Logo di i-bookmakers .it

I bookmakers per i Mondiali 2018


I bookmakers per i Mondiali 2018 puntano sulla Germania, ma attenzione a Brasile

   
Bookmakers
I campionati nazionali sono ormai giunti quasi al termine, in qualche caso come in Germania o in Inghilterra con il campione già certo aritmeticamente, e quindi si comincia a pensare al Mondiale russo che prenderà il via a metà giugno per terminare a metà luglio, e che purtroppo gli italiani potranno vedere solo come spettatori. Andiamo allora ad analizzare le proposte dei Bookmakers per i Mondiali 2018, per cercare di comprenderle, individuare le migliori quote offerte e dunque scegliere come orientarsi.


Le squadre che si sono qualificate alla fase finale della Coppa del Mondo sono trentadue: una sola è qualificata d’ufficio, ossia la Russia paese ospitante, mentre anche la nazionale detentrice del titolo, la Germania, è dovuta passare per le qualificazioni. Sono venti le squadre che erano presenti anche all’edizione precedente, effettuata nel 2014 in Brasile, mentre spicca l’assenza, oltre all’Italia, di nazionali come quella olandese (ossia i Paesi Bassi), Cile, Camerun e Stati Uniti.

Valgono i Termini e le Condizioni. Per ulteriori informazioni visitate per favore il sito del bookmaker. 18+. Questa valutazione si basa sulle nostre esperienze personali e riporta le nostre opinioni.

I migliori bookmakers


Diamo uno sguardo ai gironi, così come sono usciti dal sorteggio effettuato a Mosca:

Gruppo A

È il gruppo della nazione ospitante, e oltre alla Russia comprende l’Arabia Saudita, l’Egitto e l’Uruguay di Cavani. Dovrebbe essere tutto sommato un girone abbastanza tranquillo per la formazione di casa, pur considerando la presenza nell’Egitto di un fuoriclasse come Salah, e l’esperienza sulla panchina uruguayana di Oscar Washington Tabarez, al suo quarto mondiale. Nessuna di queste squadre, salvo ovviamente sorprese che escano dal campo, viene vista alla vigilia come una potenziale vincitrice del titolo. Uruguay e Russia dovrebbero comunque passare agevolmente il turno.

William Hill ha quote abbastanza alte per queste squadre a proposito di un possibile successo finale nella competizione, quella che delle quattro ha più chance è l’Uruguay ma comunque con un 26,00 contro la quota 51,00 della Russia. Le altre molto, molto più alte. Non troppo diversi gli altri bookie: Bwin dà qualche chance in meno all’Uruguay quotato 34,00 e qualcosa in più ai russi quotati qui 41,00, più o meno sulla stessa linea Snai, con i sudamericani a 33,00 e i padroni di casa a 40,00, così come Interwetten, dove la squadra di Tabarez si attesta a 30,00 e quella di Cherchesov a 50,00. Una curiosità che la dice lunga è la quota 1001,00 data all’Arabia Saudita da William Hill circa una vittoria ai Mondiali. La più alta (insieme con Panama).

Gruppo B

Comprende il Portogallo di Cristiano Ronaldo, la Spagna di Piqué e Ramos, Marocco e Iran. Le prime due sono naturalmente favoritissime nel passaggio del turno, e occorrerà capire se le altre potranno ritagliarsi qualche ruolo per rompere le uova nel paniere alle nazionali della penisola iberica.

È ovviamente la Spagna quella con i maggiori favori di pronostico per la vittoria finale, tra queste quattro squadre. Tutti la quotano 7,00 – sulla scia di altre nazionali di tradizione che qui troveremo analizzando i gironi successivi –  mentre meno chance vengono date ai portoghesi, che William Hill quota 26,00 e Bwin 23,00. Numeri a tre cifre per le altre due squadre del girone.

Gruppo C

La Francia allenata da Didier Deschamps incrocia sul proprio cammino iniziale Australia, Perù e Danimarca. I “Bleus” non dovrebbero avere problemi a superare il turno, mentre per la seconda dovrebbe esserci più bagarre. Anche per la Francia, come per la Spagna, le quote relative a una possibile vittoria del mondiale sono abbastanza basse, intorno a 7,00 come Interwetten o 6,50 come William Hill. Inutile dire che per le altre le quote sono molto più elevate.


Gruppo D

Girone più difficile, perché ci sono insieme l’Argentina, la Croazia e la Nigeria oltre all’Islanda che malissimo nelle qualificazioni non ha fatto. Chiaro che sia favorita la squadra argentina, ma qualche considerazione va fatta, in un periodo nel quale ci si interroga sulle condizioni di Messi, e anche sullo stato di forma di Higuain ci si fa qualche domanda. Da capire anche se continuerà l’ostracismo nei confronti di Mauro Icardi, più per motivi personali che calcistici. In ogni caso, ovviamente l’ “Albiceleste” rimane tra le favorite per la conquista finale del titolo, ma con quote meno basse rispetto ad esempio al Brasile o a qualche nazionale europea.

Tutti quotano 10,00 la “Seleccion” come vincitrice dei Mondiali (SNAI 9,00), mentre la Croazia ondeggia tra i 29,00 di William Hill e i 40,00 di Interwetten. Molto più alte le altre due, ovviamente.

Gruppo E

Il Brasile, squadra che con quella tedesca ha i maggiori favori del pronostico per la vittoria del titolo, deve vedersela con la Svizzera, la rivelazione Costa Rica e la Serbia. Naturalmente, pur considerando una giusta resistenza soprattutto delle due formazioni europee, è chiaro che i “Verdeoro” non dovrebbero avere assolutamente problemi a vincere questo girone. Sotto la guida di Tite, la squadra si è nettamente rilanciata dopo anni bui e difficili per una nazione che vive molto di calcio. L’unica incognita è legata alle condizioni di Neymar e a come si presenterà a questo appuntamento dopo la frattura del quinto metatarso che lo ha costretto a una lunga sosta.

Quanto al successo finale, come si diceva, il Brasile se la “gioca”, almeno nelle quote, con la Germania. È il favorito per Bwin che lo quota 5,00, mentre SNAI lo indica a 5,50. Comunque la situazione è più o meno questa.

Gruppo F

Girone forte, perché insieme con la Germania che difende il titolo, ci sono il Messico, la Svezia e la Corea del Sud. Sulla Germania, grande protagonista da sempre della scena mondiale del calcio, ma negli ultimi anni ancora di più grazie alla gestione di Joachim Löw, c’è poco davvero da aggiungere. Non solo la squadra ha vinto il titolo quattro anni fa, ma ha saputo anche creare una nuova generazione di calciatori in grado di integrarsi e poi sostituirsi gradualmente a chi è salito sul tetto del mondo. Geniale si è dimostrata l’idea dello “sdoppiamento” deciso lo scorso anno per giocare la Confederations Cup vinta in Russia proprio con una squadra sperimentale, lasciando i big agli altri impegni importanti.

La Svezia, che ha eliminato l’Italia, rischiava di logorarsi sulla questione Ibrahimovic, probabilmente risolta comunque sul nascere: il bomber, che ha molte doti ma non quella dell’umiltà, aveva fatto a suon di dichiarazioni una sorta di “autopromozione” legata alla sua presenza alla fase finale del Mondiale, probabilmente spalleggiato anche da qualche dirigente. Ma non dal commissario tecnico Jan Andersson, che più volte ha ripetuto in modo molto netto che è lui e soltanto lui a decidere chi convocare. Ed è stato ufficializzato che Ibra non verrà convocato e sarà invece confermato il gruppo che ha staccato il biglietto per la Russia. Gruppo nel quale Ibra non c’era e a quanto pare da alcune dichiarazioni, non sarebbe neppure molto gradito. Ma è chiaro che la presenza o l’assenza di un personaggio così importante rischiasse in qualche modo di togliere concentrazione in un girone che non è proprio semplicissimo.

Unanime il 5,50 dei bookmaker su un possibile successo finale della squadra tedesca, quindi un “bis” immediato. Gli altri del girone sono tutti sulle tre cifre.


Gruppo G

È composto da Belgio, Panama, Tunisia e Inghilterra. Chiaramente, sono i “Diavoli Rossi” e gli inglesi nettamente favoriti per il passaggio del turno, con le altre due squadre – Panama in particolare – quasi destinate a fungere da spettatrici. Ma stiamo attenti perché spesso gli outsider hanno saputo creare problemi a formazioni più titolate. Quanto alle quote per la vittoria finale, i belgi sono visti leggermente meglio, tra 12,00 e 14,00, rispetto agli inglesi che sono tra 17,00 e 19,00.

Gruppo H

Sulla carta dovrebbe trattarsi del girone meno scontato, dove nessuna parte battuta: ne fanno parte Polonia, Senegal, Colombia e Giappone. Lontani i tempi di Lato e Boniek, oggi nella squadra polacca la star è senza dubbio Robert Lewandowski e ci sono abituali frequentatori del nostro campionato come il portiere Szczesny, Milik e Zielinski con la possibilità che si vedano anche Linetty e Bereszynski.

Se due giocatori del Napoli, Milik e Zielinski saranno nella nazionale polacca, un altro, Kaladou Koulibaly, sarà il simbolo di quella senegalese e probabilmente arriverà in grande forma all’appuntamento con il mondiale russo.

Radamel Falcao è il capitano della Colombia, allenata da Josè Pekerman e che annovera tra i suoi giocatori di spicco anche James Rodriguez, stella del Bayern Monaco ma il cui cartellino è ancora del Real Madrid. Nella squadra tedesca è tornato al suo ruolo di trequartista e sarà interessante vedere se gli verrà mantenuto anche in nazionale.

È un’incognita la nazionale giapponese, qualificata per la sesta volta di fila alla fase finale, ma che ha da poco esonerato “per problemi di comunicazione con i giocatori” il proprio commissario tecnico Vahid Halilodzic sostituendolo con l’ex direttore tecnico federale Akira Nishino.  

Guardando le quote legate sempre al possibile successo finale, è la Colombia la squadra messa meglio: SNAI la quota 30,00, mentre altri bookmaker salgono intorno a 40,00, davanti alla Polonia, che ha una quota media di 50,00. Le quote di Giappone e Senegal sono a tre cifre…

Vittoria finale

Ricapitolando, i principali favoriti per i bookmaker sono Brasile e Germania, non necessariamente nello stesso ordine, davanti a Francia, Spagna e Argentina. Le altre vengono comunque tutte dopo, mentre arrivano alla quota 1000,00 se non oltre, Panama e Arabia Saudita, fanalini di coda in questa particolarissima classifica.

Nel dettaglio, la nazionale “Carioca” è preferita da Bwin, mentre quella teutonica è di poco la favorita per Interwetten. Pari sono (5,50) invece per William Hill e SNAI. Francia e Spagna, come dicevamo, vengono a ruota, in genere alla pari: Interwetten quota 7,00 una loro vittoria finale, mentre SNAI segna 7,50. Leggerissimo favore, in genere mezzo decimale, per i “Bleus” da parte di altri bookie. Poco più in là, ma comunque al massimo 10,00 (William Hill) per l’Argentina. Le altre, dal Belgio in poi, vengono tutte dopo questo gruppo.




Se siete interessati a scommesse sportive, create un conto con questi bookmakers online.





Ultimo aggiornamento :    15 Giugno 2018
I migliori bookmakers online
Valutazione di i-bookmakers.it


Bet365
5 Stelle valutazione
Ottimo
4.60 / 5
Bet365 è secondo noi il miglior bookmaker online. Un’assistenza ai clienti efficace,
quote straordinarie, ottime scommesse live ed in generale una fantastica offerta per le scommesse.
BET365
Bookmaker online Unibet
Bookmakers
Bookmaker Bet365 Bet365
Bookmaker 888Sport 888Sport
Bookmaker Unibet Unibet
Bookmaker William Hill William Hill
Bookmaker Betfair Betfair
Bookmaker Bwin Bwin
Bookmaker SNAI SNAI
Bookmaker SportYES SportYES
Bookmaker Betclic Betclic
Bookmaker Eurobet Eurobet
Tutti bookmakers
i-bookmakers.it valuta e confronta con costante aggiornamento tutti gli importanti bookmakers autorizzati in Italia.   18+   AAMS
Bookmakers | Bookmaker online | Scommesse sportive | Scommesse calcistiche | Scommesse live | Siti di scommesse | Scommesse Online | Bookmaker
Vi raccomandiamo di scommettere con responsabilità.