Logo di i-bookmakers .it
Notizie di Scommesse

Pronostico Banants – Sarajevo Quote scommesse Europa League

10 luglio 2018 / Davide

Partita: Banants – Sarajevo Europa League
Data: 11/07/2018 – ore 15:30
Pronostico di scommesse: Sarajevo
Quota: 1,90* (del 11/07/2018 alle ore 05:40)
Bookie: Bet365

Dovendo scegliere una sulle quarantasette(!) partite in programma per gli ottavi di finale del torneo di qualificazione all’Europa League 2018-2019, per forza di cose, dimenticandoci nomi abbastanza importanti come il Zalgiris Kaunas, il Levski o il CSKA di Sofia, il Partizan di Belgrado, o ancora i Rangers di Glasgow, è abbastanza chiaro che dobbiamo puntare la nostra attenzione sull’incontro dal quale scaturirà l’avversaria ai quarti per l’unica squadra italiana che dovrà conquistarsi ai preliminari la partecipazione alla seconda competizione continentale. Squadra che, al momento, non sappiamo ancora se sarà l’Atalanta o la Fiorentina, e ne parleremo quasi subito.

Prima, però, dobbiamo presentare questo confronto, che si svolgerà in andata e ritorno. Si comincia in Armenia mercoledì 11 luglio 2018, per motivi di fuso orario nell’anomala collocazione delle 15.30 ora italiana, al “Banants Stadium” della capitale Yerevan, città che dunque per due volte in questa settimana incrocia il calcio europeo, dopo aver ospitato il confronto di Champions tra Alashkert e Celtic Glasgow. Il Banants ospita il Sarajevo, mentre il ritorno si giocherà il 18 luglio nella capitale bosniaca.

Da qui sortirà l’avversaria per l’Atalanta, oppure per la Fiorentina. Come noto, ma qui vale la pena di ribadirlo in modo dettagliato prima di occuparci di questa partita, al TAS di Losanna, il tribunale arbitrale dello sport, pende un ricorso del Milan contro la decisione dell’UEFA di escluderlo per motivi finanziari dalle competizioni europee per la prossima stagione.

Il Milan ha chiuso il campionato di Serie A al sesto posto, conquistando la seconda piazza disponibile per l’accesso diretto in Europa League a partire dalla fase a gironi. Settima invece si è classificata l’Atalanta, che quindi deve disputare i preliminari, a partire dai quarti di finale, contro la vincente del confronto che qui presentiamo. Ottava, e quindi esclusa dalle competizioni europee, sarebbe la Fiorentina che tuttavia rientrerebbe in gioco in caso di esclusione dei “Rossoneri”.

Infatti a quel punto i bergamaschi acquisirebbero il diritto ad accedere direttamente alla competizione, e al loro posto sarebbero ai preliminari i “Viola”, che nel frattempo hanno ripreso gli allenamenti per non trovarsi impreparati all’eventualità. Purtroppo il TAS dovrebbe pronunciarsi, a quanto si sa, solamente il 19 luglio, ossia un giorno dopo la gara di ritorno tra Banants e Sarajevo, e questo complica ovviamente la preparazione per le due italiane che ancora non sanno che tipo di stagione dovranno affrontare, con il rischio di aver anticipato a vuoto il proprio ritiro.

I preliminari di Europa League sono abbastanza laboriosi nel proprio svolgimento, dal momento che sono partiti dai sedicesimi di finale che hanno coinvolto quattordici squadre che si sono affrontate in doppio confronto con eliminazione diretta. Sette di esse si sono qualificate agli ottavi, dove sono entrate di diritto altre 87 squadre. Ne passeranno ai quarti evidentemente 47, che si vanno ad aggiungere alle 27 che entreranno in scena direttamente in quella fase, tra cui la squadra italiana (come detto attualmente l’Atalanta). E qui ci fermiamo, almeno per il momento.

Sia il Banants che il Sarajevo cominciano il loro percorso in questo torneo di qualificazione dagli ottavi di finale. La squadra armena accede grazie al secondo posto nella sua Premier League nazionale, alle spalle dell’Alaskhert, che ha conquistato l’unico posto disponibile per i preliminari di Champions. Ricordiamo che solo sei squadre prendono parte al massimo campionato armeno.

Altre due squadre del paese disputano i preliminari di Europa League, e sono la terza e la quarta, rispettivamente il Gandzasar impegnato in questo turno con i polacchi del Lech Poznan, e il Pyunik che affronta il Vardar. In realtà sarebbe quarto lo Shirak, ma lo è a causa di una pesante penalizzazione in classifica per lo scandalo delle partite truccate, sanzione che lo esclude anche dai preliminari (altrimenti avrebbe concluso alla pari con l’Alaskhert!). È bene ricordare che in questo campionato non ci sono retrocessioni, dal momento che la maggior parte delle formazioni che giocano nella seconda serie sono le cosiddette “squadre B” di quelle che militano nel torneo maggiore. Inoltre, due squadre non hanno ottenuto la licenza per partecipare alla Premier League, che in armeno si chiama Bardsragujn chumb.

Il miglior marcatore della formazione del Banants è un attaccante di Trinidad e Tobago, non ancora trentenne, Lester Peltier, trasferitosi dall’Alashkert proprio in questa stagione, ed in passato impegnato in alcune stagioni nello Slovan di Bratislava. Il suo allenatore Aran Voskanyan lo utilizza talvolta da trequartista, alle spalle del ventenne brasiliano Fagner Santos de Paichao, arrivato in Armenia lo scorso febbraio, ceduto dal Colorado Atletico Clube. I movimenti di mercato sono stati parecchi, ma quasi tutti a costo zero: prestiti e riscatti in entrata e in uscita.

Dire che il Banants non abbia impressionato nelle due amichevoli disputate a luglio, alla ripresa dell’attività, è davvero un eufemismo, dato che contro i russi del Tambov ha perso 0-9, tra l’altro con tre rigori che dimostrano come la formazione sia stata abbastanza fallosa. Con i bielorussi del Neman, squadra probabilmente più alla portata della compagine armena, è andata decisamente meglio un paio di giorni dopo: 1 a 1, con Peltier a segnare la rete del Banants.

La squadra gioca in uno stadio nel quale trovano posto poco meno di 5mila spettatori. Lo conosce l’attaccante milanista Patrick Cutrone, che nel 2016 vi ha giocato con la nostra nazionale Under 19.

Il Sarajevo approda a questo torneo in virtù del terzo posto conquistato nei playoff della Premier League di Bosnia-Erzegovina, vinta dal Zrinjski, che accede al torneo di qualificazione in Champions, davanti al Zeljeznicar, impegnato in questo turno contro gli estoni del Narva. La squadra ha un nome ed anche una tradizione internazionale di un certo rilievo, legata soprattutto all’epoca in cui la Bosnia faceva parte della Jugoslavia, e quindi anche di quel campionato, che vinse in due occasioni.

Dopo l’indipendenza, e quindi dalla nascita del torneo bosniaco, il Sarajevo lo ha vinto tre volte, mentre in cinque casi si è aggiudicato la coppa nazionale. La proprietà è attualmente malese. Il giocatore più importante, fino a pochi giorni fa, era il 27enne di origine croata Elvis Saric, centrale di centrocampo che però proprio lo scorso 1° luglio si è svincolato. Non gli mancheranno gli acquirenti, essendo nel giro della nazionale bosniaca. Fatto sta che in questo momento la rosa è abbastanza modificata, tra riscatti o fine prestiti in entrata e uscita.

Dalla propria formazione Under 19 sono arrivati il difensore centrale Kurdic e il centrocampista di destra Resic. Quattro invece i giocatori riscattati gratuitamente dalle rispettive proprietà e quindi confermati nella rosa: sono il difensore centrale Dupovac, le ali Sisic e Tatar e la punta centrale Handzic. Cinque giovani giocatori, età massima 21 anni, sono invece rientrati dai rispettivi prestiti.

L’allenatore Husref Musemic è una sorta di istituzione per questa squadra, che ha già guidato in diverse occasioni, anche se con alterne vicende e fortune. È tornato lo scorso anno su questa panchina dopo una parentesi di quattro anni.

Proviamo a ipotizzare le formazioni, chiaramente sulla base delle scarne informazioni che si possono attingere, tra una squadra come quella armena non particolarmente conosciuta, e una che sta cambiando molto come quella bosniaca.

Come detto, il Banants dovrebbe giocare con il 4-2-3-1. Come formazione, stiamo a quella schierata nell’ultima gara ufficiale, contro l’Ararat di Yerevan in campionato. Ghazaryan il portiere, i terzini Ayvazyan e Petrosyan, difensori centrali Jovanovic e Khovbosha, in mediana Solomon e Sibo, sulle ali Melkonyan e Bareghamyan, Peltier alle spalle di Santos de Paichao.

Schieramento speculare per il Sarajevo: tra i pali c’è Pavlovic, i terzini dovrebbero essere Sabanovic e Bekic, difensori centrali Adukor (che di ruolo sarebbe mediano ma viene anche arretrato) e Mujakic, in mediana Mustafic e Stanojevic, sugli esterni Sisic e Halilovic, seconda punta il capitano Velkoski, alle spalle di Ahmetovic.

Si tratta di un confronto inedito, senza alcun precedente, neppure in amichevole.

Banants – Sarajevo pronostico

Banants – Sarajevo: il percorso recente della squadra armena favorisce per una vittoria finale la squadra ospite, in una partita nella quale, a parte l’esito finale, risulta difficile anche consigliare su che cosa indirizzare la propria scommessa, dal numero di gol, al parziale-finale dove forse si può tentare di giocare qualcosa. La bilancia pende comunque dalla parte del Sarajevo.

Banants – Sarajevo quote* scommesse con Bet365
Banants 3,50/ pareggio 3,25/ Sarajevo 1,90
(Quote scommesse del 11/07/2018 alle ore 05:40)





Le offerte descritte potrebbero essere riservate ai nuovi utenti oppure essere scadute. Valgono le condizioni generali di contratto dei bookmaker. Vi raccomandiamo di evincere i dettagli precisi direttamente dal sito del bookmaker. Tutti i pronostici si basano sull'opinione personale dell'autore. Non esiste una garanzia di successo. Vi raccomandiamo di scommettere con responsabilità. 18+

* Tutte le quote di scommesse indicate erano valide al momento della redazione dell'articolo. Ogni quota di scommessa subisce variazioni. Per favore controllate le quote aggiornate sul sito del relativo bookmaker!



football line





i-bookmakers.it valuta e confronta con costante aggiornamento tutti gli importanti bookmakers autorizzati in Italia.   18+   AAMS
Bookmakers | Bookmaker online | Scommesse sportive | Scommesse calcistiche | Scommesse live | Siti di scommesse | Scommesse Online | Bookmaker
Vi raccomandiamo di scommettere con responsabilità.