Logo di i-bookmakers .it
Notizie di Scommesse

Belgio

In questa pagina trovate articoli riguardanti Belgio.
football line

Analisi Belgio – Inghilterra Quote scommesse Mondiali 2018

Data: 14/07/2018 – ore 16,00
Bookie: Bet365

Belgio e Inghilterra (2,30 – 3,75 – 3,10) non avrebbero mai voluto giocare questa partita, che è sempre la più triste del torneo, quella che stabilisce il terzo e il quarto posto dei Mondiali di Russia e che comunque non può lenire, per bene che vada, la delusione di una eliminazione a un passo dal traguardo. Entrambe hanno lottato e ci hanno creduto. Hanno creduto al miracolo soprattutto dopo che le grandi del Mondo hanno lasciato campo libero. Ma bisogna provare ad accontentarsi. Per i belgi si tratterebbe del migliore risultato della sua storia (13,00 la quota in caso di vittoria ai calci di rigore) , dopo il quarto posto conquistato nel 1986. E sarebbe anche il risultato migliore in esterna per l’Inghilterra, che a parte il Mondiale vinto in casa nel 1966 non è mai più riuscita ad andare oltre il quarto posto.
Ma le motivazioni vanno trovate, non fosse altro che per stabilire il capocannoniere del Mondiale 2018. L’inglese Kane (1,05) ha segnato finora 6 gol ed è in netto vantaggio su Lukaku (17,00) , che ne ha segnati 4 e potrebbe raggiungerlo in caso di doppietta.
Martinez riavrà a disposizione dopo un turno di squalifica Meunier, la cui assenza contro la Francia è stata rilevante. Col ritorno dell’esterno destro è quasi sicuro il modulo 3-4-2-1, in cui davanti al portiere Courtois ci saranno Alderweireld, Kompany e Vertonghen come centrali. L’esterno di sinistra dovrebbe essere Carrasco, con De Bruyne e Witsel schierati da interni, Fellaini in un ruolo più avanzato e Hazard sulla trequarti in appoggio a Lukaku.
Dall’altra parte Gareth Southgate dovrà rinunciare per infortunio a uno dei migliori calciatori di questo Mondiale, l’esterno destro Trippier. Al suo posto dovrebbe giocare Walker, che verrà spostato in un ruolo a lui più congeniale. Un altro cambio potrebbe esserci sull’altra fascia, dove Rose potrebbe fare riposare Ashley Young. Difficile vedere dei cambi a centrocampo, dove i titolari dovrebbero essere ancora una volta Henderson, Lingard e Dele Alli (12,00 se sarà il primo marcatore del match) . In attacco Sterling, sostituito forse con troppa fretta contro la Croazia, giocherà al fianco di Harry Kane, deciso a conquistare il titolo di capocannoniere del Mondiale.
Il Belgio, non ha mai finito una partita delle fasi a eliminazione diretta dei Mondiali senza subire gol (30 subiti in 14 partite), è la squadra che ha segnato finora più gol in Russia: 14, due in più di Inghilterra e Croazia. Pur non vincendo il Mondiale, potrebbe ottenere questo primato che rende bene l’idea della forza dell’attacco belga (non tanto nella manovra, quanto nella forza dei singoli).

football line

Pronostico Belgio – Inghilterra Quote Scommesse Mondiali 2018

Pronostici Scommesse Mondiali 2018

Partita: Belgio – Inghilterra Mondiali 2018
Data: 14/07/2018 – ore 16.00
Pronostico di scommesse: Belgio
* Quota:2,30 (del 11/07/2018 alle ore 23:44)
Bookie: Bet365

Sabato 14 luglio alle ore 16.00 ora italiana andrà in scena la finale per il terzo posto ai Mondiali 2018 fra il Belgio e l’Inghilterra. A San Pietroburgo si troveranno di fronte la terza e la dodicesima nel ranking FIFA pubblicato il 7 giugno scorso. Indipendentemente dal risultato di questo incontro i “Diavoli rossi” e i “Three Lions” hanno già raggiunto traguardi storici perché le due selezioni non avevano avuto possibilità di andare a medaglie in rassegne iridate rispettivamente dall’edizione del 1986 in Messico e del 1990 in Italia. Per la cronaca queste due finali per il terzo posto erano terminate con sconfitte per il Belgio contro la Francia e per l’Inghilterra contro gli “Azzurri” allora padroni di casa.

Si tratterà della seconda sfida fra il Belgio e l’Inghilterra ai Mondiali 2018 in Russia dopo quello del 28 giugno nella terza giornata del gruppo G. I “Diavoli rossi” da un lato avevano vinto per 1-0, ma dall’altro questo esito non era stato molto significativo perché i “Tre leoni” evidentemente avevano preferito il secondo posto nel proprio gruppo. La Nazionale belga aveva terminato la fase a gironi con il punteggio pieno di nove punti e con tre lunghezze in più rispetto a quella inglese. A ogni modo i “Diables Rouges” avevano inflitto ai “Three Lions” la seconda sconfitta nei 22 precedenti contro gli Inglesi dopo un 3-2 in una gara amichevole del maggio 1936 e dunque di ben 82 anni fa. Gli altri 19 incontri finora disputati fra il Belgio e l’Inghilterra si sono conclusi con 15 successi dei “Tre Leoni” e con quattro pareggi.

Per il Belgio lo 0-1 subìto il 10 luglio nella prima semifinale ai Mondiali 2018 contro la Francia è allo stesso tempo la prima sconfitta dal settembre 2016, oltre che dopo 24 gare imbattute con 19 successi e con cinque pareggi. Inoltre i “Diables Rouges” guidati dallo spagnolo Roberto Martínez si erano imposti in tutte le sue cinque precedenti partite valevoli per la rassegna iridata in Russia. La Nazionale belga, che prima dell’1-0 contro l’Inghilterra nella terza giornata del gruppo G si era imposta il 18 giugno per 3-0 contro la “Cenerentola” Panama e il 23 giugno per 5-2 contro la Tunisia, nel suo ottavo di finale del 2 luglio aveva ribaltato negli ultimi circa 20 minuti un vantaggio per 2-0 del Giappone e aveva sconfitto i sorprendenti “Samurai Blue” per 3-2. Il 6 luglio un’autorete di Fernandinho al 13° minuto e un gol di De Bruyne Campione d’Inghilterra con il Manchester City (31°) avevano permesso al Belgio di passare in vantaggio per 2-0 contro il Brasile favorito numero uno per il titolo prima di questo quarto di finale e al quale era rimasto soltanto il gol della bandiera di Renato Augusto al 76° minuto.

Martínez, che recupera il centrocampista destro Meunier Campione di Francia con il Paris Saint-Germain dopo una squalifica nella semifinale persa contro i “Bleus”, dovrebbe proporre un 3-4-3 con il tridente offensivo formato da De Bruyne, oltre che dai “tedeschi” Batshuayi del Borussia Dortmund e Thorgan Hazard del Borussia Mönchengladbach. Meunier, Fellaini del Manchester United, l’attuale “cinese” Witsel del Tianjin Quanjian e Chadli retrocesso dalla Premier League inglese con il West Bromwich Albion dovrebbero comporre il centrocampo. La retroguardia belga per questa gara dovrebbe essere formata per tre quarti da giocatori che hanno militato nella Premier League inglese 2017/2018: oltre al portiere Courtois del Chelsea dovrebbero giocare dal primo minuto anche Alderweireld del Tottenham Hotspur e Kompany del Manchester City. L’unica eccezione dovrebbe essere rappresentata dal terzino sinistro Boyata Campione di Scozia con il Celtic Glasgow.

Prima dell’1-2 in rimonta subìto nella semifinale contro la Croazia dell’11 luglio, lo 0-1 contro incassato il Belgio nell’ultima giornata del gruppo G l’unica sconfitta degli Inglesi in 15 uscite. Nelle altre gare disputate dopo un 2-3 incassato il 13 giugno 2017 in un’amichevole disputata in Francia, l’Inghilterra aveva raccolto undici vittorie – di cui un 4-3 nei calci di rigori contro la Colombia nell’ottavo della finale del 3 luglio – e tre pareggi. Gli uomini guidati da Gareth Southgate nelle loro prime due partite valevoli per il gruppo G dei Mondiali 2018 si erano imposti il 18 giugno per 2-1 contro la Tunisia e il 24 giugno per 6-1 contro il Panama debuttante in una rassegna iridata. Il quarto di finale contro la Svezia del 7 luglio, che era terminato sul punteggio di 2-0, era stata la prima gara dei “Tre leoni” in questa rassegna iridata senza subire reti. Nella semifinale contro i “Focosi”, Trippier del Manchester City avevano portato in vantaggio l’Inghilterra al quinto minuto e per molto tempo la squadra di Southgate aveva controllato l’incontro. Al 68° minuto era arrivato il pareggio dell’interista Perisic, mentre lo juventino Mandzukic ha messo a segno nei tempi supplementari il gol della vittoria croata (109°).

Southgate, la cui rosa per i Mondiali 2018 è formato solo da giocatori che hanno giocato nella Premier League inglese 2017/2018, deve valutare le condizioni di Trippier uscito malconcio dalla gara persa contro la Croazia. Il tecnico dell’Inghilterra dovrebbe passare dal 3-5-2 al 3-4-2-1 e rivoluzionare allo stesso tempo gli undici titolari. L’unica punta Vardy del Leicester dovrebbe essere supportata da Dele Alli del Tottenham Hotspur e da Lingard del Manchester United. La mediana dovrebbe essere composta da Alexander-Arnold del Liverpool, da Dier del Tottenham Hotspur, da Loftus-Cheek del Crystal Palace e da Rose del Tottenham Hotspur. La difesa a tre davanti a Butland dello Stoke City dovrebbe essere formata da Jones del Manchester United, da Cahill del Chelsea e da Maguire del Leicester City.

Belgio – Inghilterra Pronostico *

Pronostico Belgio – Inghilterra: Complici anche le 24 ore a disposizione in più dopo la propria semifinale, gli uomini di Martínez partono favoriti per la finale per il terzo posto ai Mondiali 2018 contro la squadra di Southgate.

Belgio – Inghilterra Mondiali 2018 Quote Scommesse
* Quote di scommesse da Bet365
Belgio 2,30 / Pareggio 3,60 / Inghilterra 3,00
(Quote scommesse del 11/07/2018 alle ore 23:44)

football line

Analisi Francia – Belgio Quote scommesse Mondiali 2018


Data: 10/07/2018 – ore 20,00
Bookie: Bet365

E’ una grande classica ma nessuno, o pochi, si aspettava di vederle scendere in campo in una semifinale di questi Mondiali di Russia. E’ il momento di Francia – Belgio (2,55 – 3,25 – 3,10). Se sulla Francia hanno scommesso infatti in molti, sul Belgio in pochi avrebbero speso un solo Euro ipotizzando un cammino così brillante. E invece sotto i suoi colpi è caduto addirittura il Brasile. Questo confronto è sicuramente il più atteso di sempre tra gli incroci delle due nazionali. I galletti e i diavoli rossi sono pronti a sfidarsi a San Pietroburgo ed in palio c’è un posto per la finale. Per i transalpini è la sesta semifinale della storia e, ovviamente, quella che Les Bleus (11,00 la vittoria ai tempi supplementari) ricordano più volentieri è quella del mondiale casalingo del 1998 che portò alla Francia il primo e finora unico titolo di Campione del Mondo. Il bilancio complessivo è di 2 vittorie (contro la Croazia nel 1998 e contro il Portogallo nel 2006) e tre sconfitte (contro il Brasile nel 1958 e contro la Germania Ovest nel 1982 e 1986).
Il Belgio (11,00 la vittoria dopo i calci di rigore) è alla seconda semifinale della sua storia: in occasione della prima nel 1986 venne sconfitto dall’Argentina.

Francia e Belgio si sono affrontate due volte alla fase finale di un campionato del mondo. La prima risale al lontano 1938, sfida ad eliminazione diretta del primo turno vinta 3-1 dai transalpini. Il secondo precedente iridato è la finale per il terzo posto del 1986 in cui la Francia vinse 4-2 dopo i tempi supplementari. Ci sono inoltre quattro sfide valide per le qualificazioni ai Mondiali (1958 e 1982 le edizioni iridate) con due vittorie francesi, una del Belgio ed un pareggio.

Nel 1984 le due nazionali si sfidarono nella fase a gironi del Campionato Europeo, la Francia vinse 5-0 con Michel Platini mattatore assoluto, autore di una tripletta. Relativamente alle qualificazioni europee, il bilancio sorride al Belgio che in quattro sfide (valide per gli Europei del 1968 e 1976) ha vinto due volte, più due pareggi. Contando anche le amichevoli, la prima disputata nel 1904, il bilancio complessivo è favorevole ai belgi: i match sono stati 73 con 30 successi dei diavoli rossi, 24 dei francesi e 19 pareggi.

Deschamps e Martinez non dovrebbero cambiare di molto le formazioni che hanno sconfitto Uruguay e Brasile nei quarti di finale. Tra le file francesi tornerà Matuidi, assente per squalifica nella partita contro gli uruguaiani . Il modulo dovrebbe essere il canonico 4-3-3 con Lloris in porta (3,25 se verrà premiato come miglior portiere del torneo), Pavard, Varane, Umtiti ed Hernandez a comporre la linea difensiva. A centrocampo, come anticipato, il recuperato Matuidi dovrebbe tornare al suo posto accanto a Pogba e Kanté, in attacco il tridente Mbappé (capocannoniere del Mondiale a quota 26,00), Giroud e Griezmann.

Sembra invece scontato che Martinez voglia schierare gli uomini che gli hanno permesso di realizzare la rimonta miracolosa negli ottavi ai danni del Giappone e che hanno sbaragliato il favoritissimo Brasile nei quarti. Dunque, spazio al 3-5-2 molto versatile del tecnico spagnolo con Courtois tra i pali, Alderweireld, Kompany e Vertonghen in difesa. A centrocampo Meunier e Chadli dovrebbero agire sulle corsie esterne con in mezzo la qualità, ma anche la quantità di Fellaini e Witsel. In avanti De Bruyne dovrebbe supportare le punte Lukaku (capocannoniere del Mondiale a 11,00) ed Hazard.

football line

Pronostico Francia – Belgio Quote scommesse Mondiali 2018

Francia - Belgio, Mondiali 2018

Partita: Francia – Belgio Mondiali 2018
Data: 10/07/2018 – ore 20:00
Pronostico di scommesse: Francia
Quota: 2,54* (del 07/07/2018 alle ore 22:30)
Bookie: Bet365

E adesso, ci siamo arrivati. Siamo alle semifinali dei Mondiali di calcio 2018, Francia contro Belgio e Croazia contro Inghilterra. Le prime quattro del mondo, almeno in questo momento storico, sono al penultimo atto, quello che porterà le due vincitrici alla finale per la conquista del titolo, e le altre due alla cosiddetta “finalina”, o finale di consolazione per decidere il terzo e quarto posto di questa edizione. Qualcuno aveva pensato di abolire questa finale, ma in fondo è una partita in più, comunque vissuta e combattuta, che fa sì che anche chi esce sconfitto dalle semifinali completi in qualche modo il suo percorso nel mondiale.

Il primo dato da sottolineare è che comunque vada a finire, questa edizione andrà ad una squadra europea, dopo l’uscita di scena dell’Uruguay e del Brasile. Nel primo caso – ne parleremo tra poco – sicuramente l’esperienza è stata positiva, mentre in quello dei “Verdeoro” la bocciatura pesa, per una squadra che ha vinto cinque volte il titolo e che sembrava tornata in grande spolvero sotto la guida di Tite, in tutta la fase precedente al mondiale russo. Ma poi, quando si è trattato di arrivare al dunque, un po’ i piagnistei di Neymar, un po’ l’imponderabile che aleggia sempre sulle più importanti competizioni calcistiche, alla fine il Brasile ha salutato anzitempo gli stadi russi.

A eliminare queste due squadre sono state, rispettivamente, Francia e Belgio che si incontrano nella prima semifinale, prevista alle 20.00 italiane di martedì 10 luglio 2018, allo stadio di San Pietroburgo. Secondo i bookmakers, è verosimile che chi uscirà vincitore da questo confronto possa poi aggiudicarsi il mondiale, o almeno in questo senso vanno le quote. È un fatto che di tutte le principali favorite, siano le uniche due rimaste in corsa, considerando che l’Inghilterra anche in antepost aveva quote più alte rispetto a loro.

La Francia ha battuto seccamente l’Uruguay ai quarti di finale. L’assenza di Cavani ha inciso in modo determinante, in termini di qualità ed esperienza, nella formazione guidata da un commovente Oscar Washington Tabarez. Ma si può dire che, al di là proprio della qualità e dell’esperienza dei “Bleus”, si è affermata definitivamente la nuova stella di Mbappé, che a questo punto, in prospettiva, inizierà ad insidiare anche Messi e Cristiano Ronaldo che da anni sono i soli candidati e vincitori dei vari Palloni d’Oro. Al giovane attaccante del Paris Saint Germain servirà anche l’esperienza di campo acquisita in questo mondiale, dove ha capito dall’atteggiamento dei difensori uruguayani che non è il caso di imparare proprio tutto dal compagno di club Neymar…

Se poi vogliamo vedere il pelo nell’uovo, l’Uruguay ci ha anche messo del proprio, con la papera determinante del portiere Muslera, che non ha trattenuto la palla del secondo gol, segnato da Griezmann, mentre il primo era stato di Varane. Certamente la squadra di Deschamps non aveva bisogno di questi regali, anche perché ha mostrato durante questo mondiale una maturità importante rispetto al recente passato, che ne fa una delle candidate al successo finale, probabilmente in questo momento la più autorevole, salvo essere smentiti dal campo nella prossima, decisiva gara.

Definire rivelazione il Belgio sarebbe davvero riduttivo. Piuttosto, alcuni esperti lo avevano sottovalutato nella prima fase di questo mondiale, sottolineando la non convocazione di Nainggolan, quando invece, davvero, questa formazione si è dimostrata forte e capace anche di variazioni e cambi al suo interno. Molti, nel Paese, pensano che possa essere la volta buona per vincere la prima Coppa del Mondo. Di certo, si vorrebbe almeno migliorare quello che a oggi è il risultato più alto di questa nazionale, ossia il quarto posto ai Mondiali del 1986, perdendo proprio con la Francia la finale di consolazione.

Con questi giocatori e con Roberto Martinez alla guida, si può sognare e sperare, specie dopo la vittoria sul Brasile, grandi protagonisti Eden Hazard, Romelu Lukaku e Kevin De Bruyne, oltre al portiere Courtois che ha salvato il risultato alla fine, quel 2 a 1 preziosissimo che rispedisce i “Verdeoro” a casa e continua il mondiale dei belgi. Il tutto lasciando in panchina Dries Mertens. Come dire che le soluzioni per Martinez ci sono.

E a questo punto, eccoci alle possibili formazioni, cominciando dalla Francia che ritrova Matuidi dopo la squalifica. Sarà Tolisso a lasciargli il posto. 4-3-3 con Lloris tra i pali, terzini Pavard e Hernandez, difensori centrali Varane e Umtiti, Kantè in regia con Matuidi e Pogba mezzeali, tridente con Mbappé, Giroud e Griezmann.

Nel Belgio manca per squalifica Meunier, assenza che Martinez potrebbe risolvere spostando sulla destra Chadli (che ha un problema a un polpaccio, ma dovrebbe esserci) e inserendo Carrasco come esterno sinistro. Altra ipotesi è quella di arretrare Hazard e affiancare Lukaku davanti con Mertens. Indichiamo dunque un 3-5-2 con Courtois in porta, difesa con Alderweireld, Kompany e Vertonghen in difesa, Chadli ed Eden Hazard esterni, De Bruyne in mediana con Fellaini e Witsel mezzeali, Mertens e Romelu Lukaku a comporre la coppia di attacco.

Francia – Belgio è naturalmente una classica. La prima volta le due squadre si incontrarono ai mondiali del ’38, poi a quelli del ’56 e vinsero sempre i transalpini. Il primo successo belga risale a dieci anni dopo, alle qualificazioni per gli Europei del 1968. L’ultima volta le due squadre si sono affrontate in amichevole nel 2015 con vittoria belga per 4 a 3. Complessivamente, i precedenti sono sedici: entrambe hanno vinto cinque confronti, ovviamente sono sei i pareggi anche se uno risale alla finalina dei mondiali del 1986, vinta dai francesi ai supplementari.

Francia – Belgio pronostico:

Francia – Belgio: questa è la classica partita da tripla, dove tutto può succedere, come del resto abbiamo visto durante questo mondiale. Leggermente favorita la squadra francese, per ragioni di classe ed esperienza, e perché ha un Mbappé in più, ma sarà il campo a dare il suo responso.

Francia – Belgio quote* scommesse con Bet365
Francia 2,54/ pareggio 3,20/ Belgio 3,10
(Quote scommesse del 07/07/2018 alle ore 22:30)

football line

Analisi Brasile – Belgio Quote scommesse Mondiali 2018

Data: 06/07/2018 – ore 20,00
Bookie: Bet365

Lo stadio di Kazan ospita la gara sulla carta più interessante dei quarti di finale di questo Mondiale di Russia: Brasile – Belgio (2,15 – 3,40 – 3,70) . La squadra verdeoro non prende gol dalla prima partita contro la Svizzera e sta crescendo insieme alla sua stella Neymar, mentre la nazionale di Martinez è uscita da una situazione difficile rimontando due gol al Giappone, mostrando uno spirito e una compattezza che hanno stupito tutti.
Ma al di là della fase offensiva il Brasile è migliorato anche in difesa . Una difesa che continua a rivelarsi molto solida, con un solo gol subito, sino a questo momento. Con il Messico è stata una gara tosta, soprattutto nel primo tempo, quando Herrera e compagni hanno cercato di sorprendere i verdeoro con la loro velocità, non riuscendo però a centrare il bersaglio grosso. Poi la rete di Neymar, ha ripristinato i valori che si aspettava. Certo Neymar non risulta molto simpatica ai tifosi avversari. I suoi capricci e le sue simulazioni teatrali lo hanno resto una star del web in negativo. Un comportmento antisportivo che non attira certo consensi da parte di un pubblico neutrale che si ritrova, in questa anomala competizione, a tifare per le squadre rivelazione e non per i mostri sacri.
Il Belgio è a sua volta reduce dal grande spavento con il Giappone. Le due reti di vantaggio dei nipponici hanno fatto tremare le gambe alla squadra di Martinez,che però con Vertonghen (34,00 se a fine torneo risulterà il miglior marcatore del Belgio) ha accorciato le distanze restituendo energie e fiducia ai suoi che hanno reagito nel modo giusto. E poi i cambi azzeccati dal tecnico hanno fatto il resto con le zampate finali di Fellaini e Chadli che hanno approfittato della stanchezza dei giapponesi.
Insomma questo Belgio comincia ad essere una squadra davvero da tenere d’occhio. Ne è convinto Kompany che in una intervista candida la squadra di Martinez per altissimi traguardi: “Senza voler essere presuntuoso, ma Brasile-Belgio poteva essere una finale, diciamo che è una finale anticipata”. Parole da Capitano che aggiunge: “. Sapevamo che se avessimo vinto il nostro girone avremmo trovato un cammino più duro ma non abbiamo fatto calcoli e adesso siamo qui. Giochiamo sempre per vincere”. Il gol di entrambe le squadre in questo match è dato a 1,75.
Anche contro i brasiliani il Belgio non rinuncerà quindi al suo stile, che punta soprattutto all’offensiva. “Sappiamo bene che loro sono una squadra forte – dice Kompany -. E’ un Brasile molto equilibrato, che attacca e si difende con uguale efficacia. Noi terremo fede al nostro modo di giocare, che è di manovrare in velocità e cercare la via della rete. Ma attaccare non vuol dire che faremo i kamikaze gettandoci in avanti senza criterio”.

Il Brasile (vincente mondiale a 3,75) dovrebbe confermare il 4-3-3 che ha dato, fino ad ora, ottimi risultati; Tite, però, dovrà fare i conti con la pesante assenza di Casemiro, ammonito nella sfida con il Messico (al suo posto è pronto Fernandinho). Nessun cambio, invece, per quanto riguarda difesa ed attacco con Willian , Neymar e Gabriel Jesus a guidare la nazionale verdoro verso le semifinali. In casa Belgio (vincente mondiale a 7,00) tutti disponibili e ai posti di combattimento. Spazio al solito 3-4-3, anche se il CT sta pensando di bilanciare un po’ di più la squadra per evitare di ripetere errori fatti contro la nazionale nipponica. Dovrebbero comunque essere confermati gli undici, con Fellaini, man of the match, ancora in panchina per far spazio a Witsel.

football line

Pronostico Brasile – Belgio Quote scommesse Mondiali 2018

Pronostici Scommesse Mondiali 2018

Partita: Brasile – Belgio Mondiali 2018
Data: 06/07/2018 – ore 20:00
Pronostico di scommesse: Brasile
Quota: 2,10* (del 04/07/2018 alle ore 07:30)
Bookie: Bet365

Quarto di finale interessantissimo e molto importante quello che si svolgerà alla “Kazan Arena” alle 20.00 italiane di venerdì 6 luglio 2018, nella omonima città russa. Sono di fronte il Brasile e il Belgio: dunque la squadra da sempre maggiormente accreditata della vittoria finale, contro quella che probabilmente mai è stata così forte, nonostante la mancata convocazione di Nainggolan.

A questo punto dei Mondiali di calcio 2018, si fa più che mai sul serio e tutto può accadere. Molte grandi, che alla vigilia della competizione in Russia godevano dei favori del pronostico, sono sparite. Così tornano a casa la Germania che pure ha confermato in panchina Joachim Löw, l’Argentina di Leo Messi che sta vivendo una sorta di dramma collettivo mentre Jorge Sampaoli, blindato dal contratto, alla fine sarà cacciato ma la Federazione sta cercando di capire come, il Portogallo di Cristiano Ronaldo che ha dimostrato come questo non sia il mondiale dove un fuoriclasse basti a qualificare una squadra.

E ancora la Spagna tristemente battuta, più che dalla Russia che ha comunque i suoi meriti, da se stessa prima di tutto per il cambio di allenatore alla vigilia del mondiale, scelta di un presidente federale offeso che rischia ora di pagarla per tutto il mandato, e poi per la fine di un ciclo, dove “quel che resta del tiki-taka” si è infranto contro una Russia motivata. Con il rimpianto di salutare un Iniesta che, se fosse stato schierato fin dall’inizio anziché a gara in corso, forse avrebbe potuto cambiare le sorti dell’incontro.

Chi è arrivato a questo punto ha meritato, senza se e senza ma, anche perché molte sono passate per la cosiddetta “lotteria dei rigori”, che lotteria non è stata quasi mai, ma dimostrazione che i rigori bisogna saperli battere, o parare, a seconda dei casi. E chi forse aveva sottovalutato un po’questo aspetto, come è sembrata fare la Danimarca, alla fine ha fatto le valigie.

Eppure il Messico piange e protesta, quasi non ci sta a perdere. È vero: Neymar ha tocchi di classe che risolvono le partite, ma esagera molto nei falli subiti, quasi che ogni volta che viene toccato debba essere chiamato al suo capezzale il sacerdote per l’estrema unzione. Cosa che non gli attirerà di certo, d’ora in avanti, le simpatie dei difensori ma neppure quelle degli arbitri. In Italia ci sono stati dei calciatori con la medesima peculiarità, che alla fine a momenti si vedevano fischiata la simulazione anche quando il fallo era reale e pesante.

Si può recriminare quanto si vuole, prendersela con gli arbitraggi (ma c’è poco da dire al nostro Rocchi, davvero), e alla fine bisogna starci. Il Brasile ha vinto nei tempi regolamentari, ha battuto due a zero il Messico, e non lo ha certamente battuto per la lamentosità di Neymar. Che in prospettiva, rischia di nuocergli più di quanto la sua classe possa servire a lui e alle sue attuali e future squadre.

Il Brasile c’è, è motivato, risolve le partite. Ma c’è ancora di più il Belgio, capace di ribaltare la sfida con un Giappone che a un certo punto ci aveva fatto la bocca, e che invece, a due passi dai supplementari, è stato schiantato dalla più classica delle ripartenze, dopo un tentativo di Honda che ha provocato un’autentica autostrada per i belgi davanti alla porta difesa da Kawashima, e da qui il rovesciamento di fronte con il gol firmato da Chadli su passaggio di Meunier. Questo Belgio è forte e può farcela con tutti, anche se certe ingenuità è difficile vederle nei “Verdeoro”.

La partita tra Brasile e Messico ha avuto molti cartellini gialli, soprattutto tra i messicani che hanno cercato di fermare gli avversari con le buone e con le cattive, ma anche Casemiro ne ha rimediato uno e guarderà dalla tribuna questo quarto di finale. Alcuni attesi protagonisti, come Chicharito, alla fine sono stati sostituiti, dato che i difensori brasiliani avevano saputo prenderne le misure. E a segnare la seconda rete è stato Roberto Firmino, che non era stato una prima scelta di Tite, ma aveva invece rilevato solo un paio di minuti prima Coutinho, che nella fase a gironi invece era stato determinante. Questo è il Brasile: non solo Neymar e i suoi “lamenti” (anche i suoi gol comunque), ma una squadra con varie opportunità, con una grande esperienza e la capacità di fare propria la gara in qualsiasi momento. Due squadre che cercheranno di prendersi le misure, di fare il proprio gioco impedendo quello avversario. Inutile dirlo: da una partita così il pubblico del Mondiale, anche quello neutrale, si aspetta molto.

Il Brasile sorride anche perché è tornato ad allenarsi Douglas Costa: lo juventino aveva saltato la partita con il Messico a causa di un infortunio muscolare al termine della partita con la Costa Rica, e dovrebbe esserci, capiremo se dall’inizio ma probabilmente no. Non ci sarà invece Casemiro a centrocampo, squalificato per somma di ammonizioni. Al suo posto Fernandinho.

Anche il Belgio ha dimostrato di avere risorse importantissime in panchina, come Fellaini subentrato a Mertens e poi andato in rete, o come lo stesso Chadli, anche lui non una prima scelta, ma entrato al posto di Carrasco. Ma in questo Belgio segnano anche i difensori, come Vertonghen, alla distanza e su colpo di testa. Va bene tutto e va bene comunque, l’importante è metterla dentro. Anche se naturalmente, quelli “deputati” maggiormente allo scopo, sono i vari Hazard e Lukaku, con alle spalle del tridente un De Bruyne che ha sempre il polso del centrocampo ed è capace di incursioni importanti.

Non dimentichiamoci tra l’altro che la squadra belga, insieme con l’Uruguay, è l’unica ad avere vinto finora tutte le partite del Mondiale, naturalmente nei minuti regolamentari se facciamo riferimento agli ottavi.

Questa è la panoramica, adesso pensiamo a quelle che potrebbero essere le formazioni di questa sfida. Dando per recuperato Douglas Costa, dovrebbe comunque essergli preferito Willian, sempre titolare in questo mondiale. Dunque, consueto 4-2-3-1 con Alisson tra i pali, terzini Fagner e Filipe Luis, difensori centrali Thiago Silva e Miranda, in mediana Fernandinho e Paulinho, sulle ali Willian e Neymar, Coutinho alle spalle di Gabriel Jesus terminale offensivo. Qualora Tite dovesse preferire un 4-3-3, magari per sfruttare meglio le peculiarità di Fernandinho, allora Coutinho potrebbe essere arretrato in mediana, con un tridente formato da Willian, Gabriel Jesus e Neymar.

Il Belgio gioca con il 3-4-3, e Roberto Martinez dovrebbe confermare la formazione partita titolare con il Giappone, sapendo di potersi affidare a ottimi cambi. Courtois il portiere, difensori Alderweireld, Kompany e Vertonghen, esterni Meunier e Carrasco, interni De Bruyne e Witsel, tridente con Mertens, Romelu Lukaku ed Eden Hazard.

Le due squadre non si incontrano dai mondiali del 2002: vinse il Brasile per due reti a zero.

Brasile – Belgio pronostico:

Brasile – Belgio: a questo punto può davvero succedere di tutto, perché le squadre arrivate ai quarti di finale si sono sudate il passaggio del turno come mai finora era avvenuto da quando era iniziato il Mondiale in Russia. Rimane in ogni caso favorito il Brasile, squadra con maggiore tradizione e palmares, anche se talvolta ha avuto clamorosi scivoloni.

Brasile – Belgio quote* scommesse con Bet365
Brasile 2,10/ pareggio 3,50/ Belgio 3,75
(Quote scommesse del 04/07/2018 alle ore 07:30)

football line
i-bookmakers.it valuta e confronta con costante aggiornamento tutti gli importanti bookmakers autorizzati in Italia.   18+   AAMS
Bookmakers | Bookmaker online | Scommesse sportive | Scommesse calcistiche | Scommesse live | Siti di scommesse | Scommesse Online | Bookmaker
Vi raccomandiamo di scommettere con responsabilità.