Logo di i-bookmakers .it
Notizie di Scommesse

Bologna

In questa pagina trovate articoli riguardanti Bologna.
football line

Pronostico Bologna – Spal Quote scommesse Serie A

Bologna – Spal Quote scommesse Serie A*
Bologna 1,87/ pareggio 3,40/ Spal 4,25
Data: 30 agosto 2019 – 20.45 ora italiana
Bookie: SNAI.it

Scommesse sportive Bologna – Spal

C’è anche una questione di cuore molto importante, nella partita che apre la seconda giornata del campionato di Serie A 2019-2020. Lo stadio è il “Renato Dall’Ara”: alle 20.45 di venerdì 30 agosto 2019 l’arbitro Marco Di Bello di Brindisi (VAR Michael Fabbri di Faenza) fischierà l’inizio del derby tra Bologna e Spal. Fin qui tutto normale: due squadre che lo scorso anno si sono conquistate la salvezza, quella ferrarese in modo più comodo, il Bologna con una grande rincorsa iniziata con l’avvento sulla panchina rossoblu di Sinisa Mihajlovic. Quell’allenatore che adesso sta lottando come un leone contro la malattia, che a Verona è riuscito tra mille prescrizioni a sedere sulla propria panchina, e che a Bologna, in casa, farà lo stesso. Con una differenza: alla fine potrà tornare davvero nella propria casa, dalla sua famiglia, perché è stato dimesso dall’ospedale avendo concluso il primo ciclo di cure. Deve combattere ancora, ma sa di non essere solo, dal momento che il mondo del calcio in questi mesi si è stretto intorno a lui e ne ammira la forza e il coraggio, che facevano già parte del suo carattere.

I precedenti di Bologna – Spal

Ma veniamo a noi, partiamo come sempre dai precedenti di questa partita, che in tempi recenti sono solo quattro complessivi, e due a Bologna, dal momento che nel 2017 la Spal è tornata in A dopo mezzo secolo: i “Biancazzurri” sono davanti con due vittorie, di cui una in trasferta, contro una casalinga della formazione felsinea. Il che significa che in casa siamo 1 a 1. L’ultima volta, lo scorso 20 gennaio al “Mazza”, è finita proprio 1 a 1 come risultato. Allargando lo spettro a soli fini statistici, i confronti diretti totali n A sono 36 con 19 successi del Bologna, 10 della Spal e 7 pareggi. Nel capoluogo, abbiamo 18 precedenti nella massima serie con 11 vittorie casalinghe, 4 esterne e 3 pareggi, di cui l’ultimo nel lontano 1956, complice quel mezzo secolo nel quale la Spal era scomparsa dai radar della Serie A.

La situazione del Bologna prima dell’incontro con la Spal

La presenza di Mihajlovic a Verona ha commosso il mondo del calcio, ma probabilmente ha mandato un po’ in confusione il Bologna, che è uscito solo con un pareggio per 1 a 1 dal “Bentegodi”. Troppa, probabilmente, l’emozione di essere guidati dal proprio mister in persona, e non attraverso la tecnologia. I giocatori sono uomini, spesso molto giovani, e alcuni sono evidentemente rimasti spiazzati.

Stavolta, probabilmente non sarà così: perché lo sanno che Sinisa ci sarà, lo ha confermato il suo staff. Si prepara la partita e si gioca, e i primi tre punti devono arrivare perché è l’esordio in casa, perché va fatto un regalo al mister e perché la classifica va mossa subito, prima di tutto per puntare a conquistarsi una comoda salvezza e poi per puntare ad altri obiettivi. Queste le intenzioni del Bologna, poi la parola naturalmente passerà al campo contro una Spal che lo scorso anno è stata avversaria ostica anche per le grandi, e che anch’essa ha il medesimo allenatore delle ultime stagioni (Semplici) e mantiene lo “zoccolo duro” del proprio gruppo. Mercato permettendo perché c’è qualche “sirena” che riguarda Petagna, anche se il suo tecnico ha annunciato la permanenza dell’attaccante a Ferrara.

Tornando al Bologna, nella prima casalinga si dovrebbe vedere sostanzialmente la squadra anti-Verona: un 4-3-3 dove, davanti all’esperto portiere Skorupski, i difensori centrali dovrebbero essere Denswil e Danilo, sulle corsie esterne Tomiyasu e Dijks, Poli in cabina di regia, le mezzeali dovrebbero essere ancora a destra il giovane Kingsley preferito a Dzemail e Medel, Soriano invece a sinistra. Palacio è davanti a Destro e Santander nel ballottaggio come punta centrale, mentre sulle corsie è certo l’impiego di Orsolini e Sansone.

La situazione della Spal prima dell’incontro con il Bologna

Sconfitti in casa, e in rimonta, da un’Atalanta che nel secondo tempo ha tirato fuori il suo carattere che dovrà essere quello di una squadra che partecipa alla Champions League, opportunamente “strizzata” da Gasperini con qualche cambio azzeccato. Pregustavano un successo casalingo, i tifosi spallini, ma invece alla fine sono usciti dal “Mazza” senza punti. La squadra però c’è, e Federico Di Francesco – un ex molto atteso, peraltro in prestito ora dal Sassuolo – ha subito dimostrato di essere entrato molto bene nei meccanismi di Leonardo Semplici, che lo confermerà anche questa volta, in attacco con Petagna. Altre soluzioni per il nuovo arrivato si decideranno più avanti: l’allenatore in prospettiva lo vorrebbe utilizzare da esterno, ma la condizione non è ancora ideale e allora è meglio che faccia la seconda punta.

Queste sono le certezze della formazione, perché Semplici ta valutando se lanciare dal primo minuto l’ex atalantino Reca e Tomovic, ma il polacco è un po’ a corto di allenamenti, e questo rende meno probabile il suo impiego dall’inizio. Peraltro, il mercato della Spal non è ancora del tutto completato. Un’altra valutazione è se utilizzare ancora Igor come esterno e non nel suo ruolo naturale, che è quello di difensore centrale.

Sostanzialmente dovremmo trovarci davanti a una replica della squadra che ha giocato contro l’Atalanta, e che male non ha fatto, malgrado il risultato. Un 3-5-1-1 con Berisha tra i pali, in difesa Cionek, Vicari e Felipe, esterni D’Alessandro e Igor, Missiroli regista con Murgia e Kurtic mezzeali, Di Francesco in attacco alle spalle di Petagna terminale offensivo.

 

Probabilità * di scommesse interessanti per Bologna – Spal con SNAI.it

Vittoria Bologna: 1,87
Pareggio: 3,40
Vittoria Spal: 4,25

 

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 1,5: 2,95
Under 2,5: 2,35
Over 2,5: 2,05
Over 3,5: 3,50
Gol/Non Gol: Sì  1,87     No  1,85
Handicap 1: 1  3.60    X  3,45   2  1,87
Handicap 2: 1  8,00    X   5,50  2  1,23
Handicap -1: 1  1,20   X   5,50   2  12,00

Primo Tempo/Finale 1/2: 50,00
Primo Tempo/Finale 2/1: 30,00

Previsione scommesse Bologna – Spal con SNAI.it: Vittoria Bologna. La prima in casa, di fronte al proprio allenatore con tutto quello che abbiamo già raccontato. Ovvio pensare che la squadra felsinea scenda in campo con una marcia in più. Attenzione però a una Spal per nulla intenzionata ad essere una vittima sacrificale, per di più in un derby emiliano. Ma il favore è tutto per la formazione di casa.

Qui il confronto con altri bookie:

Il confronto con altre quote * scommesse per Bologna – Spal

Quote Bwin.it

Vittoria Bologna: 1,80
Pareggio: 3,40
Vittoria Spal: 4,50

Quote Betclic.it

Vittoria Bologna: 1,90
Pareggio: 3,60
Vittoria Spal: 4,63

 

 

(Quote del 30.08.2019 alle 04.10)

football line

Pronostico Bologna – Parma Quote scommesse Serie A

Bologna – Parma Quote scommesse Serie A*
Bologna 1,83/ pareggio 3,25/ Parma 5,00
Data: 13 maggio 2019 – 19:00 ora italiana
Bookie: Bet365

Scommesse sportive Bologna – Parma

Un derby tra due squadre che sono molto vicine in classifica, soprattutto per la rimonta importante effettuata nell’ultima fase di campionato dalla squadra di casa, che adesso si vuole conquistare la salvezza aritmetica. Uno dei posticipi del lunedì, in questa trentaseiesima e terzultima giornata del campionato di Serie A 2018-2019, è quello in programma allo stadio “Renato Dall’ Ara” alle 19.00 del 13 maggio 2019: Bologna – Parma si preannuncia come partita molto interessante tra una squadra che nelle ultime cinque partite ha fatto dieci punti e una invece che nello stesso periodo ha mostrato di soffrire di “pareggite”. Luca Pairetto di Nichelino è l’arbitro della sfida, Gianluca Rocchi di Firenze è stato designato per il VAR.

I precedenti di Bologna – Parma

La partita di andata, il 22 dicembre 2018, era terminata sullo zero a zero. Il Bologna era ancora quello di Pippo Inzaghi che sembrava difficilmente poter evitare un destino ineluttabile, invece le cose sono andate diversamente con il cambio di allenatore, probabilmente in questo caso una sterzata che ha dato una scossa all’ambiente felsineo. In Serie A le due squadre emiliane si sono affrontate complessivamente 31 volte, con una situazione di estremo equilibrio: 9 vittorie a testa e 13 pareggi, tra cui gli ultimi tre confronti, ed è una gara in cui si segna relativamente poco, in genere l’under è abbastanza frequente. Estremo equilibrio anche per il numero di gol messi a segno: 29 per entrambe.

Considerando le 15 partite giocate nel capoluogo di regione, il Bologna è davanti ma di poco: 6 successi contro i 4 del Parma, mentre i pareggi sono cinque.

La situazione del Bologna prima del derby con il Parma

Sinisa Mihajlovic ci teneva proprio a fare uno scherzetto alla sua ex squadra, ma evidentemente Rino Gattuso non è d’accordo e sta avendo la meglio nei confronti diretti con i vari ex allenatori milanisti (ora è successo anche con la Fiorentina di Montella, battuta a domicilio dai “Rossoneri”). La squadra felsinea è stata sconfitta per 2 a 1 dal Milan, unica notizia positiva il ritorno al gol di Mattia Destro, e quindi ha per un attimo interrotto la sua corsa verso la salvezza, che comunque è destinata a riprendere, vedremo se in questa occasione o nelle rimanenti due gare di campionato. Certo il Bologna è ormai a sole tre lunghezze dalla cosiddetta “quota 40” e salvo sorprese, la questione riguardante il penultimo posto sembra soprattutto un affare che riguarda Empoli, Udinese e forse il Genoa. Tra l’altro, in caso di un passo falso della squadra toscana, le due emiliane potrebbero festeggiare insieme la propria permanenza in A.

Lyanco a rischio, dato che ha lavorato a parte nell’allenamento di sabato. Una possibile assenza che si aggiunge in difesa a quella dello squalificato Dijks (anche Poli e Sansone sono stati fermati dal giudice sportivo, uno squalificato per reparto), mentre Mattiello continua le proprie terapie.

In campo un 4-3-3: tra i pali Skorupski, in difesa Danilo e Calabresi dovrebbero comporre la coppia centrale, laterali Mbaye e Krejci, in mediana Pulgar, Dzemaili e Soriano, davanti Orsolini, Palacio ed Edera, anche se Destro spera in una maglia di titolare.

La situazione del Parma prima della partita con il Bologna

Una striscia di cinque pareggi nelle ultime cinque gare, prima tre sconfitte. Otto gare senza una vittoria hanno portato rapidamente il Parma in un territorio pericoloso, anche se per fortuna della squadra di Roberto D’Aversa c’è chi sta peggio. Il pareggio casalingo per 3 a 3 con la Sampdoria ha dato qualche segnale positivo, ma certo chiudere la stagione con qualche vittoria aiuterebbe ad archiviare meglio questa fase finale della stagione dei “Ducali”.

Segnali positivi per Alberto Grassi e Roberto Inglese, tanto che il secondo potrebbe anche andare in panchina in questa gara. Entrambi sono tornati a lavorare in parte con il gruppo. Come Grassi, non saranno a disposizione Biabiany, Diakité, Gagliolo e Schiappacasse, mentre dovrebbero farcela, pur non essendo al meglio, Gazzola e Rigoni, anche per le squalifiche di Kucka e Barillà.

In campo un 3-5-2 quasi obbligato: in porta Sepe, difesa con Iacoponi, Bruno Alves e Bastoni, esterni Gazzola e Dimarco, Scozzarella in regia, affiancato in mediana da Sprocati e Rigoni, coppia d’attacco composta da Ceravolo e Gervinho.

Probabilità* di scommesse interessanti per Bologna – Parma con Bet365

Vittoria Bologna: 1,83
Pareggio: 3,25
Vittoria Parma: 5,00

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 0,5: 10,00
Over 6,5: 26,00
Asian Handicap -2,5   1: 6,00
Asian Handicap -2, -2,5   1: 5,75
Asian Handicap -2   1: 5,25
Asian Handicap +0,5   2: 5,00
Asian Handicap +0,5, +1   2: 6,60

Previsione scommesse Bologna – Parma con Bet365Vittoria Bologna. Le ultime performance della squadra di Mihajlovic ne fanno la favorita in questo derby che permetterebbe alla squadra felsinea il sorpasso sui “cugini” e l’arrivo a quella quota 40 che è sinonimo di quel traguardo-salvezza che per i “Rossoblu” è già virtualmente acquisito.

Qui il confronto con un altro bookie:

Quote* scommesse per Bologna – Parma con Eurobet

Vittoria Bologna: 1,80
Pareggio: 3,10
Vittoria Parma: 5,75

(Quote del 11.05.2019 alle 22.35)

football line

Pronostico Milan – Bologna Quote scommesse Serie A

Milan – Bologna Quote scommesse Serie A*
Milan 1,60/ pareggio 3,80/ Bologna 6,00
Data: 6 maggio 2019 – 20:30 ora italiana
Bookie: Bet365

Scommesse sportive Milan – Bologna

Una partita di quelle che decidono una stagione: il Milan contro il Bologna, Gattuso contro Mihajlovic, ex con tanta voglia di rivalsa. Una squadra che deve ritrovarsi in fretta se vuole riprendersi il quarto posto che ormai rischia di sfuggire definitivamente contro una che si sta conquistando la salvezza. È questo il posticipo che alle 20.30 di lunedì 6 maggio 2019, in un “Monday Night” molto atteso, chiuderà allo stadio “Giuseppe Meazza” la quartultima giornata del campionato di Serie A 2018-2019, trentacinquesima da calendario, sedicesima di ritorno. Arbitro il brindisino Marco Di Bello, per il VAR Paolo Valeri della sezione Roma 2.

 

I precedenti di Milan – Bologna

L’andata era terminata senza reti il 18 dicembre 2018 al “Renato Dall’ Ara”. Il Milan domina i confronti diretti, sia nel totale che per quanto riguarda ovviamente le gare disputate in casa. In A le due squadre si sono affrontate 141 volte, e i “Diavoli” hanno vinto in 65 occasioni contro le 38 del Bologna, tante quanti i pareggi. Fa impressione anche il numero dei gol; 219 per il Milan, 156 per i felsinei. Dati che ovviamente vengono ulteriormente amplificati se ci fermiamo a San Siro. Qui i successi interni sono stati 40 su 70 incontri, solo 13 le vittorie degli ospiti, 17 i pareggi. E quanto alle reti segnate, il Milan è a tre cifre con 126, il Bologna a due con poco meno della metà: 59.

La situazione del Milan prima della partita con il Bologna

Con un Gattuso cui sono stati dati già, nella versione calcistica ampliata, gli “otto giorni”, visto che in settimana altro non si è fatto che parlare del possibile successore nella prossima stagione, difficile che lo spogliatoio non senta aria di smobilitazione, a prescindere dalle multe per ritardo o dai ritiri punitivi, che in questo caso probabilmente rischiano di non fare bene a una squadra che sa che nella prossima stagione non sarà la stessa.

La cosa peggiore che può succedere a un allenatore, e naturalmente a uno spogliatoio, è quella delle voci e degli spifferi dall’esterno sui possibili successori. Rino Gattuso, per quanti difetti possa avere, e ha avuto il pregio di tenere unita la squadra in un momento difficile, non meritava questa sorte, ed è difficile che un suo successore, chiunque sia, da Gasperini a Di Francesco al “sogno” Conte non metta le cose in chiaro dall’inizio per evitare spifferi e correnti su eventuali malcontenti. Il tecnico ha certamente le sue colpe, le riconosce, inoltre alcuni giocatori non hanno reso quanto dovuto, qualcuno è stato particolarmente sfortunato durante la stagione, come Caldara – lui sì, ora definitivamente out per infortunio, potrebbe sperare nell’avvento di Gasperini che lo conosce bene – ma più si mette in discussione un tecnico magari attraverso cose non dette ma che filtrano, più la squadra rischia di sfilacciarsi e di sentirsi un po’ come negli ultimi giorni di scuola prima delle vacanze estive.

Si voleva e si vuole questo, al Milan che ancora spera di risalire dal settimo al quarto posto che in fondo dista solo tre punti? O ci vorrebbe la giusta serenità e qualche attestato di sostegno al tecnico invece del silenzio totale, a parte la conferma fino al termine della stagione? Gattuso vuole chiudere bene, certamente, questa sua esperienza, e magari poi aprirne un’altra per esempio all’estero, con quello spirito di rivalsa e quella grinta da guerriero che magari non sarà un grande tattico (anche se nel periodo positivo, dopo l’arrivo di Piatek, tutti ne tessevano le lodi e salivano sul suo carro) ma lo spirito di gruppo lo sa creare, se qualcuno non disturba questa intenzione. A quel punto, anche per un Milan guidato da un tecnico vincente, ritrovarselo di fronte da avversario magari in una coppa europea potrebbe non essere gradevolissimo. Un po’ come potrebbe succedere in questa gara, contro una squadra decisamente inferiore, ma guidata da un allenatore che il dentino avvelenato con i suoi ex è del tutto legittimato ad averlo. Anche se si trattava di un’altra gestione.

Dopo la sconfitta in casa del Torino (2-0), l’allarme rosso è scattato. Quasi certamente ci saranno cambiamenti nel modulo e nella formazione: basterà? Lo sapremo dopo la gara. Si può ipotizzare un 4-3-1-2 con Donnarumma tra i pali, difesa con Abate, Musacchio, Zapata e Rodriguez, centrocampo con Kessie e Calhanoglu ai lati di Bakayoko (o di Biglia date anche le ultime vicende), Paquetà schierato trequartista alle spalle di Piatek e Cutrone finalmente insieme. Ma potrebbe invece essere 4-3-3 con Paquetà a centrocampo, Piatek unica punta e ai suoi lati Suso e Calhanoglu.

La situazione del Bologna prima della partita con il Milan

Al Bologna manca pochissimo per la salvezza aritmetica, di fatto ormai virtualmente la permanenza in A la squadra di Mihajlovic l’ha conquistata, ma il desiderio di fare punti c’è, sia per mettere qualche ulteriore mattoncino, sia perché l’allenatore qualcosina da far scontare alla sua vecchia società ce l’ha, anche se come detto la proprietà era diversa.

Quattro partite sempre a punti e due vittorie consecutive nelle ultime due gare, 6 gol segnati: 3 con la Sampdoria, altrettanti con l’Empoli, una sola rete subita proprio contro i toscani.

In campo dovrebbe andare un 4-3-3: Skorupski il portiere, Lyanco e Danilo i difensori centrali, sulle fasce Calabresi e Dijks, Pulgar in cabina di regia, in mediana con Poli e Dzemaili, davanti Orsolini, Palacio e Sansone.

Probabilità* di scommesse interessanti per Milan – Bologna con Bet365

Vittoria Milan: 1,60
Pareggio: 3,80
Vittoria Bologna: 6,00

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Under 0,5: 10,00
Over 6,5: 26,00
Asian Handicap – 2,5  1: 5,50
Asian Handicap -2, – 2,5  1: 5,00
Asian Handicap +0,5  2: 5,25
Primo Tempo/Finale 1/2: 41,00
Primo Tempo/Finale 2/1: 21,00

Previsione scommesse Milan – Bologna con Bet365Vittoria Milan. I bookmaker ritengono che la squadra rossonera, nonostante il periodo negativo, il ritiro punitivo, le voci sui possibili nuovi allenatori, possa avere ragione degli ospiti anche se allenati da un ex. Il margine tra la vittoria interna e quella esterna ci sembra un po’ troppo ampio, ma evidentemente la valutazione è questa.

Qui il confronto con un altro bookie:

Quote* scommesse per Milan – Bologna con SNAI

Vittoria Milan: 1,63
Pareggio: 3,80
Vittoria Bologna: 5,75

(Quote del 04.05.2019 alle 23.15)

football line

Pronostico Bologna – Empoli Quote scommesse Serie A

Bologna – Empoli Quote scommesse Serie A*
Bologna 1,80/ pareggio 3,60/ Empoli 4,33
Data: 27 aprile 2019 – 15:00 ora italiana
Bookie: Bet365

Scommesse sportive Bologna – Empoli

Ben tre partite in programma nel sabato della quindicesima giornata di ritorno del campionato di calcio di Serie A 2018-2019, vale a dire la trentaquattresima. Ad aprire il programma è uno scontro-salvezza decisamente molto interessante. Allo stadio “Renato Dall’Ara”, alle 15.00 del 27 aprile 2019 si gioca Bologna – Empoli, tra una squadra vicina a conquistare la sua salvezza, o almeno a metterla maggiormente in sicurezza, e una che è alle sue ultime chance per evitare la retrocessione.

I precedenti di Bologna – Empoli

L’Empoli aveva vinto la gara di andata per 2 a 1 il 9 dicembre 2018. Complessivamente, tra A, B, C e Coppa Italia, le due squadre si sono affrontate 21 volte con 6 vittorie empolesi, 5 emiliane e 10 pareggi. A Bologna la situazione si inverte con quattro successi casalinghi, altrettanti pareggi e due successi toscani. Nella massima serie ci sono stati 13 confronti diretti, quattro dei quali appannaggio dell’ Empoli, tre dei “Rossoblu”, sei i pareggi.

 

La situazione del Bologna prima della partita con l’ Empoli

Il 3 a 0 con il quale la squadra di Sinisa Mihajlovic ha schiantato la Sampdoria ha aumentato le quotazioni del Bologna in prospettiva salvezza. Una vittoria con l’Empoli potrebbe diventare il passaggio decisivo considerando che dopo questa gara ne mancheranno quattro al termine e anche se in teoria è ancora tutto possibile, in pratica significherebbe conquistarsi la permanenza in A e condannare quasi sicuramente gli avversari a tenere la terzultima posizione fino al termine del campionato.

L’avvento del tecnico serbo si è dimostrato decisivo nella svolta impressa alla squadra, dopo i troppi problemi e passi falsi verificatisi con la gestione di Pippo Inzaghi. Tanto che la società adesso vorrebbe confermare Mihajlovic anche per la prossima stagione, anche se qualche “grande” sta pensando a lui. Ma c’è da dire che finora è stato con le squadre cosiddette “provinciali” che ha dato il suo meglio, e Bologna sembra proprio l’ambiente ideale per continuare questo cammino.

In campo dovrebbe andare la formazione titolarissima: un 4-2-3-1 con Skorupski in porta, Lyanco e Danilo centrali difensivi, sulla corsia destra Calabresi favorito su Dijks, mentre Mbaye sarà a sinistra, in mediana Dzemaili e Pulgar, esterni alti Orsolini e Sansone, Soriano alle spalle dell’unica punta Palacio.

 

La situazione dell’ Empoli prima della partita con il Bologna

Situazione sempre più difficile per la squadra toscana, terzultima, senza vittorie ormai da tre turni dopo il colpacico con il Napoli, e che nell’ultima partita, un altro scontro-salvezza, ha praticamente blindato quella della Spal che lo ha sconfitto al “Castellani” con un eloquente 4 a 2.

Questa potrebbe essere davvero l’ultima spiaggia per la squadra di Aurelio Andreazzoli, che ha 29 punti, mentre l’ Udinese, quartultima, ne ha 33 e il Bologna 34 come il Genoa. Vincendo andrebbe a due punti da queste due squadre, o almeno dai felsinei considerando che comunque la squadra di Prandelli è impegnata proprio a Ferrara con la Spal e non è trasferta agevolissima. Quindi, se non vince a Bologna, per la squadra toscana potrebbe davvero mettersi molto male. Altrimenti, tutto rimarrebbe apertissimo.

Indisponibili gli infortunati La Gumina, Polvani e Silvestre, ma anche Farias non è in buone condizioni, come Antonelli e Pajac. In campo con un 3-5-2: Dragowski tra i pali, in difesa Veseli, Maietta e Dell’Orco, estenri Di Lorenzo e Pasqual, Bennacer il regista, le mezzeali Krunic e Traoré. Sicuro in attacco Caputo, al suo fianco dovrebbe andare Oberlin.

Probabilità* di scommesse interessanti per Bologna – Empoli con Bet365

Vittoria Bologna: 1,80
Pareggio: 3,60
Vittoria Empoli: 4,33

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio

Under 0,5: 12,00
Over 6,5: 23,00
Over 4,5 Secondo Tempo: 26,00
Asian Handicap -2,5  1: 6,25
Asian Handicap -2, -2,5  1: 5,90
Asian Handicap -2  1: 5,50
Asian Handicap +0,5, +1  2: 5,75
Primo Tempo/Finale 1/2: 41,00
Primo Tempo/Finale 2/1: 21,00

 
Previsione scommesse Bologna – Empoli con Bet365Vittoria Bologna. Ovviamente favorita la squadra emiliana che sta attraversando un momento di forma importante e che vincendo questo scontro diretto si avvicinerebbe ancora di più a una meritata salvezza.

Qui il confronto con un altro bookie:

Quote* scommesse per Bologna – Empoli con Unibet

Vittoria Bologna: 1,80
Pareggio: 3,75
Vittoria Empoli: 4,30

(Quote del 27.04.2019 alle 22.45)

football line

Pronostico Fiorentina – Bologna Quote scommesse Serie A

Fiorentina – Bologna Quote scommesse Serie A*
Fiorentina 1,85/ pareggio 3,50/ Bologna 4,50
Data: 14 aprile 2019 – 15:00 ora italiana
Bookie: Bet365

Scommesse sportive Fiorentina – Bologna

È il cosiddetto “derby dell’ Appennino”, ma aggiunge significati di classifica e non soltanto la sfida in programma allo stadio “Artemio Franchi” di Firenze alle 15.00 di domenica 14 aprile 2018, per la trentaduesima giornata del campionato di calcio di Serie A 2018-2019, la tredicesima di ritorno. Vi presentiamo quote e pronostico di Fiorentina – Bologna, che sarà arbitrata da Piero Giacomelli di Trieste, con al VAR Maurizio Mariani di Aprilia..

I precedenti di Fiorentina – Bologna

Cominciamo a dire che due diversi allenatori sedevano sulle rispettive panchine il 25 novembre 2018, quando si disputò la partita di andata al “Dall’Ara”, terminata senza reti, vale a dire Pippo Inzaghi per gli emiliani e Stefano Pioli per gli ospiti. Questa partita è indubbiamente una classica del campionato italiano. La superiorità della Fiorentina è schiacciante, specie negli ultimi tempi e non solo tra le mura amiche. Basterà dire che la squadra toscana ha vinto gli ultimi sei scontri diretti al “Franchi” subendo in tutto una sola rete, mentre non perde in assoluto il confronto diretto dal 26 febbraio 2013.

Ma ecco i numeri di questo match così importante per la nostra Serie A: finora la sfida nel massimo campionato c’è stata 133 volte, e i “Viola” l’hanno fatta propria 53 volte, rispetto alle 38 del Bologna, con 42 pareggi. Una supremazia ancora più schiacciante in casa: 66 partite giocate, 37 delle quali vinte dalla Fiorentina, contro le 13 dei felsinei, mentre 16 volte è finita in parità.

La situazione della Fiorentina prima della partita con il Bologna

Certo la dirigenza non si aspettava di arrivare così a questa partita, dopo una settimana difficile, culminata con le polemiche dimissioni dell’allenatore Stefano Pioli, che non ha digerito il comunicato della società dopo la sconfitta interna con il Frosinone (0-1), in un periodo nel quale la squadra ormai non vince una gara da sette turni, ossia dal 17 febbraio 2019, quando batté la Spal a Ferrara. Da allora, quattro punti in tutto.

Ma dicevamo del comunicato, nel quale Pioli ha letto un riferimento alla sua professionalità che non ha gradito e che ha voluto sottolineare commentando le proprie dimissioni. C’è stata una replica altrettanto dura della società, che però non può negare come gli addii dei propri tecnici siano stati sempre abbastanza burrascosi negli ultimi anni. Non va oltretutto dimenticato come Pioli seppe gestire un momento difficilissimo come quello della morte improvvisa del capitano Davide Astori.  Anche per questi “finali burrascosi”, e in generale per criticare la gestione, il tifo organizzato ha annunciato che diserterà la curva nel primo tempo della prossima partita.

Anche Vincenzo Montella si era lasciato male con la dirgenza viola, ma poi ebbe modo di chiarire tutto con i Della Valle, e adesso rieccolo in sella, dopo una serie di rovesci professionali in Italia e Spagna, alla ricerca di un riscatto personale e di un rilancio con la Fiorentina. Che non passerà per stravolgimenti del lavoro fatto dal suo predecessore, che tra l’altro l’ex “Aeroplanino” stima molto, ma per un lavoro principalmente psicologico, legato alle motivazioni.

Un cambio potrebbe effettivamente essere un modo per cercare di dare una sterzata ad una piega che probabilmente Pioli non poteva più gestire, dato che il non vincere spesso porta i giocatori a una spirale negativa che solo qualcosa dall’esterno può tentare di mutare. Tentare, appunto, perché anche l’Europa League a questo punto rischia di essere ormai un miraggio, essendo la Fiorentina decima a 39 punti e la sesta, ossia la Roma, è lontana, a quota 51.

Non va dimenticato che c’è in ballo comunque un obiettivo stagionale, legato alla Coppa Italia, in attesa della gara di ritorno a Bergamo contro l’Atalanta, dopo che l’andata era terminata sul 3 a 3. Difficile un’impresa contro la squadra che ha eliminato la Juventus, ma non va dimenticato come i “Viola” sono arrivati in semifinale, ossia schiantando la Roma con un 7-1 che in entrambe le città probabilmente si ricorderà a lungo.

Almeno all’inizio, Montella dovrebbe confermare il 4-3-3, dando più spazio a Simeone, ma non si esclude che più in là possa anche puntare su un 3-5-2. Ora però non è il momento di cambiamenti. E allora è facile che davanti al portiere Lafont, Pezzella e Vitor Hugo siano i difensori centrali, Milenkovic e Biraghi sulle fasce, Veretout in cabina di regia con Benassi e Gerson mezzeali, tridente con Chiesa, Simeone e Muriel.

La situazione del Bologna prima della partita con la Fiorentina

Ritorna un ex come Sinisa Mihajlovic, impegnato nella missione di salvare il Bologna che ha ripreso a vincere dopo la parentesi negativa di Bergamo. Nel turno precedente ha sconfitto per 3 a 0 il fanalino di coda Chievo Verona, e adesso la squadra emiliana è quartultima con 30 punti, due in più dell’ Empoli in una battaglia che rimane difficile. Oltretutto, il ritorno di Montella a Firenze scompagina un po’ le carte, come sempre avviene con un cambio di allenatore, che per esempio proprio a Bologna ha avuto effetti benefici.

Contro la Fiorentina, dovrebbe essere confermato il 4-2-3-1 con Skorupski in porta, Lyanco e Danilo al centro della difesa, sulle fasce Mbaye e Dijks, in mediana Poli e Pulgar, Orsolini e Sansone esterni alti, Soriano alle spalle del terminale offensivo che sarà Palacio.

Probabilità* di scommesse interessanti per Fiorentina – Bologna con Bet365

Vittoria Fiorentina: 1,85
Pareggio: 3,50
Vittoria Bologna: 4,50

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio

Under 0,5: 10,00
Over 6,5: 26,00
Over 3,5 Primo Tempo: 21,00
Asian Handicap -2, -2,5  1: 6,80
Asian Handicap -2  1: 6,40
Asian Handicap +0,5, +1  2: 5,25
Primo Tempo/Finale 1/2: 41,00
Primo Tempo/Finale 2/1: 23,00
Previsione scommesse Fiorentina – Bologna con Bet365Vittoria Fiorentina. Fattore campo e “scossoni” per il cambio di allenatore spingono il pronostico verso la squadra di casa, insieme con gli ultimi precedenti di questa sfida.

 

Qui il confronto con un altro bookie:

Quote* scommesse per Fiorentina – Bologna con Unibet

Vittoria Fiorentina: 1,85
Pareggio: 3,50
Vittoria Bologna: 4,50

(Quote del 12.04.2019 alle 18.55)

football line

Pronostico Bologna – Chievo Verona Quote scommesse Serie A

Bologna – Chievo Verona Quote scommesse Serie A*
Bologna 1,50/ pareggio 4,00/ Chievo Verona 7,00
Data: 8 aprile 2019 – 20:30 ora italiana
Bookie: Bet365

Scommesse sportive Bologna – Chievo Verona

Uno scontro diretto in zona retrocessione chiuderà la trentunesima giornata del campionato di calcio di Serie A 2018-2019, la dodicesima di ritorno. Si tratta di Bologna – Chievo Verona, in programma allo stadio “Renato Dall’Ara” alle 20.30 di lunedì 8 aprile 2019. La partita, di cui vi presentiamo quote e pronostico, sarà arbitrata da Luca Pairetto di Nichelino, mentre per il VAR ci sarà Maurizio Mariani di Aprilia.

I precedenti di Bologna – Chievo Verona

Nella gara di andata la squadra veneta tenne in scacco al “Bentegodi” quella allora allenata da Pippo Inzaghi. Era l’11 dicembre 2018 e finì 2 a 2, alla guida dei clivensi in quel periodo c’era Gian Piero Ventura, che poi si è dimesso e del quale non sembra la dirigenza o la squadra parli volentieri, anche se l’ex allenatore della Nazionale, più volte ha parlato positivamente di questa sua breve parentesi.

Sono in tutto 27 i precedenti tra le due formazioni in Serie A: otto le vittorie dei felsinei, ma nove quelle dei “Gialloblu”, che nell’ultimo confronto a Bologna, il 13 maggio 2018, hanno espugnato il “Dall’Ara” vincendo 2 a 1. Dieci i pareggi. Considerando solo i 13 confronti diretti disputati in Emilia, sono davanti i padroni di casa con 6 vittorie, il doppio di quelle clivensi. Parità in quattro occasioni.

La situazione del Bologna prima della partita con il Chievo Verona

La prospettiva delle due squadre è profondamente diversa, dato che tra il Bologna terzultimo e il Chievo ultimo ci sono ben sedici punti di distacco. Uno solo invece con l’Empoli che precede gli emiliani, due con l’Udinese, quattro con la Spal: insomma, il Bologna è in piena lotta per la salvezza, e vuole giocarsi ovviamente tutte le sue carte, dopo la pesante sconfitta di Bergamo (4 a 1 per l’Atalanta).

Una battuta d’arresto che ha interrotto una striscia di tre vittorie consecutive che hanno contribuito a ridare speranza ad un Bologna aiutato in questo dalla classifica corta. Il rischio è avere di fronte, come in questo caso, una formazione che di fatto non ha niente da perdere: le manca poco alla retrocessione aritmetica, e quindi tenterà il tutto per tutto per rinviare questo verdetto.

Mihajlovic dovrebbe tornare alla formazione tipo: un 4-3-3 con Skorupski tra i pali, Danilo e Lyanco coppia centrale difensiva, sulle fasce Mbaye e Dijks, Poli e Soriano le mezzeali, con Pulgar (o Dzemaili) in cabina di regia, davanti Orsolini con Sansone e Palacio, mentre Destro dovrebbe partire dalla panchina.

La situazione del Chievo Verona prima della partita con il Bologna

Una data: 29 dicembre 2018. È il giorno in cui i clivensi hanno conquistato l’unica vittoria in questo campionato, guarda caso proprio contro l’altra squadra compromessa nella zona retrocessione, ossia il Frosinone. Una sola vittoria, 18 sconfitte e 11 pareggi. Peggiori attacco e difesa del campionato, dicono impietosi i numeri, con 21 gol fatti e 61 subiti, gli ultimi quattro sul campo del Sassuolo che ha appunto vinto 4 a 0.

Una stagione nata storta, senza dubbio, con tre allenatori cambiati e l’ultimo, Mimmo Di Carlo, che ha tentato il tutto per tutto, ma non c’è stato verso, anche per l’infortunio del “totem” Sergio Pellissier, che ora è tornato a disposizione e non si esclude che possa partire titolare. L’ipotesi è che eventualmente a lasciargli il posto possa essere Stepinski, dato che rientra Meggiorini, così come Depaoli in difesa dopo la squalifica. Quindi, 4-3-1-2 con Sorrentino tra i pali, difensori cnetrali Andreolli e Bani, laterali Depaoli e Barba, in mediana Hetemaj, Diousse e Rigoni, il trequartista Giaccherini, mentre abbiamo detto delle diverse ipotesi sulla coppia d’attacco.

 

Probabilità* di scommesse interessanti per Bologna – Chievo Verona con Bet365

Vittoria Bologna: 1,50
Pareggio: 4,00
Vittoria Chievo Verona: 7,00

Ci sono anche altre scommesse interessanti per la partita. Ad esempio:

Casa/Fuori 2: 5,00
Under 0,5: 8,50
Over 5,5: 17,00
Over 3,5 Primo Tempo: 26,00
Asian Handicap -2,5, -3  1: 6,60
Asian Handicap 0, +0,5  2: 5,75
Asian Handicap +0,5  2: 6,25
Primo Tempo/Finale 1/2: 51,00
Primo Tempo/Finale 2/1: 23,00

Previsione scommesse Bologna – Chievo Verona con Bet365Vittoria Bologna. Favorita la squadra di casa, che deve giocarsi tutte le possibilità per salvarsi. In teoria il Chievo avrebbe ancora qualche remota opportunità, ma come abbiamo spiegato, delle ultime tre solo la squadra felsinea ha realmente la concreta possibilità di uscire dalla zona retrocessione. E con un allenatore come Mihajlovic, c’è da scommettere che tenterà il tutto per tutto per vincere questo scontro diretto.

Qui il confronto con un altro bookie:

Quote* scommesse per Bologna – Chievo Verona con Bwin

Vittoria Bologna: 1,50
Pareggio: 4,00
Vittoria Chievo Verona: 7,25

(Quote del 06.04.2019 alle 22.15)

football line
i-bookmakers.it valuta e confronta con costante aggiornamento tutti gli importanti bookmakers autorizzati in Italia.   18+   AAMS
Bookmakers | Bookmaker online | Scommesse sportive | Scommesse calcistiche | Scommesse live | Siti di scommesse | Scommesse Online | Bookmaker
Vi raccomandiamo di scommettere con responsabilità.