto il suo predecessore, con una sola punta centrale. Una sconfitta servita da monito poi agli scaligeri per arrivare a conquistare i playoff e la finale.

In B, dal 2011 a oggi, contiamo otto precedenti, quattro dei quali disputati al “Tombolato”: cinque vittorie del Verona, tre del Cittadella tutti casalinghi (mentre in Lega Pro c’è anche una vittoria esterna nel 2007) e un pareggio, uno zero a zero al “Bentegodi” nel 2003. In casa granata, l’Hellas si è imposta una sola volta, mentre come detto il “Citta” ha vinto gli altri tre confronti.

La situazione del Cittadella prima della partita con l’ Hellas Verona

È una vera impresa sportiva, quella compiuta dal Cittadella in semifinale: la squadra di Roberto Venturato ha messo KO con un 3 a 0 il Benevento al “Vigorito”, dopo avere perso l’andata in casa per 2 a 1. Sono andati in gol Diaw, Panico e Moncini, con Branca fondamentale nelle ultime due reti. La squadra gioca praticamente a memoria, con un modulo ampiamente assimilato dai giocatori, nonostante ci siano stati dei cambi abbastanza importanti nella rosa, e innesti felicissimi come quello dello stesso Moncini, che ha consentito di superare rapidamente, e a suon di gol, il momento di appannamento che in ogni stagione vivono a un certo punto tutte le squadre.

Si diceva che è un momento storico per il Cittadella, che alla finale promozione non era mai arrivato, e che vorrebbe tanto vivere la sua prima stagione in A. Per il massimo torneo non sarebbe la prima volta per una città non capoluogo, se consideriamo che quando il Cesena era in A non era ancora capoluogo di provincia, e se pensiamo che perfino un quartiere cittadino – il Chievo Verona – ha portato una squadra alla massima serie. Ma Cittadella entrerebbe ugualmente nella storia: una città veneta importante anche storicamente, che si trova però in provincia di Padova, anche se non lontano da Castelfranco Veneto che è invece amministrativamente nel trevigiano.

Da qui si capisce la “febbre” che assale in questi giorni i cittadellesi, con tanto di polemiche per uno stadio sold out, che non garantirà l’ingresso a tutti gli abbonati. Un traguardo – la finale – che è un merito di tutti: dalla famiglia Gabrielli che ha in mano la società, al tecnico Venturato, che ha fatto ancor meglio di un allenatore ricordato giustamente da quelle parti come Claudio Foscarini, anche se tutto parte da un altro grande allenatore come Ezio Glerean, che negli anni Novanta pose le basi del “miracolo calcistico” Cittadella.

In questa finale di andata mancheranno per squalifica due giocatori importanti come Branca e Panico, mentre sono in dubbio Benedetti e Finotto, rientra Proia. Venturato metterà in campo ovviamente il consueto 4-3-1-2: Paleari il portiere, al centro della difesa Adorni e Frare, sulle fasce Ghiringhelli e Rizzo, in cabina di regia Iori, mezzeali Siega e Proia, Schenetti alle spalle di Moncini e Diaw.

La situazione dell’ Hellas Verona prima della partita con il Cittadella

Anche per il Verona targato Aglietti quello che è stato fatto finora ha il sapore dell’impresa. Non solo per il quinto posto, o meglio sesto poi diventato quinto per i noti motivi, ma soprattutto per quanto è stato fatto dopo, culminato con il successo di Pescara. Un gol su rigore segnato da Di Carmine, ma anche la capacità di impedire alla squadra di casa di poter pareggiare il risultato, e quindi di passare il turno.

Adesso i “Gialloblu” sono di nuovo sulla soglia della massima serie, e per di più con la finale di ritorno in casa e una miglior posizione di classifica che dà maggiori possibilità di promozione, dato il regolamento sul quale ci soffermeremo però presentando il match di ritorno. In molti sperano che sia proprio l’Hellas a prendere il posto del Chievo appena retrocesso, e che la squadra scaligera si riprenda la A dopo un anno di limbo. Di sicuro, anche alla dirigenza, certe situazioni sono probabilmente servite per capire meglio la gestione di una squadra blasonata e di una piazza importante come quella di Verona. Sono lontanissimi i tempi dello scudetto gialloblu, ma la B si è dimostrata ancora una volta un campionato difficile, e ci è voluto un tecnico esperto come Aglietti per dare lo spirito di squadra ad un gruppo di giocatori di qualità.

Il Verona dovrebbe proporre un 4-3-3 nel quale Di Carmine dovrebbe essere la punta centrale, complice il fatto che Pazzini è diffidato, come Zaccagni. Quindi Silvestri tra i pali, al centro della difesa Dawidowicz ed Empereur, laterali Faraoni e Vitale, in regia Gustafson affiancato in mediana da Henderson e Colombatto, mentre ai lati di Di Carmine dovrebbero esserci Matos e Laribi. .

Probabilità*  di scommesse interessanti per Cittadella – Hellas Verona con Bet365

Vittoria Cittadella: 2,20
Pareggio: 3,10
Vittoria Hellas Verona: 3,50

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 0,5: 8,00
Over 5,5: 19,00
Over 3,5 Primo Tempo: 26,00
Primo tempo/Finale 1/2: 34,00
Primo tempo/Finale 2/1: 29,00

Previsione scommesse Cittadella – Hellas Verona con Bet365Vittoria Cittadella. Spesso in questi playoff il fattore campo è completamente saltato, arrivando a sovvertire le gerarchie della classifica, cosa che in questo caso non avverrebbe perché il Verona si è piazzato meglio del Cittadella. Tuttavia, la gara di andata potrebbe andare ai padroni di casa, anche se questa è una gara che sicuramente si risolverà nel doppio confronto.

Qui le quote di un altro bookie:

Quote* scommesse per Cittadella – Hellas Verona con Unibet

Vittoria Cittadella: 2,25
Pareggio: 3,00
Vittoria Hellas Verona: 3,50

(Quote del 29.05.2019 alle 21.50)

football line
i-bookmakers.it valuta e confronta con costante aggiornamento tutti gli importanti bookmakers autorizzati in Italia.   18+   AAMS
Bookmakers | Bookmaker online | Scommesse sportive | Scommesse calcistiche | Scommesse live | Siti di scommesse | Scommesse Online | Bookmaker
Vi raccomandiamo di scommettere con responsabilità.